Alonso: "I conti li faremo ad Abu Dhabi"

Lo spagnolo sembra convinto di non poter chiudere i giochi in Brasile e comunque non ci pensa

Alonso:
A quasi una settimana dalla vittoria di Yeongam, Fernando Alonso comincia a godersi il suo status di nuovo leader della classifica iridata, ma dal blog che tiene costantemente sul sito ufficiale della Ferrari spiega di sapere che è ancora presto per abbassare la guardia e cominciare a fare calcoli. Del resto lo ha insegnato proprio la Corea, quest'anno in Formula 1 le cose possono cambiare veramente in un attimo: "Sono tornato al comando della classifica del campionato, da cui mancavo dalla gara in Australia. Peraltro, sappiamo che con questo sistema di punteggio e con i distacchi che ci sono le posizioni contano relativamente: basta una gara - lo abbiamo visto in Corea - a ribaltare la situazione. Comunque, sempre meglio essere davanti che dietro! Sapere che il raggiungimento dell'obiettivo dipende da noi ci dà un filo in più di tranquillità ma non cambia minimamente il nostro approccio. Dovremo cercare di fare il massimo, sfruttando appieno tutto il potenziale a disposizione. L'unica differenza è che basterà, per così dire, stare davanti ai nostri avversari diretti, senza dover fare troppi calcoli". Quando parla del filotto di risultati delle ultime gare, lo spagnolo gongola decisamente, ma non sembra convinto che ci sia stato un cambio nell'approccio del team a far girare le cose. Questo secondo lui era sempre stato ineccepibile, forse era la fortuna che era un pò mancata nella prima parte del campionato. "Le cifre della seconda parte della stagione sono significative - 133 punti in sette gare, 90 nelle ultime quattro - e viene da pensare che sarebbe stato bello iniziare la stagione a Hockenheim. Eppure da parte nostra non è che sia cambiato qualcosa di speciale nel nostro modo di lavorare: è solo che siamo riusciti a inanellare una serie di weekend positivi dall'inizio alla fine mentre prima, qualche volta e per vari motivi, non era stato così. Ci era mancata quella costanza di risultati che poi è arrivata. La macchina era sempre stata abbastanza competitiva, con differenze da circuito a circuito, come peraltro è avvenuto anche in seguito: certo, abbiamo migliorato molto il livello della prestazione in questi ultimi tre mesi". A due gare dal termine, Alonso sembra convinto di poter cominciare ad eliminare uno degli avversari dalla corsa verso il titolo. Il riferimento è a Jenson Button, che paga ben 42 dei 50 punti in palio: "In teoria siamo ancora in cinque in lotta per il titolo ma è chiaro che per Button la situazione è complicata. Non sono tanto i punti di distacco a dirlo - abbiamo visto tre anni fa come andò a finire - quanto il fatto che sono ben quattro i piloti davanti a lui ed ipotizzare che tutti non facciano punti è dura". Qui poi arriva il punto cruciale del Blog di Fernando: ad Interlagos il ferrarista ha conquistato entrambi i suoi titoli iridati, ma pare piuttosto convinto che la storia non si ripeterà quest'anno. Secondo lui infatti bisognerà attendere il gran finale ad Abu Dhabi per capire chi sarà il campione del mondo 2010. "Ho naturalmente dei bei ricordi di questa pista perché lì vi ho conquistato i due titoli iridati, nel 2005 e nel 2006. Ogni volta che vado a San Paolo è un'emozione speciale e c'è davvero una bella atmosfera. Non voglio in alcun modo pensare che la storia possa ripetersi per la terza volta: so che esiste una teorica possibilità ma per me non conta. Vogliamo affrontare questo Gran Premio come abbiamo fatto con tutti gli altri, concentrati su noi stessi, con i piedi per terra, cercando di lavorare bene e senza commettere errori con l'obiettivo di battere i nostri rivali. L'ho detto sempre e lo ripeto ancora una volta: i conti li faremo ad Abu Dhabi".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie