Hembery: "La nuova costruzione non c'entra"

La Pirelli sta analizzando i suoi dati per evitare che in Germania si ripeta quanto visto a Silverstone

Hembery: "La nuova costruzione non c'entra"
Carica lettore audio
Hembery:
Con il suo podio Nico Rosberg oggi ha dato alla Mercedes la sua prima vittoria nel Gran premio di Gran Bretagna dal 1955 ad oggi. Quella di Silverstone è stata una gara particolare, segnata anche delle avarie allo pneumatico posteriore sinistro dei piloti Lewis Hamilton (Mercedes), Felipe Massa (Ferrari), Jean-Eric Vergne (Toro Rosso) e Sergio Perez (McLaren), la cui causa è sotto attenta analisi da parte degli ingegneri Pirelli e sarà risolta prima del Gran Premio di Germania di settimana prossima. "Ci sono stati dei problemi mai riscontrati prima al posteriore sinistro. Abbiamo preso molto seriamente in considerazione la situazione e, attualmente, stiamo analizzando tutte le gomme per arrivare a determinare la causa il più presto possibile, prima del prossimo Gran premio di Germania. Non possiamo aggiungere molto di più fino a quando non avremo studiato e analizzato completamente tutti questi incidenti che, al momento, rappresentano la nostra priorità. Tuttavia, possiamo escludere che il nuovo processo costruttivo, introdotto da questa gara, sia alla base degli incidenti verificatesi oggi" ha spiegato il responsabile motorsport Paul Hembery. Per ora l'azienda italiana comunque non si vuole sbilanciare su quelle che sono state le cause di quanto visto oggi in gara: "Qualche parte del circuito di Silverstone potrebbe avere avuto un impatto particolare sulla versione più recente dei nostri pneumatici 2013, ma in questo momento non vogliamo fare ipotesi. Metteremo insieme tutte le prove raccolte per scoprire cosa è successo e poi intraprendere le azioni che saranno necessarie".
condivisioni
commenti
Webber: "Devo capire perché sono partito così male"
Articolo precedente

Webber: "Devo capire perché sono partito così male"

Prossimo Articolo

Promosso il Doppio DRS sulla Lotus di Kimi

Promosso il Doppio DRS sulla Lotus di Kimi