Gasly: "Guai al motore, ma ho tenuto dietro Leclerc"

Pierre Gasly porta sul podio l'AlphaTauri. Il francese ha chiuso al terzo posto un GP dell'Azerbaijan di F1 che lui stesso definisce "folle", senza mezzi termini. Al via, per gli ultimi due giri di gara, Gasly ha lottato ferocemente con Leclerc, conquistando la posizione a scapito del ferrarista

Gasly: "Guai al motore, ma ho tenuto dietro Leclerc"

Una foto di Pierre Gasly al termine del GP dell'Azerbaijan di Formula 1 potrebbe essere tranquillamente utilizzata come definizione della frase "sorridere con gli occhi". Il francese dell'AlphaTauri ha conquistato la terza posizione nella corsa, chiudendo alle spalle di Sergio Perez e Sebastian Vettel.

Per Gasly si tratta del terzo podio in carriera, dopo la vittoria nel 2020 a Monza e la seconda posizione ad Interlagos nel 2019. Partito dalla quarta posizione sulla griglia di partenza, Pierre ha saputo gestire la monoposto e gestire il proprio potenziale, artigliando un podio storico per il team di Faenza.

Leggi anche:

"Non so cosa dire, è stata una gara folle, intensa, giro dopo giro fino all’ultimo. I ragazzi hanno fatto un week end incredibile, abbiamo dimostrato che c’eravamo per tutto il tempo. Non sapevamo se avremmo potuto confermare i risultati delle qualifiche, alla fine addirittura siamo riusciti a salire sul podio. In carriera ho fatto un primo ed un secondo posto, son contento di aver raggiunto anche questo risultato", commenta Gasly una volta raggiunto il parco chiuso.

Dopo la bandiera rossa, esposta a seguito dell'incidente che ha portato Max Verstappen a ritirarsi, si ha avuto una ripartenza dalla griglia, con il francese chiamato a difendersi dagli attacchi della Ferrari di Charles Leclerc.

 

"Ho dovuto tirare fuori i gomiti, è stata una situazione difficile per me. Fin dal primo giro avevo problemi al motore, non riuscivamo a sprigionare tutta la velocità. Da metà gara in avanti è stata dura. Nei rettilinei perdevamo tanta velocità. C'è stata anche una chiara differenza di velocità tra me e Yuki. Via radio i ragazzi mi davano un sacco di indicazioni per andare a limitare i danni cambiando i settaggi sui manettini", commenta Gasly a proposito dei problemi alla sua AT02.

"Nel secondo settore ero molto forte, ma in rettilineo è stata dura: Seb è riuscito a superarci a metà gara, sapevamo sarebbe stata difficile ma è entusiasmante concludere così. Quando mi sono difeso da Leclerc, in frenata, non sapevo se l'avrei preso in pieno, ma ho dovuto dare tutto. Sono punti preziosi per noi, sono contento per Yuki e spero di festeggiare tutti insieme stasera".

condivisioni
commenti
Hamilton: un errore che manda in fumo un secondo posto
Articolo precedente

Hamilton: un errore che manda in fumo un secondo posto

Prossimo Articolo

Pirelli: anche Hamilton aveva una gomma tagliata per un detrito

Pirelli: anche Hamilton aveva una gomma tagliata per un detrito
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021