Gasly: "La F1 dovrebbe affrontare il problema dello spray"

Il pilota dell'AlphaTauri ha sollevato un problema che la F1 ha ormai da diverso tempo: lo spray alzato dalle vetture davanti che rendono la visibilità di chi è dietro pressoché nulla quando piove.

Gasly: "La F1 dovrebbe affrontare il problema dello spray"

A due giorni dal termine del Gran Premio del Belgio 2021 di Formula 1, che sarà probabilmente ricordato come una delle pagine più nere della classe regina a ruote scoperte del motorsport, le polemiche per l'accaduto non accennano a placarsi.

La gestione del pomeriggio di gara, quello di domenica, con il rinvio di 3 ore e 17 minuti da parte del direttore di gara Michael Masi e la conseguente scelta di bloccare la gara dopo 3 giri compiuti dietro la Safety Car sono finiti sulla graticola per diversi motivi: l'assegnazione dei punti (metà punteggio per soli 3 giri effettuati), l'incapacità di leggere la situazione dal punto di vista meteo, il non aver ascoltato le richieste dei piloti e non aver - per altro - salvaguardato l'interesse del pubblico accorso allo storico autodromo belga.

Qualche ora dopo il termine della gara, Michael Masi ha annunciato che saranno riviste le regole in vista della prossima stagione. Sarà fatto nei consueti incontri tra F1, FIA e i 10 team, i quali avranno il compito di proporre, valutare ed eventualmente votare cambiamenti che dovranno consentire di modificare il regolamento sportivo ed evitare che si possano ripresentare situazioni sportivamente scabrose come quella di domenica scorsa.

Non è tutto, perché ci sono altre situazioni che dovranno essere prese in considerazione. Una di queste è come permettere ai piloti di tornare a gareggiare sotto la pioggia battente, evitando di farlo dietro a una safety car come avvenuto per tre giri a Spa. Uno dei problemi maggiori della F1 attuale è la visibilità dei piloti che sono in gruppo.

Al termine della gara, Pierre Gasly, ha voluto rimarcare come Masi abbia fatto la scelta corretta, interrompendo la corsa. La visibilità era molto bassa a causa dello spray alzato dalle gomme delle monoposto che lo precedevano in quei tre giri effettuati dietro la vettura di sicurezza.

"Sfortunatamente non credo che ci fossero altre opzioni possibili se non quella adottata, perché la visibilità in gruppo era davvero scarsa. Se una monoposto si fosse fermata in pista per qualche motivo o fosse stata protagonista di un incidente, con molte monoposto alle sue spalle tutti sappiamo quale portata di incidente si sarebbe potuto creare".

"Il problema è che ti affidi sempre a tutti i piloti che hai davanti per rimanere in pista e andare a velocità sostenute. Perché se qualcuno si ferma e tu arrivi alle sue spalle a 200-250 km/h, sarebbe stato un disastro. La nostra visibilità era di circa 30 metri".

"Una volta che vedi la macchina davanti a quella velocità, non hai modo di fermarti. Abbiamo visto già troppe cose orribili su questa pista".

La grande quantità d'acqua sollevata dalle gomme delle F1 permette alle monoposto di avere un buon grip in determinate situazioni, ma impedisce a chi sta dietro di avere una visibilità sufficiente, aumentando non di poco i rischi di gravi incidenti.

A sottolineare questo aspetto è stato proprio Pierre Gasly. Il pilota dell'AlphaTauri ha rimarcato come, nella sua posizione occupata in gara, la visibilità fosse pressoché nulla, mentre i rischi, al contrario, fossero molto alti.

"Penso che dovremmo lavorare per cercare di ridurre gli spruzzi d'acqua alzati dalle monoposto, perché è questo il problema reale. Quando stavo guardando la Medical Car, ovviamente andando a velocità molto più bassa, gli schizzi che alzava erano decisamente minori rispetto ai nostri".

"Quindi penso che questa sia un'area su cui la F1 dovrebbe concentrarsi per i prossimi anni, perché se riduci lo spray hai una qualità migliore della visibilità, ed è una cosa che va bene. Le condizioni sul bagnato possono essere difficili, si può creare acquaplaning, potremmo scivolare o andare molto piano, ma tocca a noi piloti raggiungere il limite del grip possibile. Almeno, però, potremmo vedere davanti a noi. Domenica, il problema, era la visibilità".

condivisioni
commenti
Martini: "Che emozione guidare la Ferrari 126 C4 di Alboreto"

Articolo precedente

Martini: "Che emozione guidare la Ferrari 126 C4 di Alboreto"

Prossimo Articolo

Todt: "Dopo Spa, la F1 Commission rivedrà le regole il 5 ottobre"

Todt: "Dopo Spa, la F1 Commission rivedrà le regole il 5 ottobre"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021