Ferrari: perché più indietro non si può andare?

La squadra del Cavallino a Barcellona ha scoperto qual è il suo valore effettivo, al netto delle magie regalate da Leclerc. La SF1000 è la quinta forza nella griglia, rivelandosi peggiore di quanto avesse mostrato nei test invernali proprio al Montmelò. Mancano le prestazioni e manca l'affidabilità. A Maranello dovranno dare una sterzata già nel 2021 puntando sul nuovo motore e sull'aerodinamica da rivedere per i tagli regolamentari. Ma con quali uomini?

Ferrari: perché più indietro non si può andare?

La Ferrari è in un buco nero. I piloti sono nervosi perché dalla SF1000 non si cava niente di buono. La Scuderia è precipitata al quinto posto del mondiale Costruttori: del resto una sola Rossa è entrata in Q3 in qualifica e una sola Rossa ha visto il traguardo, per cui un Cavallino “azzoppato” non può difendere quel terzo posto fra i team che rappresenta l’obiettivo massimo di questa sciagurata stagione.

Il dato disarmante è che nell’inverno si parlava di un gap di mezzo secondo della Ferrari dalle Mercedes: questo era il divario valutato nei test invernali, quando la SF1000 aveva dato i primi segni di essere una monoposto “sbagliata”, mentre in occasione del GP di Spagna corso ad agosto, il divario è quasi triplicato: 1”4 in qualifica con Charles Leclerc, nono, e Sebastian Vettel, undicesimo.

In mezzo c’è stata la pandemia del COVIF-19 e il lungo lockdown che hanno cambiato il mondo e la F1, ma non la Ferrari che è rimasta uguale a se stessa. Negli uomini come nei mezzi. Certo la squadra di Maranello deve “purgare” gli eccessi di motore della stagione scorsa ed ora è l’unica casta e pura in un mondo di furbacchioni, perché le Direttive Tecniche sulle power unit si sono moltiplicate, ma non le interpretazioni nelle aree grigie del regolamento.

Passerà la nottata e l’anno prossimo, con il motore nuovo che nel Reparto Corse si sta confezionando, si monteranno anche particolari che non sono andati in macchina quest’anno per scontare la “pena”. Dunque, il propulsore che c’è adesso è il più “sgonfio” che c’è in circolazione, ma è anche quello che, purtroppo, ha più problemi.

Non ci sono le prestazioni e nemmeno l’affidabilità, per cui il bilancio non potrebbe essere peggiore. A Silverstone si è rotto il 6 cilindri di Vettel, mentre a Barcellona un problema elettronico ha ammutolito quello di Leclerc, mentre gli altri procedono come orologi svizzeri. Come mai?

È evidente che c’è qualcosa che non quadra e va messa mano al sistema: si dice che si stia cercando un capo progettista dopo che Andy Cowell, ex responsabile a Brixworth di Mercedes HPP, avrebbe declinato l’invito di ristrutturare il reparto power unit. Ma non c’è l’identikit dichi potrebbe ambire al ruolo di Wolf Zimmerman.

Ma, e lo andiamo dicendo da mesi, il male non sta solo nel motore: la SF1000 è deficitaria anche dal punto di vista del telaio e dell’aerodinamica. L’atteso cambio irrobustito, destinato a evitare certe torsioni del retrotreno non si è ancora visto e probabilmente non si vedrà presto, perché l’aggravio di peso pare non compensi l’incremento di prestazioni.

Così come il muso stretto è in gestazione da mesi, ma non debutta mai, perché i numeri che arrivano dalla galleria non sono affatto entusiasmanti. E allora si cerca una… ventata di aria fresca nel dipartimento aerodinamico curato da David Sanchez.

Cosa dobbiamo aspettarci dal Belgio dove l’anno scorso Leclerc conquistò la sua prima vittoria in F1?

Una macchina che indosserà un pacchetto aerodinamico da basso carico con nuove ali e un diverso fondo studiato apposta per i circuiti veloci (Spa e Monza) perché la SF1000 è sorda alle modifiche.

Sta di fatto che, a parità di motore, si stanno avvicinando alla Rossa anche le macchine clienti (Alfa Romeo e Haas) il che è tutto dire. Aspettiamoci degli innesti di tecnici che arrivano da fuori nel mese di settembre, per portare linfa e idee in un ambiente depresso che non sembra più capace di cavare un ragno dal buco.

Il presidente John Elkann ha dato appuntamento alla vittoria al 2022, dando continuità a un gruppo di lavoro guidato da Mattia Binotto che deve fare un salto di qualità. Ma prima di pensare alle monoposto a effetto suolo sarebbe meglio sfruttare le (poche) finestre regolamentari per cambiare la SF1000.

Se è vero che si può omologare un motore completamente nuovo per il 2021 e ci saranno riduzioni del carico aerodinamico che andranno ben oltre il taglio del fondo (con l’abolizione degli slot sul pavimento), visto che si parla di limitare le dimensioni dell’ala posteriore, allora ci sarebbe il tempo per partorire qualche concetto innovativo che possa riportare la Rossa a puntare a qualche isolata vittoria.

E se i cassetti sono vuoti, si abbia il coraggio di guardare lontano per mettere le basi tecniche concrete di una squadra che nel 2022 dovrà rispondere presente al proprio Presidente, non per ambire a quale sporadico successo, ma per sfidare la Mercedes (se ci sarà ancora) per il titolo mondiale. E il cammino sembra più impervio del previsto…

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un testacoda
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un testacoda
2/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
3/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
4/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 ai box
5/15

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 ai box
6/15

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
7/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35, lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lando Norris, McLaren MCL35, lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Le auto di Kevin Magnussen, Haas VF-20, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, al Parc Ferme
Le auto di Kevin Magnussen, Haas VF-20, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, al Parc Ferme
9/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
10/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box
14/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Report F1: Perché la crisi Ferrari non trova risposte?
Articolo precedente

Report F1: Perché la crisi Ferrari non trova risposte?

Prossimo Articolo

Gasly: casa svaligiata mentre era a correre a Barcellona

Gasly: casa svaligiata mentre era a correre a Barcellona
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021