Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
105 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
119 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
133 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
161 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
168 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
182 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
217 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
238 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
252 giorni

Flussometro F1: nuovo bando FIA 2021 con regole restrittive

condivisioni
commenti
Flussometro F1: nuovo bando FIA 2021 con regole restrittive
Di:
Co-autore: Adam Cooper
7 feb 2020, 18:11

La Federazione Internazionale vuole introdurre sulle F1 2021 un nuovo flussometro per il controllo istantaneo del carburante: dovrà costare meno di 5 mila dollari, pesare meno di 400 grammi e dovrà assicurare verifiche più stringenti di oggi. Il sensore dovrà avere una vita di almeno 400 ore.

La FIA ha lanciato un nuovo bando di gara per il flussometro che a partire dal 2021 dovrà controllare il consumo istantaneo di carburante sulle monoposto di Formula 1.

La Federazione Internazionale, oltre a perseguire la riduzione dei costi, cerca un misuratore di benzina che faciliti i controlli per evitare le polemiche che l’anno scorso hanno accompagnato in particolare le accuse della Red Bull contro la Ferrari.

Le aziende interessate dovranno presentare un’offerta entro il 13 marzo (vale a dire il venerdì del GP d'Australia), mentre la decisione sarà resa pubblica a metà aprile.

Il contratto prevede una fornitura per il periodo 2021-2023, ma la FIA si riserva il diritto di allungare l’accordo fino al 2025. Il bando risponde a quanto disposto nell’articolo 5.11.3 del regolamento tecnico 2021, che stabilisce: “Tutte le auto devono essere dotate di un flussometro prodotto da un solo fornitore nominato dal Consiglio Mondiale FIA”.

Leggi anche:

Tutto il carburante che dal serbatoio sarà portato in camera di combustione dagli iniettori dovrà passare attraverso il sensore omologato. Nicholas Tombazis nella direttiva tecnica

TD / 042-19 emessa alla fine dello scorso anno aveva specificato che a partire da questa stagione le F1 avrebbero montato un secondo flussometro tarato dai commissari della FIA.

Molto probabilmente questo provvedimento sarà valido anche nel 2021 e per cercare di limitare l’aumento di peso la FIA ha posto un limite di 400 grammi per l’omologa del flussometro.

La FIA ha aggiunto che il costo del sensore non dovrà superare 5 mila dollari e lo strumento dovrà garantire un funzionamento di 100 ore, mentre la revisione per la durata di altre 100 ore non potrà superare i 500 dollari. Ogni flussometro dovrà avere una vita di almeno 400 ore.

Una volta scelto un fornitore i team dovranno ricevere due unità entro il 1 luglio. Nel 2020 le squadre potranno usare fino a otto flussometri con la propria taratura per la stagione in corso, mentre quelli FIA dovranno essere solo quattro. L’idea è di mantenere questi numeri anche con la nuova fornitura.

Prossimo Articolo
Ecco perché il GP in Provenza è perfetto per le vacanze estive

Articolo precedente

Ecco perché il GP in Provenza è perfetto per le vacanze estive

Prossimo Articolo

Ferrari: Leclerc sta girando con le Pirelli da 18 a Jerez

Ferrari: Leclerc sta girando con le Pirelli da 18 a Jerez
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes