Gasly: "Abbiamo fatto un buon lavoro, a Monaco per stare davanti alle Ferrari"

condivisioni
commenti
Gasly: "Abbiamo fatto un buon lavoro, a Monaco per stare davanti alle Ferrari"
Di:
14 mag 2019, 17:23

Il francese ha coperto 118 giri con la Red Bull nella prima giornata di test a Barcellona: ha dovuto rinunciare all'ultima ora per un problema alla trasmissione, ma Pierre è soddisfatto del feeling acquisito con la RB15 e spera di inseguire le Mercedes nel Principato.

Pierre Gasly sta lentamente ritrovando il sorriso. Sono bastate le prime tre gare della stagione per far nascere processi, con voci (sempre poco tranquillizzanti) che davano per certe idee di sostituzioni in corsa che in effetti a Helmut Marko non sono mai dispiaciute. Questo fino alla tappa di Shanghai.

Nel paddock gira voce che al rientro dal Gran Premio di Cina i tecnici della Red Bull abbiano trovato qualcosa di strano sulla monoposto di Gasly, un problema che sarebbe stato risolto in vista della trasferta di Baku. Storia, ovviamente, non confermata dai diretti interessati, ma in effetti da Baku c’è stato un cambio di passo.

Dopo il sesto posto nel Gran Premio di Spagna, Gasly è rimasto sul circuito di Barcellona per la prima giornata di prove (quinto miglior tempo in 1’18”140 con mescola C3), test conclusi con un’ora di anticipo rispetto al programma.
“Si è verificato un problema che crediamo sia nell’area ‘trasmissione’ – ha spiegato Gasly - ma gli ingegneri stanno ancora indagando. È escluso che sia coinvolta la power Unit. All’uscita dell’ultima chicane ho sentito girare a vuoto il motore, e ho capito subito che c’era qualcosa di rotto, la monoposto è arrivata d’inerzia sul traguardo e sono entrato direttamente in pit-lane”.

“Abbiamo perso l’opportunità di fare qualche giro in più – ha proseguito il francese - ma siamo comunque riusciti a completare praticamente tutto il programma di lavoro della giornata. Abbiamo fatto un sacco di prove, valutando soluzioni diverse con grandi differenze tra loro, ovvero ciò che normalmente non si può fare durante un weekend di gara".

Leggi anche:

"Ora abbiamo molti dati da analizzare, ma già in macchina ho avuto delle indicazioni interessanti non solo per questa pista ma anche per circuiti con caratteristiche differenti su cui andremo nell’arco della stagione”.

Per Gasly queste prove sono state preziose, perché da inizio anno sta provando in tutti i modi possibili per familiarizzare con la RB15, monoposto più complessa nelle reazioni rispetto alla Toro Rosso guidata la scorsa stagione.

E in questi casi niente serve più di una giornata di test, con 118 giri all’attivo.
“Sono certo che andrà meglio – ha confermato - sto cercando di adattare il mio stile di guida alla monoposto, e giornate come questa aiutano anche a trovare il setup più adatto alle mie esigenze. Ci si viene incontro, e lavorando in questa direzione credo che andrà sempre meglio”.

La prossima tappa a Monaco è di fatto una ghiotta chance per un pilota che guida una Red Bull. La tradizione è decisamente positiva, ma Gasly non è convinto che la superiorità mostrata lo scorso anno sarà replicata dodici mesi dopo:
“Il passo confermato in questa prima parte della stagione dalla Mercedes è parecchio lontano rispetto a tutti, ma potremo giocarcela con la Ferrari. Il lavoro che abbiamo fatto credo che ci permetterà di tirare fuori qualcosa di più dalla monoposto, e sappiamo che quella di Monte Carlo è una pista molto particolare".

"Le Ferrari sono molto veloci in rettilineo, hanno il miglior motore, ma la nostra monoposto si adatta molto bene alle curve lente, e alla fine credo che a fare la differenza sarà il riuscire a trovare il giro perfetto sabato in qualifica. Ma credo che avremo la possibilità di provare a stargli davanti”.

Scorrimento
Lista

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
1/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, ala posteriore

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, ala posteriore
2/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
3/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
4/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
5/8

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
6/8

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
7/8

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15
8/8

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Prossimo Articolo
GP di Monaco: Ferrari e Red Bull all'attacco con un solo set di gomme medie e dure

Articolo precedente

GP di Monaco: Ferrari e Red Bull all'attacco con un solo set di gomme medie e dure

Prossimo Articolo

Ferrari: completati due GP, per Leclerc raccolti dati utili a capire la Rossa

Ferrari: completati due GP, per Leclerc raccolti dati utili a capire la Rossa
Carica commenti