Fissata la data per l'asta del materiale della Manor

condivisioni
commenti
Fissata la data per l'asta del materiale della Manor
Di: Lawrence Barretto
Tradotto da: Matteo Nugnes
11 apr 2017, 11:31

Le speranze di un accordo per salvare la squadra all'ultimo minuto si sono concluse quando il boss Stephen Fitzpatrick ha comunicato alla FIA il ritiro della sua struttura dal Mondiale di Formula 1.

Concept Manor F1 2017
2017 Manor Racing, modello per la galleria del vento
Manor Racing, cerchioni
Manor Racing show car

La Just Racing Services, una società parente della Manor, ha cessato la sua attività all'inizio di quest'anno, con gli amministratori che hanno deciso di mettere all'asta i beni rimanenti per ottenere fondi per pagare i creditori.

Tra questi ci sono due modellini per la galleria del vento, cinque volanti, tre rimorchi, ma anche tante altre attrezzature, che saranno messe in vendita dalla Gordon Brothers per un periodo di quattro giorni.

Il catalogo completo comprenderà anche ali anteriori e posteriori, cofani motore, pance, cerchi e sedili, con le aste che chiuderanno il 16 maggio.

L'amministratore ha fatto sapere che circa 50 possibili acquirenti avevano mostrato interesse a provare a rilanciare la squadra, e anche Motorsport.com aveva saputo di un'offerta per rilevare tutte e tre le società della Manor (Just Racing Services Ltd, Just Racing Ltd e Manor Gran Prix Racing Ltd).

La cosa però non è andata avanti e, secondo gli amministratori, nessuna delle altre parti in causa "sarebbe stata in grado di permettere alla compagnia di tornare alla solvibilità con le risorse a disposizione".

Non avendo trovato un investitore o un budget per pagare gli stipendi del mese di febbraio, tutti i 150 dipendenti sono stati licenziati.

Sono stati fatti degli ulteriori tentativi per cercare di salvare la squadra, con rumors legati ad una possibile cordata cinese, ma anche queste sono svanite all'inizio del mese di marzo.

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Manor Racing
Autore Lawrence Barretto