Ferrari: Marchionne si è disilluso e vuole cambiare?

Il presidente Ferrari ci ha creduto fino a Barcellona, poi dopo la delusione di Silverstone ha capito che serve un salto di qualità per battere le Mercedes. E con Arrivabene starebbe cercando dei rinforzi per puntellare le debolezze del team.

Silverstone ha sciolto un nodo: la Ferrari non può più sperare di puntare al titolo mondiale. Questo è ormai un dato di fatto. La squadra di Maranello può ancora ambire a qualche successo sulle piste più favorevoli, ma la SF16-H è una monoposto che non ha mantenuto le aspettative.

La Rossa è troppo scorbutica al variare delle condizioni meteo, tanto da mettere seriamente in difficoltà due campioni del mondo come Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, costretti a una sfilza di errori nel tentativo di trarre il meglio dalla SF16-H. E domenica sera il tedesco, solitamente buonista, avrebbe fatto sapere alla squadra tutto il suo malcontento. Seb si sente un po’ tradito dalla Rossa? In queste condizioni è impossibile pensare di mettere in crisi la Mercedes.

La Mercedes nuda nel box di Silverstone

A Brackley già lo sapevano: dopo la sosta estiva che farà seguito al GP di Germania a Hockenheim lo staff tecnico della Stella si dedicherà unicamente alla monoposto 2017, portando in pista nella seconda parte della stagione solo gli sviluppi programmati. Insomma quello che è già stato pensato basterà e, forse, avanzerà per tenere alle spalle tanto la rimontante Red Bull Racing che la Ferrari.

Chissà se il segnale è stato recepito anche a Maranello, dal momento che venerdì pomeriggio, quando la W07 Hybrid di Nico Rosberg è rimasta ferma nel box per una perdita d’acqua, gli uomini di Paddy Lowe hanno lasciato la freccia d’argento quasi interamente smontata allo sguardo di tutti gli occhi indiscreti.

Toto Wolff ha voluto mandare un messaggio subliminale? Guardate pure e se ne avete voglia copiate le nostre soluzioni, tanto la macchina 2017 sarà totalmente diversa! Un segno di superiorità un po’ sprezzante che però fotografa una verità sacrosanta. Al Reparto Corse non sono stati capaci di sviluppare la Rossa con la stessa intensità e rapidità che hanno avuto a Brackley.

Lo sviluppo della SF16-H senza idee

Basta guardare le novità portare a Silverstone dallo staff di Aldo Costa e compararle con le (piccole) modifiche deliberate dagli aerodinamici del Cavallino rampante. Se qualcuno fosse stato paracadutato da Marte potrebbe aver pensato che fossero le frecce d’argento all’inseguimento delle Rosse e non viceversa. Di solito è chi insegue che cerca di sfornare più soluzioni nuove nel tentativo di chiudere il gap dal capo classifica.

E, invece, alla Gestione Sportiva non sono stati capaci di reggere il confronto nello sviluppo della SF16-H. La Rossa è indiscutibilmente più veloce della SF15-T che l’anno scorso ha vinto tre GP, ma il salto prestazionale delle monoposto 2016 è stato così grande da sorprendere gli stessi progettisti, alimentando le voci di poter lottare per il titolo. Una gara dopo l’altra stanno crollando i record assoluti dei tracciati che per lo più risalgono all’era dei motori V10.

Marchionne ora si è disilluso

Il presidente Sergio Marchionne alla favola Rossa ci ha creduto fino al GP di Spagna, poi dopo la grande occasione persa a Barcellona (ha vinto Max Verstappen al debutto sulla Red Bull RB12 dopo l’autoeliminazione delle Mercedes) si è disilluso. E si dice che insieme al team principal Maurizio Arrivabene stia cercando i rinforzi di una squadra che non va rivoluzionata, ma puntellata nei molti punti deboli.

Che si stia pensando ad un ruolo alla Paddy Lowe che stia a metà strada fra i tecnici e la dirigenza del team, in modo da creare una cerniera con un tecnico che non sia coinvolto nella gestione della macchina, ma posso vedere quanto accade in modo più freddo di chi, invece, lavora giorno per giorno sulla monoposto?

Provocatoriamente Flavio Briatore aveva detto che la Ferrari, per tornare a vincere, avrebbe bisogno di crearsi un’antenna tecnologica in Gran Bretagna, perché i migliori tecnici inglesi non vogliono andare a Maranello. Questo è un ritornello che si sente ripetere puntualmente a distanza di qualche anno. Basterebbe chiedere a Piero Ferrari, vice presidente molto ascoltato dal Presidente, che ha vissuto le due esperienze di John Barnard prima a Guidford e poi a Shalford a cavallo degli anni ’90, se sarebbe giusto rimettere piede in GB, specie dopo la Brexit. La forza della Ferrari, in verità, è sempre stata la capacità unica nel Circus di produrre telaio e motore nella stessa factory (la Mercedes ha il team a Brackley e i motoristi a Brixworth).

Allison e la “colonia” Lotus a Maranello

E non è vero che gli inglesi non amano Maranello: l’attuale direttore tecnico, James Allison, è tornato in Emilia facendo il “pifferaio magico” che si è fatto seguire da una ventina di tecnici ex Lotus. Una colonia britannica si è trasferita in Italia seguendo quello che era il loro capo. Proprio come aveva fatto a suo tempo Ross Brawn, chiamato da Luca di Montezemolo e Jean Todt, a mettere le basi all’Era Schumacher, pescando a piene mani nella Benetton di Flavio Briatore.

Evidentemente l’infornata di tecnici della prima generazione è stata più prolifica dell’ultima, tanto più che ora tocca ai vituperati ingegneri italiani cercare di mettere delle toppe alle carenze della macchina che ormai sono sotto gli occhi di tutti.

Offerte a James per tornare in GB

La tragedia che ha colpito James Allison dopo il GP d’Australia ha complicato le cose: l’ingegnere britannico torna a casa ogni venerdì sera per riaffacciarsi al Reparto Corse il lunedì. La gestione famigliare ha avuto la priorità e la Ferrari ha rispettato questa scelta umana. Più di una squadra britannica si sarebbe fatta avanti con James (Renault, ma si dice anche McLaren) per un rientro sull’isola che gli permetta di conciliare lavoro e famiglia.

James ha un contratto triennale ed è molto coinvolto nel progetto della macchina 2017. Prepariamoci, però, a una Ferrari che potrebbe cambiare pelle nel corso dell’estate perché Sergio Marchionne si starebbe muovendo in piena autonomia e in pochi sanno in che direzione vuole andare. Quando Maurizio Arrivabene ha detto a Silverstone che dall’Ungheria non si scherzerà più non stava affatto bluffando…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Commento