Gené: "La F.1 deve decidere se vuole l'ibrido o gare più spettacolari!"

Motorsport.com ha incontrato a Fiorano Marc Gené, tester al simulatore Ferrari che ha parlato della recente introduzione delle nuove tecnologie nel mondo del Motorsport. "Nel WEC l'ibrido va bene, la F.1 deve decidere se vuole gare più spettacolari!".

Gené: "La F.1 deve decidere se vuole l'ibrido o gare più spettacolari!"
Juan Pablo Montoya, con la moglie Connie Montoya, e Marc Gene, pilota collaudatore Ferrari
Marc Gene, collaudatore Ferrari all'Amber Lounge Fashion Show.
(L to R): Marc Gene, Ferrari Test Driver with Federica Masolin, Sky F1 Italia Presenter
(Da Sx a Dx): Marc Gene, Test Driver Ferrari con Davide Valsecchi, Presentatore Sky F1 Italia, Federica Masolin, Presentatrice Sky F1 Italia, e Jacques Villeneuve
(Da Sx a Dx): Sergio Perez, Sahara Force India F1 con Marc Gene, Test Driver Ferrari
Sergio Perez, Sahara Force India e Marc Gene, Scuderia Ferrari
Marc Gene, Ferrari Test Driver
Mark Webber, Porsche Team WEC Driver - Channel 4 Presenter and Marc Gene, Ferrari Test Driver
Marc Gene, Ferrari Test Driver
Marc Gene, Ferrari Test Driver with Sebastian Vettel, Ferrari
Jacques Villeneuve with Federica Masolin, Sky F1 Italia Presenter and Marc Gene, Ferrari Test Driver
Marc Gene, Ferrari
Marc Gene, Ferrari Test Driver
Marc Gene, Ferrari Test Driver
Marc Gene, Ferrari tester

La tecnologia ibrida ed elettrica si sta facendo sempre più largo nel mondo del Motorsport, soprattutto nelle ultime stagioni, con la nascita della Formula E e con l'introduzione delle power unit in Formula 1 e nel World Endurance Championship.

Di questo momento di transizione del Motorsport ne abbiamo parlato con Marc Gené, tester al simulatore della Ferrari. Il pilota spagnolo si è concesso ai microfoni di Motorsport.com parlando di nuove tecnologie nel Motorsport, della sua esperienza come pilota nel WEC con Peugeot e Audi, ma anche dell'attuale situazione tecnica della Formula 1.

Marc, cosa pensi dell'introduzione della tecnologia elettrica attualmente impiegata nel Motorsport?
“Al momento però la tecnologia non è ancora così avanzata da permettere di sostenere una gara intera. In Formula E abbiamo il cambio della vettura a metà corsa, la tecnologia non supporta ancora una vettura da gara per l'intera durata della competizione. A oggi la tecnologia migliore è la ibrida. E' quella del presente e credo anche quella dei prossimi anni. Basti vedere la direzione presa dalla Formula 1 e dal World Endurance Championship".

"Quella tecnologia funziona molto bene. E' incredibile come un motore 1.6 possa sprigionare una potenza del genere in F.1. Sulle stradali credo che l'ibrido e il plug-in sia la strada più percorribile attualmente. La vettura 100% elettrica funziona bene, ma non ci sono le infrastrutture. Nei paesi sono assenti, in città ci sono, ma sono ancora insufficienti. Le vetture 'full electric' di serie e da corsa non sono la scelta ottimale. Ancora non ci siamo".

La vettura elettrica può però essere considerata una vera e propria macchina da corsa?
"Sì, e posso parlare per esperienza. Quando ho corso con Peugeot alla 24 di Le Mans avevamo un propulsore diesel. All'inizio pensavo che non avremmo fatto assolutamente nulla, perché la tipologia di alimentazione non sembrava per nulla adatta alle competizioni. Poi ti rendi conto che il rumore, anche se viene cercato e amato da noi piloti, non è un gran problema se manca. La Peugeot non faceva quasi rumore, sentivi turbo, i fruscii aerodinamici e altre piccole cose".

"L'importante è che sia una vettura potente e prestazionale, poco importa come viene alimentata e il rumore che fa. Ad alcuni mancherà il rumore dei motori V12, V10, V8. Dobbiamo considerare che le vetture elettriche hanno un'accelerazione anche migliore rispetto alle altre. Sarà sportiva eccome".

Quando sei passato all'Audi hai avuto a disposizione una LMP1 ibrida. Come hai dovuto cambiare il tuo modo di guida?
"Al passaggio da Peugeot ad Audi ho dovuto cambiarlo eccome. Sono passato da avere una propulsione diesel a una ibrida. Dovevo controllare in maniera certosina l'energia a disposizione nel corso del giro. Ero in Audi nel 2014. Al primo anno delle power unit in F.1 ho spiegato come gestivamo noi l'energia nel corso della 24 Ore. Oggi invece i piloti non gestiscono più l'energia in prima persona, c'è chi lo fa per loro. Per cui come si utilizza l'energia a disposizione nel giro non è più il pilota a deciderlo".

A oggi qual è il miglior metodo per risparmiare energia nelle vetture Motorsport odierne?
"Ora il miglior modo di risparmiare energia, qualora un pilota fosse in difficoltà, è utilizzare il veleggiamento prima di una frenata, ossia sollevare il piede dall'acceleratore qualche decina di metri prima del punto di staccata e far rallentare dolcemente la vettura. Il risparmi è in ingresso curva, non in accelerazione quando si è in uscita. Qui si ha un buon risparmio, anche considerando il poco tempo che si perde in termini cronometrici. Il problema è che, quando te lo chiedono via radio e sei in lotta con un altro pilota, odi questo messaggio. Non sai se l'avversario sia messo nella medesima situazione e quindi è davvero difficile mantenere i nervi saldi. Ti viene da dire 'ma come faccio ad alzare il piede dall'acceleratore 30 metri prima del punto di staccata?', e in quel momento devi avere un bel sangue freddo".

Ci puoi indicare il profilo del pilota del futuro?
"Credo che le poche prove e il tanto tempo al simulatore sia la chiave. Nel senso che i giovani piloti saranno molto legati al simulatore e multitasking. Faranno meno fatica a fare tante cose diverse. Guidare, spostare i manettini, parlare con i box... Forse i prossimi piloti dovranno saper gestire l'energia. E non parlo solo del motore, ma anche delle gomme, delle componenti”.

Credi che questa possa essere la strada giusta per la F.1?
“Secondo me questa può essere una direzione ideale per il WEC, ma la Formula 1 si deve interrogare su questo aspetto. Vogliamo ancora che si debbano gestire così tante cose o vogliamo vedere i piloti che spingono al 100% per tutta la gara? Vogliamo una gara 'esplosiva' e spettacolare? La F.1 deve decidere".

condivisioni
commenti
Ferrari: la monoposto 2017 nasce secondo le migliori aspettative

Articolo precedente

Ferrari: la monoposto 2017 nasce secondo le migliori aspettative

Prossimo Articolo

Mercedes: al posto di Rosberg si cerca un fine collaudatore

Mercedes: al posto di Rosberg si cerca un fine collaudatore
Carica commenti
Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese" Prime

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Il primo giorno in pista ha regalato qualche inaspettata sospesa. Colpa del caldo che, a quanto pare ha giocato qualche brutto scherzo a chi pensava di far bene. Franco Nugnes e Giorgio Piola, in questo nuovo video, analizzano le prove libere del Gran Premio d'Ungheria.

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere" Prime

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu ci parlano ed analizzano le prove libere del venerdì del Gran Premio di Ungheria. Max Verstappen, partito coi favori del pronostico, non ha letto il mutare delle temperature e delle gomme che ha influito sulle performance della RB16B, al contrario di quanto fatto dagli uomini Mercedes

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas" Prime

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"

In questa nuova podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il venerdì di prove libere del Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate" Prime

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate"

La Formula 1 arriva in Ungheria. In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano le novità portate dai team sullo storico tracciato dell'Hungaroring. Siamo solo a giovedì, ma qualcuno ha già svelato qualche particolare dettaglio...

Formula 1
29 lug 2021
Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali" Prime

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali"

Compie quarant'anni Fernando Alonso. L'asturiano, due volte campione del mondo, è un pilota capace di vincere due titoli mondiali ancora in giovane età per poi raccogliere meno di quanto il suo talento gli avrebbe consentito per i motivi più svariati. Insieme a Gian Carlo Minardi ricordiamo i suoi esordi in Formula 1...

Formula 1
29 lug 2021
F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute Prime

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute

Non c'è solo il duello tra Verstappen e Hamilton per la conquista del titolo iridato ad attirare l'attenzione sulla Formula 1. Molti sponsor tecnologici stanno investendo nei team e questo è un segno di un ritrovato interesse che fa ben sperare per il futuro.

Formula 1
28 lug 2021
Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato” Prime

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato”

In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano del clima in vista del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dove tanto Mercedes quanto Red Bull arriveranno a nervi tesi. Più che i piloti, a tenere elevata la tensione sono i team principal

Formula 1
28 lug 2021
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

Formula 1
27 lug 2021