Ferrari: Leclerc ha disobbedito alla squadra, ma nessuno ha avuto da recriminare

Quando Leclerc ha infilato Vettel nel GP del Bahrain per prendere la testa della corsa, non ha rispettato un ordine di squadra, ma è vero che Sebastian aveva commesso un errore che aveva fatto avvicinare Charles più del previsto. A Maranello sta cambiando qualcosa?

Ferrari: Leclerc ha disobbedito alla squadra, ma nessuno ha avuto da recriminare

Ha destato curiosità ed interesse un video on-board di Charles Leclerc durante il Gran Premio del Bahrain.

Nel corso del quinto giro il monegasco ha chiamato il suo ingegnere Xavier Marcos: “Ragazzi, sono più veloce”, riferendosi a Vettel, in quel momento leader della corsa.

Dopo qualche secondo è arrivata la risposta del muretto box: “Resta li per due giri”. Alla fine della quinta tornata Leclerc ha però affiancato Vettel sul rettilineo principale, superandolo senza problemi prima della staccata della curva 1.

 

Osservando il video sembra chiaramente che Leclerc abbia disobbedito alle indicazioni arrivate del suo muretto box, ma non ci sono però state code polemiche dopo la corsa, e questo ha smorzato un po' l’episodio, ma non del tutto la curiosità.

Quello che è certo è in quel frangente della corsa Leclerc aveva un passo decisamente più veloce di Vettel, e Seb alla fine del quinto giro ha commesso un piccolo errore all’uscita dell’ultima curva andando a compromettere un po' la sua velocità sul dritto.

Grazie anche al vantaggio di poter utilizzare il DRS, Leclerc ha sfilato il compagno di squadra senza problemi, prendendo il comando della corsa, e ha subito allungato su Vettel, evidenziando di aver preso la decisione giusta.

Ma il monegasco ha disubbidito alla squadra? Di fatto sì, anche se poi la corsa ha detto che la sua ‘trasgressione’ è stata azzeccatissima come strategia. Se fosse rimasto alle spalle di Seebastian, Charles si sarebbe ritrovato alle prese con la Mercedes di Hamilton dopo il primo pit-stop, complicando parecchio la sua gara.

Le vicende successive, con Vettel che ha vanificato la possibilità di lottare per il podio con il testacoda al giro 38, hanno fatto perdere importanza all’episodio, ma sarà interessante verificare cosa accadrà nelle prossime gare se si presenterà una situazione simile.

Leclerc aveva masticato amaro a Melbourne, rispettando gli ordini del muretto-box ed accodandosi al compagno di squadra fino alla bandiera a scacchi, ma dopo la corsa (seppur in modo molto composto) la sua delusione era tangibile.

Charles Leclerc, Ferrari SF90, lotta con Sebastian Vettel, Ferrari SF90, per la testa della gara
Charles Leclerc, Ferrari SF90, lotta con Sebastian Vettel, Ferrari SF90, per la testa della gara
1/9

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, lotta con Sebastian Vettel, Ferrari SF90, per la testa della gara
Charles Leclerc, Ferrari SF90, lotta con Sebastian Vettel, Ferrari SF90, per la testa della gara
2/9

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/9

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
4/9

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
8/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con il suo compagno di squadra Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, dopo la gara
Sebastian Vettel, Ferrari, parla con il suo compagno di squadra Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, dopo la gara
9/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Mattia Binotto ha sottolineato più volte nei giorni precedenti il Gran Premio del Bahrain che i piloti sarebbero stati liberi di correre, a patto di non compromettere il bottino di squadra, e non è passata inosservata la differenza del messaggio rispetto al ‘priorità Vettel’ sentito durante i test di Barcellona.

Seb non è forse al massimo della sua forma mentale e può aver bisogno di tempo per ritrovare la sua tranquillità, ma è un tempo che la Ferrari non può permettersi, soprattutto avendo in casa c'è un cavallino scalpitante come Leclerc.

condivisioni
commenti
Red Bull: Verstappen ha lavorato sulle variazioni di altezza della RB15

Articolo precedente

Red Bull: Verstappen ha lavorato sulle variazioni di altezza della RB15

Prossimo Articolo

Test Bahrain, Giorno 2: Mick Schumacher porta l'Alfa Romeo in terza posizione

Test Bahrain, Giorno 2: Mick Schumacher porta l'Alfa Romeo in terza posizione
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021