Ferrari: Leclerc apre un ciclo con un capolavoro?

Il primo successo del monegasco indica che la Ferrari ci ha visto giusto nel puntare su un giovane, ma la vittoria nel GP del Belgio evidenzia anche la solidità della squadra di Maranello che ha potuto contare su Vettel nel ruolo di gregario dopo che è andato in crisi con le gomme.

Ferrari: Leclerc apre un ciclo con un capolavoro?

Era solo questione di tempo ed il giorno alla fine è arrivato. Charles Leclerc è entrato nell’albo d’oro dei vincitori di un Gran Premio di Formula 1, diventando il più giovane di sempre ad aver trionfato al volante di una Ferrari (a 21 anni, 10 mesi e 16 giorni) ed anche il più giovane ad aver vinto sul circuito di Spa, primato tolto a Michael Schumacher.

Era questione di tempo e, dopo aver mancato due volte un successo che sembrava già in tasca (Bahrain e Spielberg), Leclerc a Spa ha messo le cose a posto. È stata una vittoria sofferta, fino agli ultimi metri, perché come previsto la superiorità con cui la Ferrari ha dominato le qualifiche non è stata la stessa vista nei 44 giri di gara.

Per arrivare al successo è servito un pacchetto completo: qualifica da manuale, un pilota che ha completato 44 giri impeccabili (anche nella gestione del lungo a Les Combes), una strategia perfetta ed anche il contributo di Sebastian Vettel, nell’inedito ruolo di scudiero.

Nelle prove di venerdì la Ferrari aveva confermato nei long-run di soffrire parecchio le gomme soft, ma il lavoro svolto nel proseguimento del weekend e l’atteso calo delle temperature è andato incontro alle due SF90. Il primo stint di gara ha confermato una SF90 in grado di tenere testa alle Mercedes, ed anche dopo una partenza poco felice (in cui ha perso una posizione) Vettel è stato in grado di riprendersi la seconda piazza passando Hamilton di slancio.

Le due rosse hanno completato in prima e seconda posizione i primi 14 giri di gara, ma Vettel ha iniziato a perdere progressivamente terreno nei confronti di Hamilton, che si è portato molto vicino alla zona DRS.

 

Il tedesco ha accusato un degrado di gomma più accentuato del compagno di squadra, e il muretto del Cavallino lo ha richiamato ai box al giro 15, scelta utile anche per coprire un possibile undercut di una delle due Mercedes. Il passaggio alla mescola media è stato un salto nel buio (nel long-run di venerdì la mescola è stata provata per pochi giri) e, dopo un attacco molto veloce, Vettel ha evidenziato un calo preoccupante.

Quando Leclerc ha completato il suo pit-stop (al giro 21) ha recuperato velocemente il gap di cinque secondi dal compagno di squadra, ed al quel punto è arrivato l’ordine di squadra: “Dai strada in questo giro”.

L’obiettivo non era quello di far retrocedere Vettel (Leclerc lo avrebbe passato senza alcun dubbio) quanto di non perdere tempo in uno scontro fratricida. Seb si è fatto da parte, e si è messo al servizio della squadra, cercando il più possibile di contenere la rincorsa di Hamilton. Un lavoro svolto in modo perfetto, come sottolineato dalla stessa Mercedes che ha valutato in cinque secondo il tempo perso da Lewis per passare la Ferrari numero 5.

Anche con le medie il degrado di Vettel si è confermato molto superiore a quello di Leclerc, una differenza che ha sorpreso anche la stessa Ferrari. Mattia Binotto ha confermato che sarà oggetto di indagini al ritorno a Maranello, ma non è da escludere che i differenti stili di guida dei piloti (che comportano anche scelte di setup non sempre identiche) abbiano influito. Quando Vettel al giro 33 è entrato in pit-lane per il secondo pit-stop, di fatto Seb ha salutato il podio.

Leggi anche:

Per superare in pista le Ferrari la Mercedes aveva una sola carta da giocare: avere una grande gap di efficienza di pneumatici. Per questo il muretto box della Mercedes ha ritardato al massimo in pit-stop (l’obiettivo era superare Vettel), come poi confermato al giro 32 quando la differenza di resa delle gomme ha permesso a Hamilton di superare Seb.

In Mercedes hanno sperato che anche Leclerc andasse in crisi con le soft, anticipando la sua sosta, ma il monegasco ha tenuto duro fino al giro 21. Un momento chiave, perché come ha poi dimostrato l’andamento della gara, con un giro in meno probabilmente Leclerc avrebbe vissuto un finale decisamente più difficile.

In casa Mercedes hanno avuto da recriminare a posteriori su alcune scelte fatte. Dopo il pit-stop di Leclerc il muretto box ha deciso di tenere in pista Hamilton ancora un giro (Bottas due) e non a caso Lewis, vista l’immediato benefit di performance che la Mercedes ha confermato con le medie, ha subito chiesto spiegazioni via-radio ai suoi ingegneri “perché non mi avete fermato lo stesso giro di Charles?”.

Col senno di poi è tutto più chiaro, ma ci sta che in un Gran Premio terminato con un margine di 0”981 tra i primi due classificati sia dia spazio alla caccia di tante variabili che avrebbero potuto influire sul risultato finale.

Leggi anche:

Era la giornata di Leclerc, doveva esserla, e alla fine Charles ha potuto lasciare Spa al tramonto con il pensiero all’amico Hubert e la soddisfazione di aver raggiunto un traguardo meritatissimo.

L’impressione, chiara, è che oggi si sia assistito al primo di una lunga serie di successi. Il numero dipenderà dalla competitività che il monegasco guiderà in futuro, perché ci sono pochi dubbi sulle potenzialità di un talento naturale destinato a lasciare un segno.

Per la Ferrari c’è la soddisfazione di aver ritrovato la gioia del successo, ed anche quella di essere arrivata alla vittoria con un giovane cresciuto nel proprio vivaio. Dodici mesi, quando a Maranello decisero di promuovere Leclerc al fianco di Vettel, c’era chi nutriva dei dubbi sulla scelta di mettere un ventunenne al volante di una Ferrari: troppo giovane, poca esperienza, tanta pressione, rischio di bruciarsi etc. etc. Oggi Leclerc ha messo tutti a tacere.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme con Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme con Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
2/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme
3/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
4/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il vincitore Charles Leclerc, Ferrari, riceve le congratulazioni dal suo team
Il vincitore Charles Leclerc, Ferrari, riceve le congratulazioni dal suo team
5/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10. Dietro, Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 fa un contatto con Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10. Dietro, Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 fa un contatto con Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/15

Foto di: Erik Junius

Il poleman Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato Sebastian Vettel, Ferrari, terzo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Il poleman Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato Sebastian Vettel, Ferrari, terzo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
9/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
10/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
11/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90
12/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
13/15

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, e il vincitore della pole Charles Leclerc, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari, e il vincitore della pole Charles Leclerc, Ferrari
14/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, in piedi sulla griglia in memoria di Anthoine Hubert
Sebastian Vettel, Ferrari, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, in piedi sulla griglia in memoria di Anthoine Hubert
15/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ricciardo: "Ho pensato di non correre il GP del Belgio"
Articolo precedente

Ricciardo: "Ho pensato di non correre il GP del Belgio"

Prossimo Articolo

F1 2019: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Italia

F1 2019: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Italia
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021