Gangakumaran: “Ecco perché la Formula 1 manterrà l’energia ibrida”

I tifosi della Formula 1 non avranno sentito parlare di Yath Gangakumaran, ma è una figura influente nel futuro di questo sport. In qualità di direttore della strategia e dello sviluppo del business, il suo ruolo è quello di definire la direzione a lungo termine della Formula Uno, lavorando con Chase Carey e, da gennaio, con il nuovo CEO Stefano Domenicali.

Gangakumaran: “Ecco perché la Formula 1 manterrà l’energia ibrida”

Questo comprende tutto, dal supporto alle decisioni commerciali e sportive, come i formati e le sedi di gara, alla guida di progetti più ampi di F1 che hanno un impatto a lungo termine, come il modo di crescere in Cina o come posizionare uno sport alimentato da combustibili fossili man mano che il movimento del cambiamento climatico si fa più incalzante. 

Al centro della strategia c'è la scommessa a lungo termine della F1 sui motori a combustione interna. "Stiamo raddoppiando gli ibridi", dice Gangakumaran.

Di fronte alle mosse dei governi, come il Regno Unito, che vietano la vendita di auto a benzina e diesel a partire dal 2030, la F1 ha deciso che si atterrà ai motori a combustione interna e reingegnerizzerà il carburante per dimostrare una soluzione più pratica per il 99% degli attuali proprietari di veicoli nel mondo che non hanno un'auto elettrica.

"Crediamo che ci saranno diverse vie verso un'industria automobilistica a basse emissioni di carbonio, e vogliamo essere associati ad una che pensiamo non solo avrà un grande impatto positivo sull'industria automobilistica, ma sosterrà anche i nostri obiettivi come sport che sta cercando di intrattenere gli appassionati di tutto il mondo. Sì, tutti parlano di elettricità e idrogeno. E noi ci siamo occupati di questo, come parte del nostro motore di prossima generazione, che arriverà tra cinque anni. Ma non hanno davvero le caratteristiche prestazionali di cui abbiamo bisogno come apice dello sport motoristico, per permettere alle nostre auto di andare alle velocità che vogliamo e alle distanze necessarie intorno alle nostre piste".

I motori della F1 sono già gli ibridi più efficienti al mondo, ma il piano della F1 è di lavorare con i giganti del petrolio per sviluppare carburanti sostenibili avanzati al 100%. "Potrebbero essere biocarburanti sintetici o di seconda generazione", dice. "Crediamo che come piattaforma globale che ha centinaia di milioni di persone che la osservano, possiamo dimostrare che è possibile avere un ICE molto efficiente, alimentato da carburanti sostenibili".

"La ragione per cui pensiamo che questo possa avere una risonanza con l'industria automobilistica è che se si guarda agli oltre 1 miliardo di veicoli sul pianeta, il 99% di essi ha un motore a combustione interna". E la maggior parte delle auto è in genere in circolazione da almeno 15 anni, alcune vanno avanti da decenni. Non se ne andranno tanto presto".

La chiave della strategia è che i carburanti sostenibili sviluppati in F1 devono finire nei piazzali per l'uso quotidiano da parte degli automobilisti. "Questo non solo avrà un impatto positivo per noi in termini di emissioni di CO2, ma avrà anche un impatto positivo per l'industria automobilistica in generale", dice Gangakumaran.

Mentre Extreme E afferra i titoli dei giornali e la Formula E ha lo spazio del prototipo elettrico bloccato, la F1 ha dovuto muoversi rapidamente verso il futuro a prova di se stessa. Insieme alla sostenibilità, sta lanciando programmi sulla diversità e l'inclusione, aiutati dall'attivismo del sette volte campione del mondo Lewis Hamilton.

"Lewis è un ambasciatore assolutamente fantastico per noi", dice Gangakumaran. "Siamo pienamente allineati in termini di ciò che vogliamo fare sia sulla diversità che sull'inclusione, anche sulla sostenibilità, che è l'altro tema a cui è molto appassionato. Avete visto quest'anno, dalla morte di George Floyd, un impulso molto maggiore da parte del pubblico in generale e dei fan, per i governi e per le organizzazioni a fare di più. Quindi lavoreremo davvero sul nostro cammino, perché pensiamo che non solo sia la cosa giusta da fare, ma che in realtà sia solo una buona pratica se si vuole coinvolgere più fan e fare meglio a livello commerciale".

Da quando Liberty Media ha rilevato la F1, si è impegnata a ridurre l'età demografica dei fan, con il risultato che ora può vantare il 62% dei nuovi fan della F1 negli ultimi tre anni, che hanno meno di 35 anni.

"Quello che abbiamo trovato davvero interessante quest'anno è che le innovazioni commerciali che abbiamo intrapreso - come le gare virtuali (esports) che avete visto, quando in realtà non correvamo in giro per il mondo - sono state lo sport numero uno in termini di crescita dei follower e di impegno sui social media nel mondo da quando è iniziato il blocco a marzo. Questo evidenzia che il lavoro che abbiamo fatto, non solo negli ultimi anni, ma anche e soprattutto in questo periodo molto difficile che tutti gli sport stanno affrontando, ha iniziato a raccogliere benefici in termini di impegno dei tifosi", dice.

Ma forse il più grande risultato dell'attuale amministrazione della F1, di cui Gangakumaran fa parte, è stato forse l'allineamento di tutte le squadre e della FIA su un tetto di budget e il livellamento delle misure nel nuovo accordo Concorde. Molti tentativi erano stati fatti in passato, ma sono sempre naufragati sugli scogli dell'interesse personale delle squadre di punta. Ci sono voluti una pandemia globale e una massiccia perdita di entrate per concentrare le menti e ora il pensatore strategico della F1 può tracciare la strada verso uno sport più competitivo.

"Sicuramente aiuta il fatto che alcuni di questi grandi obiettivi che avevamo intenzione di raggiungere negli ultimi anni siano stati approvati. Così possiamo concentrarci maggiormente sulla crescita a lungo termine. Penso che, come sempre nella soap opera, cioè nella Formula Uno, continueranno a esserci 'discussioni costruttive' e disaccordi su alcuni punti importanti che vogliamo portare avanti", dice.

"Ma sono cautamente ottimista; ci sono così tante opportunità di crescita in F1". E credo proprio che abbiamo appena scalfito la superficie".

condivisioni
commenti
Pirelli, Isola: "In Bahrain con mescole più morbide del 2019"
Articolo precedente

Pirelli, Isola: "In Bahrain con mescole più morbide del 2019"

Prossimo Articolo

24 novembre 2013: Vettel eguaglia il record di Ascari

24 novembre 2013: Vettel eguaglia il record di Ascari
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021