Addio Ferrari-Vettel: tutti i perché del divorzio

Dopo sei anni il pilota tedesco lascerà la Scuderia a fine anno. Alla base della separazione il ‘no’ di Seb al ridimensionamento offerto da Maranello. Il sogno del Mondiale al volante della rossa, accarezzato nel 2017 e 2018, resterà tale e non senza rimpianti.

Addio Ferrari-Vettel: tutti i perché del divorzio

Lo stallo nelle trattative tra Sebastian Vettel e la Ferrari era trapelato già la scorsa settimana (e riportato da Motorsport.com). Per recuperare la situazione era necessario un passo indietro da parte di una delle due parti, ma sia Seb che i dirigenti della Scuderia sono rimasti ben saldi nelle rispettive posizioni.

La naturale conseguenza non poteva che essere la separazione (che sarà probabilmente annunciata ufficialmente nelle prossime ore) ma ormai trapelata e confermata da più fonti. Non sono volati stracci, ma il divorzio consumatosi a Maranello non è stato ad alto tasso di consensualità, perché la storia tra Vettel e la Ferrari non era avviata ad una conclusione naturale, come è stato nel caso di Kimi Raikkonen.

Diceva Marilyn Monroe che quando un amore finisce uno dei due soffre, se non soffre nessuno allora non è mai iniziato, se soffrono entrambi, non è mai finito. Questa vicenda sembra rispecchiarsi nel primo caso, e a soffrire maggiormente è Vettel.

Seb avrebbe potuto proseguire la sua esperienza a Maranello, ma per farlo avrebbe dovuto accettare le condizioni poste dalla Ferrari, che molto probabilmente saranno state chiare e ferme: contratto di un anno, ed un ridimensionamento sul fronte economico. È ipotizzabile che sul tavolo la proposta della Scuderia sia stata un allineamento su tutti i fronti con la posizione di Charles Leclerc, stesso compenso e stesse priorità, una conseguenza dell’analisi di ciò che Vettel ha fatto vedere in pista nell’ultimo biennio. Per Seb accettare queste condizioni avrebbe comportato la tacita ammissione che nel 2018 e 2019 non ha rispettato le aspettative della squadra, un passo non semplice da fare.

Leggi anche:

Non è una questione di soldi in sé, ma di ciò che i soldi (e la durata del contratto) rappresentano. “Se guadagni tanto è perché meriti e vali tanto”, diceva Ayrton Senna, confermando che il denaro per i piloti è un’altra classifica da scalare (non meno importante di quella del Mondiale) e perdere posizioni non è facile da accettare per nessuno, soprattutto per un quattro volte campione del Mondo che per la prima volta si è trovato ad affrontare una situazione di questo tipo.

La posizione della Ferrari non è figlia di una decisione recente, ma probabilmente l’effetto di una situazione nata da tempo, forse in una data ben precisa: il 22 luglio 2018, giorno in cui Seb finì contro la Sachs-kurve di Hockenheim.

Tutti realizzarono che il leggero ma fatale impatto sulle gomme poste all’esterno del tratto più lento del Motodrome avrebbe avuto conseguenze sull’esito del Mondiale 2018, ma nessuno poteva immaginare che quell’uscita di pista sarebbe stato il primo atto di una lunga serie di eventi che ha portato alla fine del rapporto tra Vettel e la Ferrari.

Quella prima crepa si è velocemente allargata, una fessura cresciuta ogni volta che Seb ha commesso degli errori (e ne ha commessi parecchi) intaccando l’immagine di un pilota da Mondiale. A non aiutare è stato anche il confronto con il rendimento ‘error-free’ di Lewis Hamilton, che guida si un’altra monoposto, ma che di fatto ha garantito quel contributo che ha permesso alla Mercedes di far suoi i titoli Mondiali 2017 e 2018, traguardi con due Bottas non sarebbero arrivati.

A Maranello hanno fatto sempre quadrato intorno a Vettel, considerando anche l’investimento economico stanziato nell’estate del 2017, quando l’allora presidente Sergio Marchionne concesse al tedesco un contratto triennale per una cifra complessiva (sussurrata nel paddock) intorno ai 100 milioni di euro.

L’ultimo ‘beau geste’ della Scuderia si è visto lo scorso settembre a Singapore, quando la squadra ha messo il tedesco nelle condizioni di tornare alla vittoria, sacrificando il lanciatissimo Leclerc.

Leggi anche:

Un’operazione nobile, quella di Mattia Binotto, simile a quella degli allenatori di calcio quando non sostituiscono un giocatore dopo un errore clamoroso. Richiamare in panchina un’atleta in difficoltà vuol dire farlo uscire tra i fischi e distruggerlo psicologicamente, ed un ‘mister’ d’esperienza lo sa bene: meglio andargli incontro e provare l’operazione di recupero. Poi, però, arriva il giorno in cui tirare le somme e pensare al futuro di una squadra, un momento in cui non si possono fare sconti.

Per Vettel e la Ferrari quel momento è arrivato nel mese di aprile, quando le trattative sono entrate nel vivo. Binotto ha sempre sottolineato che Seb sarebbe stato la prima scelta, e così è stato, ma le due parti si sono trovate davanti ad ostacoli insormontabili.

Vettel ha amato molto la Ferrari, ma non tanto da consentirgli di mettersi in discussione, e non è certo il primo pilota nella storia della Formula 1 (anche recente) a non riuscire a fare un passo indietro. Tra le doti dei campioni c’è quella di un’autostima superiore alla media, senza la quale sarebbe difficile gestire la pressione che non manca mai quando ci si trova ai piani alti, ma in certe circostanze questa dote può rivelarsi un limite.

Come sempre sarà il tempo a dire se Vettel ha fatto o meno la scelta giusta, unico giudice che emette verdetti inappellabili sulle scelte di ogni sportivo, anzi, di ogni uomo.

condivisioni
commenti
Calendario F1: c'è Monza, con Portimao alternativa a Silverstone

Articolo precedente

Calendario F1: c'è Monza, con Portimao alternativa a Silverstone

Prossimo Articolo

Vettel: "Non lascio la Ferrari per questioni economiche"

Vettel: "Non lascio la Ferrari per questioni economiche"
Carica commenti
Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft" Prime

Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"

In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano quanto visto nel venerdì di prove libere del GP di Francia. Tante sorprese e tante novità tecniche in un tracciato che "in teoria" sarebbe favorevole a Mercedes, eppure...

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo" Prime

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano le prove libere del venerdì del GP di Francia di Formula 1. Red Bull in testa con Verstappen, ma le Mercedes possono cambiare marcia in qualifica. Da tenere d'occhio il prosieguo di weekend dell'Alpine.

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo" Prime

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo"

Torna Debriefing F1, programma podcast di Motorsport.com con cui Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano le prove libere del GP di Francia al Paul Ricard. Buon ascolto!

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Formula 1
17 giu 2021
Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Formula 1
17 giu 2021
Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Formula 1
17 giu 2021
Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021