F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: per la frizione c'è una leva, non un bilanciere

La Ferrari continua sviluppare il volante della SF16-H non solo spostando i manettini e i pulsanti da un Gp all'altro, ma evolvendo anche il sistema di partenza: ecco la leva della frizione che dovrebbe funzionare a scatti.

Il volante della Ferrari è in continua evoluzione: ad ogni Gran Premio vengono portate delle piccole modifiche non solo ai manettini, ma anche alle leve che si trovano dietro alla corona dello sterzo. C'è una grande curiosità da parte dei tecnici delle altre squadre a capire come funziona effettivamente la leva della frizione che si trova sotto ai paddle del cambio.

Sulla SF16-H, infatti, si può osservare che non c'è un vero e proprio bilanciere infulcrato al centro, per cui potrebbe essere utilizzato in maniera indifferente dalle due mani. I tecnici di Maranello, invece, hanno messo a punto una leva molto lunga che si infulcra sul lato sinistro e si gestisce solo con la mano destra.

Questa soluzione dovrebbe permettere una gestione della frizione graduata con diversi "scatti" di regolazione che variano il bite al via in funzione del grip sull'asfalto. Si dice che anche altre squadre stiano studiando un concetto molto simile, visto che la FIA ha vietato dall'inizio dell'anno l'uso delle due leve come è accaduto fino allo scorso anno.

La prima serviva a inserire la prima marcia del cambio e la seconda, invece, permetteva di trovare l'ideale punto di stacco della frizione al variare delle temperature e del grip sull'asfalto. La squadre del Cavallino avrebbe trovato un modo perfettamente legale per offrire al pilota una serie di opzioni a scatto per scegliere la migliore configurazione di partenza.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Russia
Sub-evento F.1 Analisi tecnica di Giorgio Piola
Circuito Sochi Autodrom
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola