Webber beffa Alonso nel finale a Silverstone

Il muretto Red Bull sceglie la strategia giusta e l'australiano torna a 13 punti dal ferrarista

Webber beffa Alonso nel finale a Silverstone
Mark Webber vince il Gp di Gran Bretagna e si candida ad un ruolo da serio protagonista nella corsa al titolo iridato. L'australiano della Red Bull diventa il secondo pilota capace di vincere due gare nella stagione 2012 e risponde proprio a Fernando Alonso, scavalcandolo nelle tornate conclusive della corsa e riportandosi ad appena 13 lunghezze da lui nella classifica iridata. Per l'australiano si tratta della seconda affermazione sul tracciato di Silverstone dopo quella del 2010 ed è maturata soprattutto grazie ad una tattica azzeccata da parte del muretto delle "lattine" in una gara finalmente disputata sotto al sole dopo due giorni di diluvio. Mark è partito montando gommme a mescola morbida, a differenza di Alonso, che invece era scattato dalla pole con le hard. Questo ha permesso al ferrarista di comandare le operazioni praticamente per tutta la distanza di gara, ma anche ad un'inevitabile inversione di mescole nell'ultimo stint di gara, che ha favorito la rimonta ed il sorpasso dell'australiano, arrivato a cinque giri dal termine, quando il degrado delle gomme di Fernando ha iniziato a farsi importanti. Una volta subito l'attacco di Webber, Alonso però è stato bravo a gestire la seconda posizione, impedendo a Sebastian Vettel di andare ad agganciarlo. E anche questo se vogliamo può essere importante, perchè in questo modo ha allungato a 29 lunghezze il suo vantaggio in classifica sul due volte campione del mondo, sul gradino più basso del podio sia a Silverstone che nel Mondiale. Felipe Massa riesce finalmente a coronare con un buon risultato i progressi mostrati nelle ultime quattro gare. Il brasiliano si è piazzato quarto, non troppo lontano da Vettel, che lo ha superato in occasione del primo pit stop. Un risultato che dice molto anche della crescita della F2012 nelle ultime uscite, anche se la RB8 sembra confermarsi ancora la vettura di riferimento. Ma importante anche in ottica Costruttori, perchè ora la squadra del Cavallino sale al secondo posto. Tutto sommato positiva la prova delle due Lotus, che si sono piazzate al quinto ed al sesto posto con Kimi Raikkonen e Romain Grosjean, conquistando il terzo posto tra i Costruttori: forse con un giro in più il finlandese avrebbe anche potuto scavalcare Massa, rispetto al quale era sensibilmente più veloce nel finale. Il francese invece è stato bravo a rimontare, visto che nei primi giri è stato anche costretto a sostituire l'ala anteriore della sua monoposto a causa di un contatto con Paul di Resta. Dopo il terzo tempo di ieri, forse ci si poteva attendere qualcosa di più del settimo posto da Michael Schumacher, anche se il tedesco aveva detto chiaramente di preferire una gara bagnata. Al 7 volte campione del mondo rimane la consolazione di aver vinto il derby tra delusi con Lewis Hamilton. Le McLaren sono le grandi sconfitte del weekend: arrivati a Silverstone parlando di importanti aggiornamenti sulle MP4-27, gli uomini di Woking si sono dovuti accontentare dell'ottavo posto di Hamilton e del decimo di Jenson Button. Lewis ha provato anche ad utilizzare una strategia molto alternativa, ma ritardare la sosta gli ha consentito solamente di effettuare un giro in testa prima di sprofondare nuovamente nelle retrovie. Nella zona punti poi c'è posto anche per la Williams di Bruno Senna, nono al traguardo grazie anche ad un bel sorpasso al penultimo giro ai danni di Nico Hulkenberg. Nel tentativo di reagire il pilota della Force India ha poi commesso un errore, cedendo altre due posizioni a Button e a Kamui Kobayashi. La gara del giapponese è stata macchiata anche da un errore al pit stop, quando è arrivato lunghissimo, investendo diversi meccanici della Sauber. Fortunatamente non ci sono state conseguenze gravi per nessuno e solo uno dei ragazzi della squadra di Hinwil è stato portato al centro medico per accertamenti su una gamba. FORMULA 1, Silverstone, 08/07/2012 Classifica finale 1. Mark Webber - Red Bull-Renault - 52 giri 2. Fernando Alonso - Ferrari - +3"0 3. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - +4"8 4. Felipe Massa - Ferrari - +9"5 5. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - +10"3 6. Romain Grosjean - Lotus-Renault - +17"1 7. Michael Schumacher - Mercedes - +29"1 8. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - +36"4 9. Bruno Senna - Williams-Renault - +43"3 10. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +44"4 11. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - +45"3 12. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - +47"8 13. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - +51"2 14. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - +53"3 15. Nico Rosberg - Mercedes - +57"3 16. Pastor Maldonado - Williams-Renault - +1 giro 17. Heikki Kovalainen - Caterham-Renault - +1 giro 18. Timo Glock - Marussia-Cosworth - +1 giro 19. Charles Pic - Marussia-Cosworth - +1 giro 20. Pedro de la Rosa - HRT-Cosworth - +2 giri 21. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - +2giri La classifica del Mondiale Piloti: 1. Alonso 129; 2. Webber 116; 3. Vettel 100; 4. Hamilton 92; 5. Raikkonen 83; 6. Rosberg 75; 7. Grosjean 61; 8. Button 50; 9. Perez 39; 10. Maldonado 29; 11. di Resta 27; 12. Schumacher e Massa 23; 14. Kobayashi 21; 15. Senna 18; 16. Hulkenberg 17; 17. Vergne 4; 18. Ricciardo 2. La classifica del Mondiale Costruttori: 1. Red Bull-Renault 216; 2. Ferrari 152; 3. Lotus-Renault 144; 4. McLaren-Mercedes 142; 5. Mercedes 98; 6. Sauber-Ferrari 60; 7. Williams-Renault 47; 8. Force India-Mercedes 44; 9. Toro Rosso-Ferrari 6.
condivisioni
commenti
Hembery favorevole alla sospensione delle qualifiche
Articolo precedente

Hembery favorevole alla sospensione delle qualifiche

Prossimo Articolo

Webber soddisfatto: "Vittoria speciale"

Webber soddisfatto: "Vittoria speciale"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021