Ferrari senza peso politico? No, perché ora i... conti tornano

condivisioni
commenti
Ferrari senza peso politico? No, perché ora i... conti tornano
Di:
18 lug 2019, 10:14

Mentre la Scuderia ha subito i fatti di Canada e Austria esponendosi a dure critiche, i vertici del marchio del Cavallino hanno raggiunto un accordo con la Formula 1 per la permanenza ben remunerata nel Circus, giocando d'anticipo sulla concorrenza!

Mattia Binotto è sotto pressione. La Ferrari non vince anche se ha avuto tre occasioni per riuscirci e il team principal si trova in un momento cruciale: rendere competitiva la SF90 nel lento processo di avvicinamento della Mercedes, rassicurare Sebastian Vettel che non ha mai raggiunto quella confidenza con la Rossa che dimostra Charles Leclerc, costruire il Reparto Corse con gli uomini che dovrebbero permettergli di aprire un ciclo vincente.

A tutto questo dobbiamo aggiungere che si stanno discutendo le regole 2021 da un punto di vista tecnico, sportivo e politico. Quindi si delineano in queste settimane molti scenari che avranno un pesante impatto dei prossimi cinque anni.

Con un carico di lavoro così pressante è normale che il team principal possa sentirsi tirato per la giacchetta in continuazione. Ma Binotto è un tipo tenace che sa come arrivare agli obiettivi che si è prefissato, dandosi il tempo necessario per completare i piani che ha stilato.

Il tecnico reggiano, svizzero di nascita, ha una capacità di mantenere la calma anche quando le acque sono particolarmente agitate, sebbene non dia l’impressione del capitano che dà ordini dalla tolda della nave come faceva, per esempio, Sergio Marchionne. L’approccio è diverso, meno vulcanico, più pragmatico.

E così si scopre che nel momento in cui tutti gli osservatori parlavano di una Ferrari priva di potere politico in F1, proprio il Cavallino stava mettendo a segno un accordo importantissimo per il suo futuro e quello del Circus.

A qualcuno può essere sfuggito che al GP di Francia erano arrivati in pista anche i legali del Cavallino che si affacciano nel Motorhome solo quando deve succedere qualcosa di importante.

E, stando alle indiscrezioni, mentre montava violentissima la polemica sulla penalizzazione di Vettel in Canada e sul ricorso discusso proprio al Paul Ricard che è finito miseramente senza validi argomenti per ribaltare la sentenza, la Ferrari (era presente anche il ceo, Louis Camilleri) stava negoziando con i vertici della Formula 1 la sua presenza nel mondo dei GP, facendo pesare tanto il diritto di veto sui regolamenti, quanto lo status di squadra storica che meritava, quindi, riconosciuto economico pari al suo valore.

Insomma, mentre a livello sportivo la Scuderia stava vivendo una sorta di Caporetto, il marchio in realtà stava mettendo le radici a un qualcosa che dovrebbe dare una grande stabilità perché la sua presenza in F1 resti un perno intorno al quale gira il mondo dei GP, anche se la Mercedes sta dominando il campo dall’inizio dell’era ibrida, vale a dire dal 2014.

La Ferrari, insomma, se non ha firmato un accordo finanziario per il periodo 2021-2025 poco ci manca, togliendo dal campo gli aspetti economici, mentre restano sul tavolo della trattativa quelli tecnici e quelli relativi alla governance.

Qualcuno aveva storto la bocca anche quando il Cavallino ha rinunciato a fare appello in Austria quando Max Verstappen non è stato sanzionato per aver “accompagnato” fuori pista Charles Leclerc alla Remus Curve nelle fasi finali di una gara stava comandando.

L’atteggiamento era stato incomprensibilmente soft: debolezza? A posteriori sembrerebbe di no. La Ferrari ha dato corso al “cambiamento” che poi a Silverstone ci ha regalato una corsa memorabile in diversi momenti. Si è voltato pagina per il bene dello spettacolo e dello sport. La Scuderia, dal doppio episodio giudicato dai commissari sportivi in Canada e Austria, ci ha fatto la figura della “cornuta e mazziata”, mentre stava incassando ben altro risultato. Insomma, Parigi val bene una messa…

Scorrimento
Lista

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/9

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Louis Camilleri, CEO, Ferrari

Louis Camilleri, CEO, Ferrari
2/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, sul pit wall

Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, sul pit wall
3/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari fa un selfie con un fan

Charles Leclerc, Ferrari fa un selfie con un fan
4/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pole Sitter Charles Leclerc, Ferrari SF90 guida nel Parc Ferme

Pole Sitter Charles Leclerc, Ferrari SF90 guida nel Parc Ferme
6/9

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/9

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
8/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
9/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Test Pirelli: crash per Buemi a Silverstone con la Red Bull!

Articolo precedente

Test Pirelli: crash per Buemi a Silverstone con la Red Bull!

Prossimo Articolo

Ferrari: Elkann ad Amatrice nella scuola di... Marchionne

Ferrari: Elkann ad Amatrice nella scuola di... Marchionne
Carica commenti