Format GP: solo 2 giorni, con 6 eccezioni, ma per un calendario più lungo

condivisioni
commenti
Format GP: solo 2 giorni, con 6 eccezioni, ma per un calendario più lungo
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
11 nov 2018, 10:01

Liberty Media vuole portare a 25 le gare, ma i team sostengono che così il calendario sarebbe troppo stressante per il personale: c'è l'idea di togliere le prove libere del venerdì tranne alla prima tappa stagionale, Barcellona, Monte Carlo, Silverstone, Monza e Singapore.

La Formula 1 è un cantiere aperto. Sul tavolo delle trattative c’è un futuro ancora tutto da scrivere, con FIA, Liberty Media ed i rappresentanti dei team impegnati a difendere i propri interessi in un contesto di trattative molto serrate.

Nella giornata di ieri si è tenuto un incontro nell’hospitality della Ferrari per discutere di un futuro che sembra lontano ma che in realtà è dietro l’angolo, considerando la programmazione con cui viene pianificata l’attività di tutti gli addetti ai lavori del Circus.

Uno dei temi discussi ad Interlagos è stato il format dei fine settimana di gara, argomento sempre di grande attualità e diventato ancora più sensibile da quando si è intuita la volontà di Liberty Media di ampliare ulteriormente un calendario che già oggi prevede 21 Gran Premi. L’intenzione di Liberty è quella di arrivare a 25 tappe stagionali, anche se finora le novità annunciate (come nel caso del Gran Premio di Miami) sono state successivamente annullate.

La scorsa settimana è arrivata la conferma di una gara in Vietnam nel 2020, ma i tempi per il completamento delle infrastrutture potrebbe far slittare l’inedita tappa asiatica di dodici mesi. Le squadre sono comunque molto preoccupate, a causa del sorgere di problematiche sul fronte della gestione del personale, che sarebbe spremuto come non mai in un tour de force senza precedenti.

Per questo motivo è stata avanzata la proposta di accorciare il weekend di gara a soli due giorni, eliminando il venerdì oggi dedicato alle prove libere. Ci sarebbero però sei eccezioni in cui il format rimarrebbe invariato, ovvero la prima tappa stagionale, Barcellona, Monte Carlo, Silverstone e Monza oltra a un ultimo weekend che prevedrà le tradizionali FP1 ed Fp2 al venerdì in caso di pista inedita o tracciato cittadino, come Singapore.

In tutti gli altri casi il formato sarebbe ridotto a prove libere (il sabato mattina) qualifiche al pomeriggio e gara la domenica.

Prossimo Articolo
Sirotkin e Magnussen hanno ricevuto una reprimenda: troppo lenti nel giro di rientro in Q1 a Interlagos

Articolo precedente

Sirotkin e Magnussen hanno ricevuto una reprimenda: troppo lenti nel giro di rientro in Q1 a Interlagos

Prossimo Articolo

Proposte 2019: mescole libere al via del GP, ma obbligatori due pit stop

Proposte 2019: mescole libere al via del GP, ma obbligatori due pit stop
Carica commenti