Bahrein: Ecclestone rinuncia alla tassa annuale

Bahrein: Ecclestone rinuncia alla tassa annuale

Intanto Mister E ha ribadito la sua volontà di posticipare la gara a fine stagione se possibile

Bernie Ecclestone è noto per essere un personaggio molto attaccato al denaro, ma questa volta il buon senso ha prevalso in lui. Nei giorni scorsi si vociferava infatti che gli organizzatori del Gp del Bahrein sarebbero stati costretti a pagare comunque la tassa per i diritti commerciali pattuita con la FOM, che si aggira intorno ad una cifra di 30 milioni di euro. Si diceva che questo fosse necessario per garantire al Gp un futuro, magari a cominciare dal 2012. Tuttavia, visto che le cause che hanno portato all'annullamento della gara sono molto particolari e prescindono dalla volontà degli organizzatori, Mister E ha annunciato di aver rinunciato alla cifra pattuita. "La tassa che normalmente viene pagata per l'evento, per quest'anno non dovrà essere saldata" ha spiegato Ecclestone al Daily Telegraph. "Non li voglio tassare per una gara che non ci sarà, anche se probabilmente loro saranno assicurati contro la perdita dei ricavi, ma non ne sono certo". "Le cause che hanno portato all'annullamento sono di forza maggiore e non erano prevedibili. E' come se fossero stati colpiti da un violento terremoto, non si poteva ipotizzare un mese fa" ha aggiunto. Ecclestone poi ha anche ribadito che, qualora dovessero terminare i disordini ed in Bahrein tornasse la pace, il suo obiettivo primario sarà quello di far reinserire il Gp nel calendario 2011, probabilmente la settimana prima del Gp di Abu Dhabi.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie