Ferrari SF1000: promossa o bocciata, perché il 2021 incombe

Quella 2020 non è una stagione di transizione in attesa della rivoluzione 2021 della F1: sarà un campionato che si giocherà già nelle prime gare e chi non saprà reggere il passo Mercedes abdicherà pensando al futuro.

Ferrari SF1000: promossa o bocciata, perché il 2021 incombe

Quella che va a cominciare sarà una stagione di F1 cortissima, anche se sulla carta sarà quella con il calendario più lungo (GP della Cina permettendo con i dubbi legati alla pandemia del Coronavirus).

Non c’è contraddizione di termini, per il semplice fatto che tutte le squadre sono già impegnate nella progettazione delle monoposto 2021, quando la F1 adotterà nuovamente le macchine a effetto suolo dando un taglio netto alla regolamentazione di questo ciclo ibrido che ha tenuto banco per sette anni.

Se è vero che la Ferrari e, sembra, la Renault si presenteranno alla prima sessione di test invernali di Barcellona con una veste aerodinamica incompleta, è altrettanto vero che le monoposto 2020 dovranno andare forte subito, già dal secondo turno di collaudi spagnoli.

Prima che scatti il budget cap (a 175 milioni di dollari a stagione) i top team si stanno armando per dotare le rispettive factory di tutto quello che serve per affrontare i prossimi anni con la più alta potenza di fuoco in termini di simulatori, reparto CFD, galleria del vento, stampanti 3D e chi più ne ha, ne metta.

Una delle motivazioni che hanno spinto la Ferrari a uscire da Maranello per il lancio della SF1000 a Reggio Emilia è che la Gestione Sportiva è una sorta di… cantiere. Il lancio della nuova F1 sarà una valida occasione per ridefinire i valori e le gerarchia all’interno del paddock per cui c’è la tentazione a definire questa una stagione di transizione.

Sarà la valida scusa per tutti quelli che non hanno macchine competitive, al punto che porteranno avanti lo sviluppo nel corso della stagione solo le squadre implicate nella lotta per il mondiale. Gli altri getteranno lo sguardo e le risorse al futuro. Ci sarà bisogno, quindi, di un avvio del campionato a razzo, per scoprire chi fra Ferrari e Red Bull sarò lo sfidante di Mercedes.

Leggi anche:

In questa logica sarà una durissima sfida a tre nella prima parte della stagione, ma poi uno dei contendenti è destinato a lasciare gli altri due se non reggerà il passo. La Ferrari ha cercato di risolvere i guai della SF90 per avere una monoposto che dovrebbe essere competitiva su tutte le piste: i fianchi strettissimi intorno a un micro cambio testimoniamo che si è cercato il carico aerodinamico mancante con delle scelte di progetto estreme. Come ardite sono alcune idee che Newey ha introdotto nella RB16.

La stabilità delle regole e la conferma delle gomme 2019 facilitano l’arrivo di monoposto già mature alla nascita, che non avranno problemi di svezzamento (in quel caso tanto vale alzare subito la bandiera bianca!). Insomma dovranno essere pronte subito. Non ci saranno esami di riparazione: promossi o bocciati.

Ai test di Barcellona andrà David Sanchez a seguire la SF1000, mentre Enrico Cardile e Simone Resta resteranno a casa a guardare al 2021. La nuova Ferrari dovrà piacere subito, anche perché lo stesso Sebastian Vettel dovrà dimostrare di meritare un rinnovo di contratto con la Scuderia, visto che Lewis Hamilton è pronto a giurare amore eterno alla Mercedes.

Se Binotto ha cercato di scaricare la responsabilità dalla squadra parlando di team giovane che deve ancora imparare per aprire un ciclo vincente, preferendo puntare sul basso profilo, è evidente che c’è fiducia sulla SF1000. Il team principal ha ammesso al lancio della Rossa che sono stati raggiunti i numeri che erano stati cercati...

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari
2/22

Foto di: Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari

Louis Camilleri, CEO of Ferrari
3/22

Foto di: Ferrari

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
4/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
5/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
6/22

Foto di: Ferrari

Illustrazione della Ferrari SF1000

Illustrazione della Ferrari SF1000
7/22

Foto di: Girogio Piola

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Ferrari

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettagli del posteriore

Ferrari SF1000, dettagli del posteriore
10/22

Foto di: Ferrari

Dettagli dell'abitacolo della Ferrari SF1000

Dettagli dell'abitacolo della Ferrari SF1000
11/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio dell'halo

Ferrari SF1000, dettaglio dell'halo
12/22

Foto di: Ferrari

Dettagli del muso della Ferrari SF1000

Dettagli del muso della Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio della sospensione

Ferrari SF1000, dettaglio della sospensione
14/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000, dettaglio dell'halo

Ferrari SF1000, dettaglio dell'halo
15/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods

Ferrari SF1000 dettaglio dei sidepods
16/22

Foto di: Ferrari

Ferrari SF1000

Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
18/22

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
19/22

Foto di: Ferrari

Le nuove tute di Sebastian Vettel, Charles Leclerc, Ferrari

Le nuove tute di Sebastian Vettel, Charles Leclerc, Ferrari
20/22

Foto di: Ferrari

Atmosfera

Atmosfera
21/22

Foto di: Motorsport.com

Striscione di Charles Leclerc, Ferrari

Striscione di Charles Leclerc, Ferrari
22/22

Foto di: Motorsport.com

 

condivisioni
commenti
Taffin: "La power unit fase 3 sarà invariata rispetto alla 2"

Articolo precedente

Taffin: "La power unit fase 3 sarà invariata rispetto alla 2"

Prossimo Articolo

Red Bull RB16: bocca chiusa, muso estremo e niente multilink

Red Bull RB16: bocca chiusa, muso estremo e niente multilink
Carica commenti
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021
Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti" Prime

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti"

Seconda intervista esclusiva in compagnia di Gilles Simon. In questa lunga chiaccerata in compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, l'ingegnere francese ci parla dei suoi trascorsi in Honda accompagnando il costruttore nipponico nei suoi primi anni in Formula 1 nell'era ibrida, per poi andare in FIA in qualità di advisor

Formula 1
14 giu 2021
F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Formula 1
13 giu 2021
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021