Ferrari: meno peggio del solito, ma ci saranno sorprese

Come va letta la prima giornata di libere della Ferrari al Mugello? La SF1000 vale la terza piazza di Leclerc nel primo turno o il decimo del secondo? La sensazione è che il valore della Rossa possa stare nel mezzo, anche perché i due piloti hanno effettuato un solo run da qualifica. I tifosi del Cavallino non dovrebbero rivedere i disastri di Spa e Monza e magari sperare in un weekend celebrativo da ricordare per qualcosa.

Ferrari: meno peggio del solito, ma ci saranno sorprese

Basta un segnale e l’entusiasmo del popolo ferrarista esonda. Non potrebbe essere altrimenti, visto che la Formula 1 non sta correndo in un circuito a caso, e non siano alla vigilia di uno dei tanti Gran Premi.

Trattasi del Mugello, e della gara numero 1000 della Scuderia, quindi un Charles Leclerc che ha aperto il weekend con il terzo tempo in FP1 è sembrato al popolo rosso (del quale una rappresentanza ha ripopolato una piccola parte delle tribune toscane) un lasciapassare per tornare a sognare in grande, dimenticando Monza.

Prendendo con le pinze i riscontri delle prime due sessioni completate su una pista che la Formula 1 in precedenza ha solo assaggiato in pochi test, emerge però un quadro diverso, nel quale la Ferrari sembra aver tutto per migliorare la sua posizione rispetto ad una settimana fa a Monza, ma senza ‘miracoli’ come potrebbe far pensare l’exploit di Leclerc in FP1.

Poche ore dopo il monegasco e Vettel hanno chiuso la seconda sessione di prove libere rispettivamente in decima e dodicesima posizione, innescando una retromarcia decisa, ovvero riecco la Ferrari di Monza.

Probabilmente il potenziale della SF1000 sulle 15 curve del Mugello è nel mezzo, tra i riscontri ottenuti nelle due sessioni, confermato anche dal cauto ottimismo di Mattia Binotto.

Nel turno FP2 sia Leclerc che Vettel hanno completato un solo giro lanciato, a causa della bandiera rossa che ha accorciato il tempo a disposizione.

Vettel ha abbassato il suo crono di sette decimi, Leclerc lo ha alzato di tre. Nelle due sessioni molte squadre hanno provato differenti soluzioni di setup, ed anche i carichi di benzina sono stati in molto casi diversi, quindi sono riscontri che non disegnano ancora con precisione il quadro dei valori in campo, soprattutto a metà classifica.

Leclerc ha confermato come “positivo” il suo venerdì, specificando anche che “dobbiamo capire il perché”.

Secondo il monegasco il filming-day fatto dalla Ferrari lo scorso mese di giugno ha contribuito a preparare il weekend di gara con informazioni molto preziose, ed in effetti il fine settimana è iniziato con altri riscontri rispetto a Monza e Spa.

Questo non deve far correre troppo in là il popolo ferrarista, ma è realistico sperare in una Ferrari che possa tornare a frequentare la Q3, traguardo che (dopo le ultime due tappe di campionato) se raggiunto sarebbe comunque un gradito ritorno ad una normalità, sempre lontana dai traguardi sperati, ma anche distante dalla disfatta monzese.

Il lavoro prosegue su due fronti: la performance in qualifica e la temuta tenuta degli pneumatici in gara. Il secondo grattacapo è comune a tutto il paddock, ed è rimasto un po' nascosto poiché l’interruzione della FP2 con bandiera rossa ha ridotto il tempo a disposizione per le simulazioni di gara.

Un problema, quello delle gomme, che potrebbe trasformarsi in una piccola chance per Leclerc e Vettel, ma solo se la SF1000 si confermerà meno aggressiva sulle tre mescole.

Sarà interessante domani valutare quali squadre potranno permettersi di puntare alla Q3 utilizzando gomme medie, un’opzione che oggi è sembrata alla portata della sola Mercedes e di Max Verstappen.

Se la Ferrari riuscirà a non partire con un handicap di mescola rispetto ai suoi avversari diretti, per Leclerc e Vettel sarà un’ottima notizia, viceversa la gara inizierà in salita anche per l’obiettivo zona-punti.

“Ho un po' di ottimismo”, ha sintetizzato Leclerc, rendendo perfettamente l’idea del feeling che si vive nel box ferrarista, ed è giusto pensare a qualcosa di positivo guardando quel rosso ‘borgogna’ che testimonia un viaggio unico attraverso 1000 Gran Premi.

Mentre passa Raikkonen, Leclerc va in testacoda al Correntaio
Mentre passa Raikkonen, Leclerc va in testacoda al Correntaio
1/19

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/19

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/19

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/19

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Meccanici Ferrari effettuano una prova pitstop
Meccanici Ferrari effettuano una prova pitstop
6/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Meccanici Ferrari effettuano una prova pitstop
Meccanici Ferrari effettuano una prova pitstop
7/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Meccanici Ferrari spingono la vettura di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Meccanici Ferrari spingono la vettura di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari in conferenza stampa
Sebastian Vettel, Ferrari in conferenza stampa
9/19

Foto di: FIA Pool

Sebastian Vettel, Ferrari, in una SF90 Stradale
Sebastian Vettel, Ferrari, in una SF90 Stradale
10/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, in una SF90 Stradale
Sebastian Vettel, Ferrari, in una SF90 Stradale
11/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, guida una SF90 Stradale
Sebastian Vettel, Ferrari, guida una SF90 Stradale
12/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
13/19

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/19

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/19

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Hospitality Ferrari
Hospitality Ferrari
16/19

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Membri del team Ferrari spingono la vettura di Sebastian Vettel Ferrari SF1000 in pit lane
Membri del team Ferrari spingono la vettura di Sebastian Vettel Ferrari SF1000 in pit lane
17/19

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Festeggiamenti per il compleanno della Ferrari
Festeggiamenti per il compleanno della Ferrari
18/19

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
19/19

Foto di: Callo Albanese

condivisioni
commenti
Vettel ci crede: "Possiamo fare molto meglio"
Articolo precedente

Vettel ci crede: "Possiamo fare molto meglio"

Prossimo Articolo

F1: una posizione di penalità per Perez al Mugello

F1: una posizione di penalità per Perez al Mugello
Carica commenti
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021