Force India: le gravi intemperanze di Perez non sono piaciute a Szafnauer

Se la FIA ha graziato il messicano dopo che Sergio ha schiacciato al muro il compagno di squadra, Ocon, alla terza curva, la cosa non è affatto piaciuta al team principal che sperava di acciuffare la McLaren nella classifica Costruttori.

Force India: le gravi intemperanze di Perez non sono piaciute a Szafnauer
I marshal rimuovono la monoposto danneggiata di Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
I marshal rimuovono la monoposto danneggiata di Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Sergio Perez, Racing Point Force India VJM11 e Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, ai box
Sergio Perez, Racing Point Force India VJM11
Sergio Perez, Racing Point Force India VJM11
Sergio Perez, Racing Point Force India F1 Team

La notte, a Sergio Perez, non porta consiglio. Il messicano della Force India in due ore di gara sotto le luci artificiali ha sfoggiato un piccolo museo degli orrori che hanno riportato alla mente un repertorio che sembrava essere definitivamente in archivio.

E non ci ha messo molto ad entrare in scena, visto che subito dopo il via alla curva ‘3’ ha messo a muro il compagno di squadra Esteban Ocon, causando l’ingresso in pista della safety-car. Una manovra grave, che ha indispettivo molto il team principal della Force India, Otmar Szafnauer.
“Abbiamo parlato più volte della necessità di evitare problemi – ha ricordato Szafnauer – in Belgio avevamo avuto l’ultimo briefing su questo punto, sottolineando l’importanza di non lasciare punti per strada visto che siamo ripartiti da zero nella classifica Costruttori. Purtroppo non gliel’ho ricordato ancora qui a Singapore, forse avrei dovuto…".

"Ma ora lo sanno bene. È abbastanza chiaro che Checo (Perez) avrebbe dovuto lasciare spazio ad Esteban, il quale ha potuto fare ben poco per evitare l’impatto contro il muro. È una manovra che non andrebbe mai fatta, e ancor meno considerando che hai di fianco il tuo compagno di squadra”.

“È un episodio che ci ha ferito – ha concluso Szafnauer – perché oggi abbiamo lasciato sul campo dei punti importanti, che ci avrebbero consentito di avvicinare molto la McLaren nella classifica Costruttori. Ma dalla prossima gara state certi che le regole saranno spiegate in modo molto, molto chiaro”.

Ma la giornata nera di Perez è proseguita anche nei giri successivi al contatto con Ocon. Dopo aver concluso il primo stint in un’ottima settima posizione, il messicano è tornato in pista con gomme nuove dietro la Williams di Sirotkin.

Il soprasso sembrava una formalità, ma la velocità di punta del russo ha complicato parecchio le cose per la Force India. Perez ha iniziato a dare segnali di nervosismo, prima via-radio, poi tirando staccate in punti dove notoriamente a Singapore non si passa. Infine è arrivato il fattaccio, una ruotata tra la curva 17 e la 18 rifilata senza complimenti alla Williams di Sirotkin, in pieno rettilineo ed a velocità elevata.

Un brutto gesto, che sarebbe stato da bandiera nera, ed invece Perez se l’è cavata con un drive-through. Almeno questa volta il messicano non ha cercato scuse (cosa non scontata) che sarebbero state fuori luogo come il gesto commesso in pista.
“Ho chiuso la porta prima di quanto avrei dovuto – ha commentato - quindi penso che la penalità sia stata giusta. È stata una gara difficile, lui (Sirotkin) stava difendendo la sua posizione duramente, molto duramente, muovendosi molto in frenata e con un sacco di bloccaggi. Poi mentre lo stavo passando ho chiuso la porta troppo in anticipo, ma ero frustrato, avevo surriscaldato freni, motore e gomme, e sapevo che stavo compromettendo la mia gara, come poi è stato”.

condivisioni
commenti
Raikkonen amaro: "Per passare Bottas avrei avuto bisogno di altri dieci giri"

Articolo precedente

Raikkonen amaro: "Per passare Bottas avrei avuto bisogno di altri dieci giri"

Prossimo Articolo

Ferrari: la Rossa è parsa inadeguata per la prima volta dall'inizio della stagione

Ferrari: la Rossa è parsa inadeguata per la prima volta dall'inizio della stagione
Carica commenti
Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa Prime

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa

John Watson è stato il primo pilota a provare la neonata Jordan 191 trovandola subito eccellente. L'ex pilota racconta in prima persona tutte le sensazioni dei primi passi del team di Eddie Jordan in Formula 1.

GP Russia: Norris, prima pole della carriera! Prime

GP Russia: Norris, prima pole della carriera!

Lando Norris riporta la McLaren in pole position e si prende la prima posizione nelle qualifiche del GP di Russia di Formula 1. Al suo fianco l'inglese trova la Ferrari di Carlos Sainz. Terzo il solito sorprendente Russell, davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Formula 1
25 set 2021
Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Formula 1
25 set 2021
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021