Formula 1
02 lug
-
05 lug
Prove Libere 3 in
15 Ore
:
47 Minuti
:
25 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
6 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
33 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
118 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
132 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
146 giorni

Ferrari più vicina, ma Mercedes resta favorita in qualifica. Per la gara c'è incertezza

condivisioni
commenti
Ferrari più vicina, ma Mercedes resta favorita in qualifica. Per la gara c'è incertezza
Di:
28 giu 2019, 17:49

Le uscite di pista di Verstappen, Bottas e Vettel hanno rimescolato un po' le carte nelle libere del GP d'Austria: il venerdì di Spielberg non ha dato molte risposte, per cui si va verso le qualifiche con molti nodi ancora da sciogliere.

Una Formula 1 2019 percorre i 4.318 metri del Red Bull Ring in poco più di un minuto (le previsioni stimano il tempo della pole in un minuto e due secondi) ma non è una breve passeggiata, soprattutto quando soffia anche un vento che non si può ignorare. Lo ha confermato la seconda sessione di prove libere di oggi, caratterizzata da una serie di errori la cui caratura è data dai nomi dei protagonisti: Verstappen, Bottas ed infine Vettel, finiti (con esiti molto diversi) nelle vie di fuga del circuito austriaco.

Il finlandese della Mercedes ha assaggiato le barriere all’esterno del tratto tra la curva 6 e la 7, con molti danni all’anteriore della sua monoposto, mentre Vettel e Verstappen sono usciti alla 10, con Seb che se l’è cavata solo con la distruzione di un set di gomme al contrario di Max che ha picchiato col retrotreno.

Questa la cronaca di una giornata in cui non sono mancati gli spunti, in parte legati agli imprevisti che hanno impattato non poco sui programmi di lavoro.

Il primo dato emerso è che i top-team non sono certi (come invece lo erano la scorsa settimana al Paul Ricard) che sarà una formalità passare la sessione Q2 di domani con le gomme medie, scelta che presenta dei rischi dovuti ai margini troppo ridotti (4 decimi secondo la Pirelli) tra i due compound più teneri.

La conferma è arrivata dalle scelte di Ferrari, Mercedes e Red Bull, che hanno completato il long-run con la gomma soft per simulare la prima parte di gara, e il compound ha fornito riscontri incoraggianti sia sulla performance sia sulla durata.

Le uscite di pista hanno costretto i tre team a modificare il programma di lavoro, con la Ferrari che ha dovuto spostare su Leclerc il long-run con le soft (danneggiate da Vettel nella sua uscita) a cui ha fatto seguito quello con le medie.

Seb è invece passato alla simulazione con le hard, avendo due set di gomme ‘bianche’. Red Bull ha completato solo un long-run (24 giri con soft) con Gasly, mentre Mercedes ha alternato sulla monoposto di Hamilton soft e hard.

I riscontri hanno dipinto un quadro interessante. Con la mescola dura Hamilton ha confermato un ritmo ottimo e molto costante, con 9 giri che lo hanno visto viaggiare ad una media di 1’09”003, un tempo inferiore di quasi un secondo rispetto a Vettel con la stessa mescola.

Con gomme soft Leclerc e Hamilton sono stati equivalenti: in un long-run di dieci giri il ferrarista ha girato alla media di 1’09”326, contro 1’09”361 di Lewis.

Poco indicative sono state invece le simulazioni della qualifica, a causa delle due bandiere rosse che hanno frammentato la sessione.

Il leader di giornata, Leclerc, ha ottenuto il miglior crono 1’05”086, ma il tempo migliore di Charles (realisticamente ben sotto il minuto e cinque secondi) è stato abortito all’ultima curva per le bandiere gialle esposte a causa dell’uscita di pista di Vettel.

Nella classifica dei tempi Bottas occupa la seconda posizione a 0”331 da Leclerc, ma il tempo di Valtteri è stato ottenuto con gomme medie (a differenza di Leclerc che ha utilizzato le soft), mentre i giri più veloci di Vettel e Hamilton sono stati completati con le hard. Tutto rimandato quindi a domani, un sabato che inizierà con molte meno certezze del solito.

L’analisi dei dati GPS dei giri veloci di Leclerc e Bottas ha confermato una notevole superiorità della SF90 del monegasco sui rettilinei, e la solita super-Mercedes nelle curve lente, ormai un leit motiv del Mondiale 2019. Ma va ricordato che il finlandese ha utilizzato gomme medie che pagano in trazione rispetto alle soft, e che la Mercedes il venerdì utilizza una modalità molto conservativa di power unit.

Difficile non puntare sulla Mercedes in vista delle qualifiche di domani, ma i margini restano molto ridotti, e alcune carte che il venerdì vengono scoperte nella giornata di oggi sono rimaste mascherate.

Ci sono altre due variabili che potranno impattare sul proseguimento del weekend austriaco, il gran caldo atteso per domenica (temperatura dell'aria prevista 34 gradi) e come ha confermato la giornata appena conclusa, la possibilità di commettere errori, che la combinazione tra le monoposto 2019 e la configurazione del Red Bull Ring ha amplificato di parecchio.

Scorrimento
Lista

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, al muretto box

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, al muretto box
1/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio della sospensione anteriore

Ferrari SF90, dettaglio della sospensione anteriore
3/20

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio del fondo

Ferrari SF90, dettaglio del fondo
5/20

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
6/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
7/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nella pit lane con Marc Gene

Charles Leclerc, Ferrari nella pit lane con Marc Gene
8/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
10/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, viene riportato nel garage

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, viene riportato nel garage
11/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Fan di Charles Leclerc, Ferrari nelle gradinate con una bandiera

Fan di Charles Leclerc, Ferrari nelle gradinate con una bandiera
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90, freno anteriore, GP d'Austria

Ferrari SF90, freno anteriore, GP d'Austria
13/20

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, ala anteriore

Ferrari SF90, ala anteriore
14/20

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, ala anteriore

Ferrari SF90, ala anteriore
15/20

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, barge board

Ferrari SF90, barge board
16/20

Foto di: Giorgio Piola

Laurent Mekies, Direttore sportivo, Ferrari, al muretto box

Laurent Mekies, Direttore sportivo, Ferrari, al muretto box
17/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
18/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Ala posteriore della Ferrari SF90

Ala posteriore della Ferrari SF90
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
20/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Vettel: "Provate un sacco di cose per cercare di avvicinare le Mercedes"

Articolo precedente

Vettel: "Provate un sacco di cose per cercare di avvicinare le Mercedes"

Prossimo Articolo

Leclerc: "Ferrari più vicina alle Mercedes. Domani proviamo a tenerle dietro"

Leclerc: "Ferrari più vicina alle Mercedes. Domani proviamo a tenerle dietro"
Carica commenti