Jerez, Day 2: Schumi torna grande per un giorno

Jerez, Day 2: Schumi torna grande per un giorno

Solo lui e Massa scendono sotto l'1'21", ma impressiona il passo della Red Bull nei long run

Michael Schumacher ha chiuso la seconda giornata dei test collettivi di Jerez davanti a tutti. Dopo le difficoltà incontrate nei giorni scorsi dalla Mercedes Gp, ci si aspettava una risposta dalla squadra di Brackley e oggi finalmente è arrivata. Il tedesco è rimasto davanti per tutta la giornata grazie al tempo di 1'20"362 che aveva realizzato in mattinata, tra le altre cose all'interno di un run che poi non è stato neanche troppo breve. Per ora si tratta del miglior tempo assoluto dei due giorni, anche se Felipe Massa è riuscito ad avvicinarsi molto. Dopo il miglior tempo di ieri, oggi il brasiliano ha lavorato soprattutto con il serbatoio particolarmente carico, riuscendo comunque a portare la sua Ferrari ad appena una manciata di millesimi da Schumacher. Pur essendo risultate molto veloci a serbatoi scarichi, essendo le uniche vetture capaci di scendere sotto all'1'21", Mercedes e Ferrari comunque sembrano ancora lontane dal passo mostrato nei long run dalla Red Bull, che oggi si è un pò nascosta con Mark Webber. L'australiano ha chiuso solamente quinto, senza andare alla ricerca delle prestazione pura, ma ha messo insieme la bellezza di 113 giri, riuscendo soprattutto a completare appunto un long run di quasi 20 giri su tempi molto costanti. Davanti a lui si sono inserite la McLaren di Jenson Button e la Toro Rosso di Jaime Alguersuari. L'ex campione del mondo sembra aver preso subito confidenza con la MP4-26, ma va detto che non ha mai fatto degli stint troppo lunghi. Soddisfacente invece il rendimento dello spagnolo, che però ha provocato anche una bandiera rossa con un'uscita di pista. Più indietro invece si sono concentrati quasi tutti su run piuttosto brevi, con la Force India e la Sauber che stanno ancora provando a prendere le misure con le gomme della Pirelli. In particolare la vettura elvetica sembra continuare a consumarle troppo. Nel pomeriggio poi Sergio Perez si è reso anche protagonista di un leggero incidente tra le curve 7 e 8. Stupisce positivamente l'ottavo tempo piazzato nel finale di giornata da Timo Glock. Il tedesco della Virgin ha completato diversi long run, ma quando poi ha svuotato i serbatoi è riuscito a sfoderare una prestazione interessante. Da segnalare, infine, l'incidente di Pastor Maldonado. Quello del venezuelano è stato più serio rispetto a quello di Perez, infatti la sua Williams ne è uscita piuttosto malconcia, consigliando ai meccanici della squadra di Grove la sostituzione delle batterie del KERS per motivi precauzionali. L'incidente è avvenuto in prossimità della curva 4, con Maldonado che ha perso il controllo della vettura ed è andato ad impattare le protezioni lateralmente, finendo per danneggiare la parte sinistra della sua monoposto, ma uscendo fortunatamente illeso dall'abitacolo. FORMULA 1, Jerez de la Frontera, 11/02/2011 Seconda giornata di test collettivi 1. Michael Schumacher - Mercedes Gp - 1'20"362 - 112 giri 2. Felipe Massa - Ferrari - 1'20"413 - 116 3. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'21"009 - 69 4. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - 1'21"214 - 72 5. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'21"613 - 113 6. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'21"780 - 73 7. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - 1'21"857 - 56 8. TImo Glock - Virgin-Cosworth - 1'22"208 - 57 9. Vitaly Petrov - Lotus Renault - 1'22"493 - 65 10. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - 1'22"591 - 38 11. Jarno Trulli - Team Lotus-Renault - 1'23"216 - 40 * I tempi sono ufficiosi
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Test
Circuito Vallelunga
Piloti Michael Schumacher
Articolo di tipo Ultime notizie