Ferrari: modifiche aerodinamiche davanti alle pance

condivisioni
commenti
Ferrari: modifiche aerodinamiche davanti alle pance
Di:
31 lug 2019, 13:32

La squadra del Cavallino ha deliberato per l'Ungheria delle modifiche arodinamiche utili a incrementare il carico aerodinamico, dopo che le regolazioni alla sospensione anteriore in Germania hanno mostrato una competitività della Rossa inattesa...

Poche, ma buone. La Ferrari in Ungheria porta delle piccole novità aerodinamiche riprendendo a sfornare degli aggiornamenti che vanno sulla SF90, dopo che Sebastian Vettel e Charles Leclerc hanno corso in Germania con una monoposto che non aveva presentato modifiche importanti visibili.

Piuttosto che bocciare delle soluzioni non ancora “mature”, a Maranello hanno preferito rallentare il passo degli sviluppi, deliberando per la pista solo modifiche che daranno un vantaggio in termini prestazionali, lasciando da parte altri concetti che magari hanno bisogno di tempo per trovare la giusta messa a punto.

Chi ha pensato che la mancata evoluzione della Rossa a Hockenheim potesse significare che lo staff tecnico (David Sanchez, Enrico Cardile, Fabio Montecchi e Corrado Iotti) si è ormai dedicato alla monoposto 2020, si sta sbagliando di grosso. La ragione è semplice: il regolamento del prossimo anno non cambierà, per cui tutto quello che si trova per oggi sarà buono anche per il prossimo campionato, mantenendo un legame molto stretto fra i due progetti.

La Ferrari a Hockenheim ha dominato le prove libere dimostrando che qualcosa, comunque, era cambiato sulla Rossa. È stato modificato l’approccio al GP tedesco dai tecnici che si occupano di simulazione. E una volta tanto non c’era stata solo la spasmodica ricerca di carico aerodinamico ad animare gli ingegneri del Cavallino, ma una cura speciale è stata dedicata a “capire” come far funzionare le gomme anteriori, portandole, finalmente, nella giusta finestra di utilizzo.

Una piccola modifica al bracket che sposta il fulcro del puntone della sospensione anteriore, e permette di abbassare l’altezza anteriore (fino a 5 mm) quando la monoposto è con le ruote sterzate, trovando una maggiore impronta a terra del pneumatico e quel grip che è sempre mancato nelle curve lente.

E’ per questo che se su una pista ostica per la Ferrari, la SF90 dovesse rivelarsi competitiva, allora potremmo aspettarci una seconda parte di stagione nella quale anche la Rossa potrebbe diventare una protagonista del campionato insieme alla Red Bull che ha già battuto due colpi con Max Verstappen.

Matteo Binotto non si nasconde, crede in una Ferrari in crescita…
“Questa gara è un’importante tappa per avere ulteriore conferma che la nostra vettura sia migliorata su varie tipologie di tracciato. Potremo contare sugli elementi introdotti di recente ai quali si aggiungerà qualche modifica aerodinamica”. 

Gli aggiornamenti aerodinamici della Rossa si vedranno in particolare “…davanti alle pance” con soluzioni che sono state validate tanto al CFD che in galleria del vento.

A Maranello hanno anche analizzato l’affidabilità della power unit dopo i cedimenti in qualifica che hanno fermato sia Charles Leclerc (pompa della benzina) sia Sebastian Vettel (Intercooler aria/acqua).

Analisi Tecnica Mercedes F1 2019: ecco la W10 del disastro tedesco!

Articolo precedente

Analisi Tecnica Mercedes F1 2019: ecco la W10 del disastro tedesco!

Prossimo Articolo

Horner sereno sul futuro di Verstappen: "In Red Bull è felice"

Horner sereno sul futuro di Verstappen: "In Red Bull è felice"
Carica commenti