Vettel: un anno in Ferrari pensando solo a se stesso

Il quattro volte campione del mondo come affronterà la stagione 2020 se mai partirà? Dopo la rottura con Maranello, sarà libero di sfruttare tutte le occasioni che avrà di fronte, senza assoggettarsi a nessun ordine di squadra, diventando magari una spina per Leclerc.

Vettel: un anno in Ferrari pensando solo a se stesso

La terza legge di Newton, alias terzo principio della dinamica, dice che ad ogni azione corrisponde un’azione uguale e contraria.

Potrebbe essere applicabile anche alla vicenda della separazione (postdatata a fine campionato 2020 – sempre che si riesca a correre –, scadenza naturale del contratto in essere) tra la Ferrari e Sebastian Vettel.

L’azione è appunto il dirsi addio. La reazione potrebbe essere che a questo punto Seb si metterà a ragionare solo per se stesso, senza più vincoli e obblighi nei confronti della squadra, fatti salvi quelli, logici, relativi alla sicurezza, al buon senso e al rispetto di un minimo di forma.

In sintesi: la “pax ferrarista” che si provava a fissare, per evitare che il tedesco e Charles Leclerc arrivassero alle situazioni-limite che abbiamo visto nel 2019, potrebbe essere tramontata ancora prima di vedere la luce.

Leggi anche:

Se Seb fosse rimasto, sarebbe stato infatti inevitabile che prendesse corpo o che fosse, alla peggio, imposta. Adesso, invece, è molto più complicato attuarla e le scintille tra i due futuri ex compagni sono da mettere in conto.

Di sicuro l‘avranno calcolato i dirigenti di Maranello nel momento in cui hanno deciso di non assecondare le condizioni di Vettel. Ma non è una scelta esente da rischi: potrebbero crearsi situazioni difficilmente controllabili.

Ad ogni modo, adesso ognuno per sé e Dio per tutti: Leclerc ha la strada più che mai spianata davanti a sé, Vettel non ha più nulla da perdere e avrà una motivazione extra per cercare di stare davanti al compagno e di verificare se è ancora – cosa che tanti dubitano – un pilota da titolo. Nello sport spesso si dà il meglio quando si è con le spalle al muro e all’epilogo di un’esperienza.

condivisioni
commenti
Verstappen vede Sainz favorito per la corsa alla Ferrari

Articolo precedente

Verstappen vede Sainz favorito per la corsa alla Ferrari

Prossimo Articolo

Marko: "Vettel non è argomento di discussione in Red Bull"

Marko: "Vettel non è argomento di discussione in Red Bull"
Carica commenti
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1 Prime

F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1

Il suo simbolo era un simpatico orsetto giallo, con tanto di casco. Rolls Royce, aerei privati, yacht, banchetti con aragoste e champagne: questo, e molto altro, era la Hesketh Racing. Ripercorriamo insieme la storia, e la prima vittoria, del team più stravagante e glamour della Formula 1.

La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica Prime

La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica

In questa nostra consueta animazione grafica, mettiamo in luce gli aspetti chiave del Gran premio di Francia di Formula 1. Oltre ovviamente alla prepotente vittoria di Verstappen, va evidenziato come le due Ferrari di sainz e Leclerc, con il passar del tempo, sprofondavano sempre più in classifica

Formula 1
21 giu 2021
Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi” Prime

Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi”

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio di Francia di Formula 1 corso sul tracciato del Paul Ricard. Ovviamente, sempre in compagnia di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
21 giu 2021
Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari" Prime

Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari"

Andiamo ad analizzare insieme a Matteo Bobbi e Marco Congiu il Gran Premio di Francia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. Lewis Hamilton e Max Verstappen ci hanno regalato una gara intensa, dove a farla da protagonista è stata la gestione delle gomme. Chi ha pagato più di tutti sotto questo punto di vista è stata la Ferrari: ecco perché...

Formula 1
21 giu 2021
Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari" Prime

Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari"

In questa puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano i fatti salienti del Gran Premio di Francia. Buon ascolto!

Formula 1
20 giu 2021
Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia Prime

Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia

Andiamo a scoprire la griglia di partenza del Gran Premio di Francia 2021: Max Verstappen parte dalla prima casella, precedendo le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Formula 1
20 giu 2021
Bobbi: "I progressi di Lewis guidati dal box" Prime

Bobbi: "I progressi di Lewis guidati dal box"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano le qualifiche del GP di Francia di Formula 1.

Formula 1
19 giu 2021