Ferrari: i punti deboli restano, ma Leclerc li nasconde

Il monegasco e la Ferrari sono uscite con un podio (anche fortunato) da una pista che consideravano un ostacolo insormontabile, lavorando al meglio per nascondere i difetti della SF1000.

Ferrari: i punti deboli restano, ma Leclerc li nasconde

Il terzo posto conquistato da Charles Leclerc a Silverstone parte da lontano. Le basi sono state poste in qualifica, e non c’è nulla che possa essere considerato casuale o frutto dell’improvvisazione.

Ventiquattr’ore prima nel box del Cavallino è stato deciso di provare a piazzare le monoposto il più avanti possibile sulla griglia di partenza (e fin qui siamo all’ovvio), ma anche a dispetto di quelle che sono le valutazioni che vengono fatte in ottica della gara, visto che le monoposto entrano in regime di parco chiuso.

Assetto scarico, quindi, contando sulle gomme nuove per compensare (per un giro) la mancanza di carico aerodinamico. “Ma in gara sarà dura”, aveva commentato Leclerc dopo il quarto posto di sabato, preannunciando una corsa tutta in salita all’insegna della sofferenza.

Dopo lo spegnimento del semaforo di Silverstone ecco che giro dopo giro ha preso corpo la sorpresa: dopo essere partito bene Leclerc, e difeso la posizione dall’attacco di Sainz (partito con le soft), giro dopo giro Charles ha fatto capire di poter tenere botta.

Leggi anche:

Quelli che alla vigilia del weekend sembravano avversari temibili (Racing Point, Renault e McLaren) nelle prime fasi di gara si sono avvicinati alla Ferrari numero 16, ma senza mai impensierire Leclerc. Partire davanti (con una buona velocità di punta) si è dimostrata una combinazione ottima, che ha permesso a Charles di mantenere senza apparenti problemi la sua posizione.

Ma è curioso notare che nella classifica dei giri più veloci in gara Leclerc è stato preceduto non solo dalle due Mercedes e dalle due Red Bull, ma anche da Ocon, Ricciardo e Gasly, a conferma che la SF1000 non è resuscitata. Ma a Silverstone andare più forte di qualche decimo non è una garanzia di poter sorpassare, ed è l’aspetto che hanno colto i tecnici del Cavallino sin dalla vigilia del weekend.

Poi ci ha messo molto del suo Leclerc, davvero abile nel mantenere il ritmo di gara pianificato. Dal giro 21 al giro 36 il monegasco ha girato sempre in 1’31”, poi con il calo di carburante nei 13 giri successivi è passato a 1’30”, con due tornate in 1’29”. Una gestione perfetta che ha permesso di non ‘uccidere’ le gomme arrivando a completare i temutissimi 52 giri in programma nonostante il pit-stop anticipato di dieci tornate (a causa dell’incidente di Kvyat) rispetto alla strategia elaborate prima della corsa.

In questo momento, considerando i limiti del progetto SF1000, la squadra corse è chiamata a ‘fabbricare’ piccoli miracoli tecnici e strategici, e a Silverstone il lavoro è stato perfetto. Al netto del potenziale che oggi può garantire la vettura 2020, il lavoro svolto dalla Ferrari a Silverstone è stato eccellente. Poi, se si parla in termini assoluti, è tutt’altra storia che tra l’altro è già nota dalla prima tappa stagionale.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
1/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme
2/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Lando Norris, McLaren MCL35

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Lando Norris, McLaren MCL35
3/21

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 Max Verstappen, Red Bull Racing RB16 e Charles Leclerc, Ferrari SF1000 alla partenza della gara

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 Max Verstappen, Red Bull Racing RB16 e Charles Leclerc, Ferrari SF1000 alla partenza della gara
4/21

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
5/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
6/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne

Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne
7/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
16/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
18/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, nel Parc Ferme dopo la qualifica

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, nel Parc Ferme dopo la qualifica
19/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
20/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
21/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: il clamoroso GP di Gran Bretagna

Articolo precedente

Fotogallery F1: il clamoroso GP di Gran Bretagna

Prossimo Articolo

Sainz: "Foratura improvvisa, altri 12 punti persi..."

Sainz: "Foratura improvvisa, altri 12 punti persi..."
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021