Formula 1 perde 104 milioni di dollari nel terzo trimestre

Il consuntivo economico da giugno a settembre evidenzia una perdita sebbene si siano disputate 10 delle 17 gare in calendario. L'assenza del pubblico e il fatto che gli organizzatori e le televisioni abbiano rinegoziato gli accordi per la strana stagione 2020 hanno fatto crollare i guadagni. Le squadre, invece hanno percepito 440 milioni di dollari in premi, una cifra superiore al 2019 per i bonus concessi pr la firma del Patto della Concordia.

Formula 1 perde 104 milioni di dollari nel terzo trimestre

La Formula 1 nell’era del COVID-19 non è un grande affare: il reddito dichiarato dalla FOM nel terzo trimestre 2020 indica che c’è stata una perdita di 104 milioni di dollari rispetto allo scorso anno nello stesso periodo.

Il passivo emerge anche se c’è stato un recupero del fatturato rispetto all’inizio dell’anno quando nella prima fase della pandemia l’attività era stata fermato dal lockdown. La Formula 1 ha fatturato 597 milioni di dollari da luglio a settembre, una cifra in calo rispetto ai 633 milioni di dollari del 2019.

La perdita operativa, dunque, è stata di 104 milioni di dollari per il trimestre, mentre l’anno scorso aveva generato un profitto di 32 milioni di dollari.

I proventi che derivano dagli organizzatori dei GP, dai diritti TV e dalle sponsorizzazioni sono computati per trimestre tenendo conto del numero delle gare che si disputano in ciasun periodo.

I consuntivi del secondo trimestre, vale a dire nel periodo che copriva da aprile a giugno, non erano rappresentativi sull’effetto del COVID-19 sul business plan della Formula 1, poiché durante questo periodo non si sono svolti Gran Premi. Il promotore, infatti, ha dichiarato un reddito di soli 24 milioni di dollari per il secondo trimestre, in calo di 620 milioni rispetto al 2020!

E per offrire dati omogenei è giusto ricordare anche che nel terzo trimestre 2020, vale a dire da luglio a settembre, si sono disputate 10 delle 17 gare che sono state messe a calendario, rispetto alle 7 su 21 che si erano corse nello stesso periodo l’anno scorso.

La prima analisi che emerge è che, nonostante si sia registrata una maggiore concentrazione di GP nel periodo in esame, il reddito complessivo è stato nettamente inferiore a quello del 2019.

Le motivazioni sono semplici da trovare: senza pubblico gli organizzatori dei GP non erano in grado di pagare le cifre pattuite nei contratti, ma hanno rinegoziato degli accordi affinché la F1 potesse assicurare un calendario con 17 eventi.

Liberty, infatti, ha spiegato che anche a livello di diritti televisivi e sponsorizzazioni i ricavi sono stati minori di quelli preventivati…

"Il calendario rivisto – dicono i promotori - ha determinato una riduzione sui diritti TV che sono stati modificati una solo per l'anno in corso".

“Anche le proposte di sponsorizzazione sono state limitate a causa dell'annullamento di molte gare e dall’impossibilità di attivare le hospitality per la chiusura del paddock.”

"Sono diminuite anche le altre entrate della F1 a causa della mancata operatività del Paddock Club e ci sono state minori entrate della cancellazione di diversi trasporti delle merci".

La F1, inoltre, non ha programmato la presenza del pubblico nelle restanti gare del 2020.

Le squadre di F1, per contro, hanno ricevuto un riconoscimento di 440 milioni di dollari: si tratta di una cifra in aumento rispetto ai 335 milioni dello scorso anno "…a causa delle commissioni una tantum pagate ai team per la firma del nuovo Patto della Concordia".

I numeri negativi non danno un quadro ottimistico della situazione, ma Chase Carey, CEO uscente della Formula 1, ha voluto sottolineare come la comunità del Circus abbia saputo reagire alla crisi dovuta al COVID-19.

"Siamo orgogliosi - ha detto Carey - del modo in cui tutta la F1 si è riunita per affrontare le sfide e tornare a correre in modo sicuro. Abbiamo visto l'entusiasmo sia dentro che fuori dagli autodromi. Voglio ringraziare tutti: la FIA, i team, i promotori e altri partner che sono stati la chiave del nostro successo".

condivisioni
commenti
F1: il GP dell'Arabia Saudita entra nel calendario 2021!
Articolo precedente

F1: il GP dell'Arabia Saudita entra nel calendario 2021!

Prossimo Articolo

Analisi: le piste della F1 fra storia e business

Analisi: le piste della F1 fra storia e business
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021