Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
96 giorni
G
GP del Vietnam
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
110 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
124 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
138 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
145 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
159 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
180 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
194 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
201 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
229 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
257 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
264 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
278 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
285 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
299 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
313 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
320 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
334 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
348 giorni

Force India: piloti convocati, il team non accetta la faida interna

condivisioni
commenti
Force India: piloti convocati, il team non accetta la faida interna
Di:
26 giu 2017, 09:16

Il team principal Otmar Szafnauer non si accontenta del sesto posto conquistato da Ocon: alla Force India vogliono definire una volta per tutte che i compagni di squadra non si possono buttare fuori fra di loro.

Sergio Perez, Sahara Force India VJM10 supera le bandiere gialle sventolanti e il segnale della Safe
Esteban Ocon, Sahara Force India VJM10 pits, a rear puncture
Sergio Perez, Sahara Force India VJM10
Sergio Perez, Sahara Force India VJM10
Sergio Perez, Sahara Force India VJM10
La monoposto di Sergio Perez, Sahara Force India VJM10
Sergio Perez, Sahara Force India VJM10

“Quando si hanno due piloti veloci sono cose che succedono. Ma non dovrebbero succedere..”.

Il responsabile della Force India, Bob Fernley, ci ha dormito su, e il giorno dopo il Gran Premio di Azerbaijan ha un po’ sbollito la delusione dello scorso pomeriggio.

Ma sia Sergio Perez che Esteban Ocon sono stati informati dai responsabili del team che quanto avvenuto a Baku è inaccettabile per la squadra.

La lista dei delusi del Gran Premio di Azerbaijan è lunga, ma per la Force India lo sconforto è stato particolarmente amaro. Oltre ad aver perso una concreta chance di salire sul podio con entrambi i piloti, la collisione che ha compromesso la corsa è avvenuta proprio tra le loro monoposto.

Il sesto posto finale di Ocon, graziato dalla bandiera rossa che ha permesso ai tecnici della Force India di poter riparare la sua VJM10, è comunque poca roba rispetto al potenziale bottino alla portata.

Il team principal Otmar Szafnauer ha confermato che entrambi i piloti saranno convocati per fare chiarezza sull’accaduto, perché è stato superato il limite, specie perché i fatti di Baku seguono le "scintille" del Canada...
“La cosa peggiore che puoi fare è colpire il tuo compagno di squadra – ha chiarito Szafnauer - perché dà alle squadre avversarie delle opportunità che non avrebbero avuto”.

“E’ stata una circostanza resa ancora più complessa dall’essere su un circuito cittadino – ha chiarito Szafnauer - se all’esterno della curva 2 ci fosse stata una via di fuga Checo avrebbe avuto la possibilità di spostarsi sulla destra, ma c’era un muro".

"Ci confronteremo in modo professionale, ma resta il fatto che l’esito della gara di Baku è inaccettabile. Non è una bella notizia quando c’è un contatto con un avversario, ma lo è molto di più se quell’avversario è il tuo compagno di squadra. Devono capirlo, perché sono ragazzi intelligenti”.

“Non voglio giudicare l’accaduto dando la colpa ad uno dei due piloti – ha concluso il team principal - voglio riesaminare tutto. Checo non ha avuto un buon avvio dopo la safety car, al contrario di Esteban che però poi non gli ha concesso spazio".

"Non so dire se avremmo vinto o meno la gara, ma eravamo davanti a Ricciardo. Ma se consideriamo che la bandiera rossa è stata causata anche dai nostri detriti, allora dobbiamo pensare che senza l’incidente non ci sarebbe stato lo stop della corsa, e Lewis non avrebbe avuto il problema al poggiatesta. Quindi troppe ipotesi, ma di sicuro avremmo avuto una chance concreta di terminare la corsa con entrambe le monoposto sul podio”.

Prossimo Articolo
Pirro: "Il fallo di reazione di Vettel non è accettabile"

Articolo precedente

Pirro: "Il fallo di reazione di Vettel non è accettabile"

Prossimo Articolo

E nel GP dell’Azerbaijan c'è pure una Sauber in zona punti

E nel GP dell’Azerbaijan c'è pure una Sauber in zona punti
Carica commenti