Ferrari: "Puntavamo a un pit in meno, non è stato possibile"

Inaki Rueda, capo della strategia della Scuderia, spiega le scelte della Scuderia nel GP del Bahrain che ha fruttato solo un decimo posto con Charles Leclerc. Il tecnico spagnolo ammette che il surriscaldamento delle gomme sull'asfalto abrasivo di Al Sakhir ha impedito di mettere in atto la tattica che era stata studiata a tavolino.

Ferrari: "Puntavamo a un pit in meno, non è stato possibile"

La gestione delle gomme è stata una delle chiavi del GP del Bahrain. La Ferrari ad Al Sakhir sapeva che era destinata a soffrire e il punticino conquistato da Charle Leclerc per il ritiro di Sergio Perez nel finale non soddisfa certo la Scuderia che ha fatto un sensibile passo indietro rispetto ai GP precedenti.

Iñaki Rueda, Head of Race Strategy del Cavallino fa l’ormai consueta analisi della gara, spiegando i vari cambiamenti tattici da che cosa sono stati dettati.

Quali erano le premesse della vigilia?
“La pista di Sakhir è molto esigente con gli pneumatici così, vista l’allocazione uguale per tutti stabilita da Pirelli, avevamo in programma di conservare due set di Hard nuovi per la gara. Inoltre, visto che i sorpassi sono relativamente facili su questo tracciato, l’anticipo della sosta – noto come undercut – può risultare molto efficace. Sulla carta, una strategia su due soste era la più veloce e, visto che quest’anno Pirelli aveva deciso di portare mescole di uno step più morbide rispetto allo scorso anno, ritenevamo che le Soft non fossero in grado di essere competitive in gara”.

“Così abbiamo gestito le gomme in maniera un po’ diversa rispetto al solito, arrivando alle qualifiche con tre soli set di Soft nuove in modo da poter sfruttare due Medium nuove per poter passare il taglio di Q2 e poi usare le due Hard nuove in gara, una scelta peraltro fatta praticamente da tutti, visto che nessuno dei dieci qualificati alla Q3 ha ottenuto il suo tempo con le Soft”.

Purtroppo, né Charles né Sebastian sono però riusciti a passare all’ultima fase delle qualifiche e si sono ritrovati affiancati in griglia in sesta fila. Qual è stata a quel punto la scelta fatta?
“Abbiamo provato a differenziare le strategie, mettendo Seb sulle Medium, con l’obiettivo di anticipare la sua sosta e provare a sfruttare l’efficacia dell’undercut, e Charles sulle Hard, per provare ad andare più lunghi degli altri e fare più giri possibile con la pista libera”.

“La bandiera rossa ha dato anche l’opportunità a chi era partito con le Medium di provare a pensare di fare la gara con due Hard, strada che abbiamo scelto di percorrere con Seb, mentre su Charles abbiamo provato a sfruttare uno dei set di Medium per avvantaggiarci al via, puntando con decisione sulla doppia sosta”.

“Purtroppo, abbiamo visto sin dall’inizio che per Seb non sarebbe stato possibile fare una sola sosta perché anche il degrado delle Hard era rilevante e così abbiamo presto puntato su una strategia più convenzionale (Hard-Medium-Hard). Charles è stato sufficientemente competitivo nella prima parte dei suoi stint, sia sulle Medium che sulle Hard, ma anche lui ha sofferto per il surriscaldamento della superficie degli pneumatici, la vera causa della perdita di prestazione su un asfalto abrasivo e con le temperature come quelle di Sakhir, e per quanto la tentazione fosse sempre presente non abbiamo ritenuto plausibile l’opzione di fare una sosta in meno degli altri”.

Alla fine siamo riusciti a portare a casa un solo punto, grazie al decimo posto di Charles, un bottino davvero magro, grazie al ritiro di Sergio Perez che ha reso necessaria l’entrata in pista della Safety Car negli ultimissimi giri: c’era l’opportunità per provare a fare qualcosa di diverso?
“In teoria, c’era il tempo per provare a fare una sosta con Charles per mettergli il treno di Soft nuovo che avevamo ancora disponibile, ma dopo pochi secondi abbiamo valutato che non ci sarebbe stato il tempo sufficiente per raggruppare tutto il plotone – compreso lo sdoppiamento di chi era indietro di un giro – entro la fine della gara così abbiamo detto al pilota di restare in pista: non sarebbe servito a niente”.

A Sakhir c’è stata anche la possibilità di provare nuovamente i prototipi degli pneumatici Pirelli per il 2021 durante le prove libere di venerdì. Qual è la tua impressione?
“Tutte le squadre avevano due set a disposizione per ciascun pilota. I tempi sul giro sono risultati più lenti rispetto alle gomme di quest’anno ma era del tutto prevedibile in quanto si tratta di pneumatici progettati per avere una robustezza maggiore. Inoltre, piloti e ingegneri si sono trovati ad avere con i prototipi un bilanciamento molto diverso e non c’è stato tempo per affinare l’assetto, visto che bisognava lavorare anche in vista del fine settimana. Detto questo, si tratta di una nuova sfida per noi ingegneri e, come tale, è sempre la benvenuta!”.

condivisioni
commenti
Grosjean: "Nel rogo è come se fossi nato un'altra volta!"

Articolo precedente

Grosjean: "Nel rogo è come se fossi nato un'altra volta!"

Prossimo Articolo

Steiner difende Mazepin: "Anche Lauda era un pilota pagante"

Steiner difende Mazepin: "Anche Lauda era un pilota pagante"
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021