Anche la McLaren era partita per fare due soste

Anche la McLaren era partita per fare due soste

La strategia è stata cambiata in corsa: lo ha rivelato il capo degli ingegneri di Woking

Ieri, subito dopo la fine del Gp della Cina, è arrivata una pioggia di elogi per la scelta della McLaren di pianificare la sua corsa su una strategia a tre soste, che ha permesso a Lewis Hamilton di agguantare Sebastian Vettel nei giri finali della corsa e di scavalcarlo sfruttando i suoi pneumatici più freschi. Oggi però è arrivata una curiosa rivelazione, fatta da Phil Prew, capo degli ingegneri di pista della squadra di Woking, che ha spiegato che in realtà la corsa era stata impostata per essere completata con due soli pit stop e che è la strategia è stata modificata in corso d'opera a causa dell'eccessivo consumo degli pneumatici. "Eravamo partiti con l'intenzione di fare due pit stop, penso come la maggior parte delle altre squadre" ha spiegato. "Tuttavia, siamo riusciti a cambiare strategia giusto in tempo, perchè ci siamo accorti che il degrado delle gomme era troppo elevato e pensavamo che non saremmo stati in grado di farne due in sicurezza. Una scelta che ha pagato, vedendo come è andata a finire per quelli che ne hanno fatti due".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag produzione