Formula 1: senza Vettel la Germania diventa orfana di piloti

L'eventuale uscita di Sebastian dalla F1 determinerebbe che nel 2021 non ci saranno germanici nei GP: il fenomeno è nato con Michael Schumacher e ha prodotto dal 2010 sette piloti e cinque mondiali. Ma ora la fonte si è sterilizzata.

Formula 1: senza Vettel la Germania diventa orfana di piloti

Stagione 2010. Dei ventisette piloti che prendono parte ad almeno una gara del campionato Mondiale di Formula 1, ben sette sono tedeschi: è il gruppo più numeroso del Circus, formato da ragazzi appartenenti a una generazione cresciuta inseguendo le gesta dell’idolo Michael Schumacher.

Proprio in quella stagione il sette volte campione del Mondo torna in pista in prima persona al volante della Mercedes e si ritrova affiancato dai suoi ‘seguaci’, Sebastian Vettel, Nico Hulkenberg, Nico Rosberg, Timo Glock, Adrian Sutil e Nick Heidfeld.

Dieci anni dopo la situazione è molto diversa e le speranze di vedere al via un rappresentante della scuola tedesca nel prossimo Mondiale sono attaccate alle intenzioni (al momento non chiare) di Sebastian Vettel.

Se Seb deciderà di fermarsi per un anno (o definitivamente) gli organizzatori dei Gran Premi della stagione 2021 saranno certi di non dover utilizzare l’inno tedesco. In una decade è cambiato molto in Germania e, curiosamente, non sono stati dieci anni avari sul fronte dei risultati, anzi.

Dal 2010 al 2019 la metà dei titoli Mondiali piloti sono andati ad un tedesco (4 volte Vettel, una Rosberg) e la Mercedes ha fatto incetta di Mondiali con l’impressionante cifra di dodici allori (6 piloti e 6 Costruttori) dal 2014 al 2019.

In questo contesto stupisce non poco come la Germania rischi di vedere azzerato il suo parco piloti in Formula 1, ma non è un caso. Per quanto si tratti di una nazione che vanta molte delle più grandi Case automobilistiche al mondo, nel 2015 e 2017 (ed al momento anche nel 2020) la Germania non ha ospitato il suo Gran Premio di Formula 1, ed anche in questo caso è stata un’assenza che ha stupito non poco, visto che il Circus ha confermato la sua presenza in Belgio, Austria, Francia e Olanda, paesi confinanti con economie non certo superiori a quella tedesca.

Per dodici anni (dal 1995 al 2006) la Germania ha sempre accolto due gare del Mondiale, affiancando alla tappa nazionale tradizionale, il Gran Premio d’Europa disputato sul circuito del Nurburgring.

Gare da ‘sold-out’, un boom di spettatori, spazi mediatici e sponsor, un movimento che ha fatto breccia tra i giovani riversatisi nei kartodromi, dando il via alla generazione arrivata qualche anno dopo a bussare alle porte della Formula 1.

Poi però è accaduto qualcosa. Nel 2007 i Gran Premi sono tornati ad essere solo uno (che si alterna tra Hockenheim e Nurburgring), poi qualche anno dopo è saltato anche quello.

Progressivamente la Formula 1 ha perso spazio sui media ed il numero di giovanissimi nei kartodromi è iniziato a calare, creando l’effetto che vediamo oggi.

Ma cosa è accaduto? Si è ritirato Schumacher. Anche se successivamente il Kaiser è tornato per tre stagioni al via con la Mercedes, lo Schumacher che ha fatto innamorare una nazione si è fermato al termine del 2006.

Nel frattempo sono arrivati i titoli a raffica di Vettel, l’iride di Rosberg, ma non stata è la stessa cosa.

Gli spettatori sulle tribune sono diminuiti sempre di più e alla fine non è stato possibile garantire le cifre che richiede la Formula 1, quindi niente Gran Premio.

Il movimento si è inceppato nel suo insieme, perché di fatto la Germania più che un innamoramento per la Formula 1 ha vissuto un’infatuazione per Michael Schumacher, capace di rompere il tabù diventando il primo tedesco a vincere un Mondiale di Formula 1, e issandosi successivamente davanti a tutti coloro che lo hanno preceduto nella hall of fame di questo sport. Terminato l’amore è calato drasticamente anche l’interesse per lo sport.

In Gran Bretagna la Formula 1 è seguita a prescindere che ci sia o meno Lewis Hamilton, in Italia accade lo stesso grazie all’amore viscerale per la Ferrari, ma in altri paesi spesso è la storia di un pilota a scatenare l’interesse.

Una dimostrazione in tale senso arriva anche dal boom olandese innescato dalle imprese di Max Verstappen, riuscito a riportare l’Olanda nel calendario Mondiale di Formula 1 dopo ben 35 anni.

E possiamo essere certi che sull’onda emotiva scatenata da Max, tanti ragazzini si avvicineranno al Motorsport, incrementando la possibilità che nel gruppo possa esserci il potenziale professionista che vedremo tra qualche anno bussare alle porte della Formula 1.

Guardando alle spalle della generazione ‘Vettel’, si vede poco all’orizzonte. Ci sono solo tre piloti tedeschi che disputeranno nel 2020 le serie minori internazionali, e curiosamente due di questi sono Mick e David Schumacher, figli rispettivamente di Michael e Ralf. Quel cognome che ad inizio anni ’90 ha dato il via ad un movimento straordinario, è ancora lì, indifferente al calo di intensità dei riflettori. Ci sono mode e passioni, le prime passano, le seconde sono per sempre.

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team
Nico Hulkenberg, Renault F1 Team
1/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
2/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Nico Rosberg, Mercedes-Benz F1 W07
Nico Rosberg, Mercedes-Benz F1 W07
3/10

Foto di: Sutton Motorsport Images

Nico Rosberg, Campione del Mondo di Formula 1, investitore Formula E
Nico Rosberg, Campione del Mondo di Formula 1, investitore Formula E
4/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Timo Glock, Toyota TF109
Timo Glock, Toyota TF109
5/10

Foto di: Sutton Motorsport Images

Timo Glock, Toyota TF109
Timo Glock, Toyota TF109
6/10

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Adrian Sutil, Sauber F1 Team e Sergio Perez, Sahara Force India 16
Adrian Sutil, Sauber F1 Team e Sergio Perez, Sahara Force India 16
7/10

Foto di: XPB Images

Adrian Sutil, Sauber F1 Team 07
Adrian Sutil, Sauber F1 Team 07
8/10

Foto di: XPB Images

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.08, in griglia
Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.08, in griglia
9/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.09, Jarno Trulli, Toyota TF109, Kimi Raikkonen, Ferrari F60
Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.09, Jarno Trulli, Toyota TF109, Kimi Raikkonen, Ferrari F60
10/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1 Tech: Lotus 79, la prima a effetto suolo
Articolo precedente

F1 Tech: Lotus 79, la prima a effetto suolo

Prossimo Articolo

Brown velenoso: "Sainz? Ci lasceremo da amici, non come altri..."

Brown velenoso: "Sainz? Ci lasceremo da amici, non come altri..."
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021