Hembery favorevole alla sospensione delle qualifiche

Domani in caso di pioggia sarà favorevole capire il punto di crossover tra full wet ed intermedie

Hembery favorevole alla sospensione delle qualifiche
Il pilota della Ferrari, Fernando Alonso, ha ottenuto la pole position con gli pneumatici Cinturato Green intermediate, dopo una sessione di qualifiche caratterizzata da pioggia torrenziale che ha costretto ad interrompere la Q2 per più di un’ora e mezzo. Nessun pilota ha utilizzato gli pneumatici slick a disposizione, usando invece i tre set di gomme da bagnato e stremo e i quattro set di gomme intermedie allocate per l’intero weekend di gara secondo il regolamento attualmente vigente. Il set supplementare di intermedie, fornito solo il venerdì in caso di pioggia, è stato restituito questa mattina prima delle prove libere. Durante la Q1, dove è caduta una pioggia leggera, tutti i piloti hanno montato gomme intermedie per fissare il tempo il prima possibile nel caso le condizioni metereologiche fossero peggiorate. Tutte le 24 monoposto sono uscite nei primi minuti, a riprova che trovare un giro pulito è stata la chiave per ottenere il tempo, con le condizioni della pista che cambiavano secondo dopo secondo. La Sauber è stato l’unico Team a tentare di uscire con le gomme slick, ma la pioggia battente ha costretto le due vetture a rientrare e a montare le intermedie. L’intensificarsi della pioggia nella Q2 ha reso il Cinturato Blue wet una scelta obbligata, anche se i piloti Ferrari hanno iniziato la sessione sull’ intermedia prima di passare presto a gomme da bagnato estremo. Con il peggiorare delle condizioni, tutte le squadre hanno scelto di girare il più possibile durante la sessione, sperando che le condizioni di meteo e traffico migliorassero. A sei minuti dalla fine della Q2, la bandiera rossa esposta a causa delle forti piogge ha interrotto la sessione. Le qualifiche sono riprese alle 15:07 (ora locale) in condizioni migliori, dopo che i commissari di pista hanno sgombrato la pista dall’acqua stagnante. Quasi tutti i piloti hanno montato di nuovo lo pneumatico full wet; solo le due Sauber hanno provato le intermedie; ma mentre Kamui Kobayashi è poi passato alle gomme da bagnato estremo, Sergio Perez ha continuato a girare con i Cinturato Green, finendo 17°. Non appena la pista si è asciugata, i tempi si sono ridotti, con il pilota della McLaren, Lewis Hamilton, più veloce di tutti sul Cinturato Blue. Nella Q3 quasi tutti i piloti hanno montato gomme intermedie: solo Lewis Hamilton, Kimi Raikkonen e Michael Schumacher hanno iniziato la sessione con pneumatici full wet, prima di passare ai Cinturato Green. Le migliori e più asciutte condizioni della pista, hanno consentito ad Alonso di concludere un giro perfetto e di conquistare così la pole nei secondi finali. L’ultima sessione di prove libere di questa mattina è stata fondamentale, perché è stata l’unica occasione per le squadre di correre con le gomme slick. Alonso è stato il più veloce grazie ad un tempo di 1'32"167 con il P Zero Yellow soft: quasi 20 secondi più veloce del tempo della sua pole di 1'51"746. Le previsioni per la gara di domenica sono ancora incerte, per cui vi è la possibilità che tutti e tre i tipi di mescole – wet, intermedie, slick – vengano utilizzati. Questo rende molto difficile per le squadre pianificare una strategia, ma se le condizioni restano costantemente bagnate, un solo set di gomme full wet potrebbe teoricamente durare per tutta la gara. Se i piloti iniziano la gara con gomme da bagnato o intermedie (come è accaduto a Silverstone lo scorso anno) non sono più obbligati ad utilizzare entrambe le mescole da asciutto durante il Gran Premio. È più probabile che le condizioni saranno miste, il che rende la strategia più complessa. Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: “Come durante il Gran Premio del Canada dello scorso anno, qui a Silverstone abbiamo assistito ad una lunga pausa seguita poi da un finale molto emozionante, che ha ripagato l’attesa. Anche se le nostre gomme da bagnato estremo disperdono 60 litri di acqua al secondo, la quantità di acqua stagnante e gli spruzzi delle vetture, rendevano pericoloso continuare la Q2. Le condizioni incerte determinano tante variabili in termini di grip, quindi la gara di domani sarà decisa dal Team e dai piloti che saranno in grado di leggerle e prevederle al meglio, nonostante i pochi dati accumulati finora. Stabilire il punto di crossover è stata la chiave delle qualifiche, con gli pneumatici intermedi che hanno dimostrato di essere i più veloci nella sessione finale. E’ probabile che ciò avvenga anche domani”.
condivisioni
commenti
Alonso dedica la pole a Maria de Villota

Articolo precedente

Alonso dedica la pole a Maria de Villota

Prossimo Articolo

Webber beffa Alonso nel finale a Silverstone

Webber beffa Alonso nel finale a Silverstone
Carica commenti
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021