F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: nel cestello dei freni anteriore c'è l'inserto in metallo

Nelle quattro staccate importanti che caratterizzano la pista di Montreal, la Ferrari cerca la massima efficienza dell'impianto frenante mostrando un cestello in carbonio che avrà degli inserti metallici in prossimità del disco.

La pista dell'Isola di Notre Dame a Montreal è molto selettiva per l'impianto frenante: alla ricerca della massima velocità possibile (la simulazione di Wintax evidenzia un limite di 345 km/h con il DRS aperto) le monoposto adottano dei pacchetti aerodinamici molto scarichi, per cui nelle quattro staccate più importanti del GP del Canada saranno dischi e pastiglie a dover assolvere al meglio il loro compito.

La Ferrari sulla SF16-H ha riproposto all'anteriore un cestello in carbonio con tre aperture a goccia che si sono viste a Montecarlo.

Nella parte superiore, che non è ancora completamente assemblata, si osserva l'apertura in metallo in prossimità del disco che è quello Brembo con cinque fori a V per un totale di 1200 micro-fori di raffraddamento. La parte metallica permette di irradiare al cerchio più calore dal disco contribuendo a mandare in temperatura le gomme.

Anche in basso si vede un elemento in metallo che serve a supporto della pinza in alluminio-litio che è quasi stesa.

La presa d'aria rimane qualla grande vista in Spagna e a Monaco anche se l'alta velocità media del circuito dedicato a Gilles Villeneuve permette un buon raffreddamento dei freni, mentre è da tenere d'occhio l'usura...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Canada
Circuito Circuit Gilles-Villeneuve
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola