F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: le modifiche agli specchetti mostrano l'attenzione ai dettagli

I team di Formula 1 sanno che creare una monoposto di successo può costare un prezzo alto, con i rivali che spesso affermano che la monoposto sia veloce grazie a soluzioni illegali.

Ferrari: le modifiche agli specchetti mostrano l'attenzione ai dettagli

La Ferrari non è stata un'eccezione. Nel corso delle ultime settimane si è parlato di olio bruciato, di serbatoi di benzina secondari, soffiaggi degli scarichi nonostante la FIA non abbia mai riscontrato qualcosa di illegale sulla SF71H.

Tutto ciò non ha però fermato i rivali, che hanno continuato a esaminare il design della Ferrari. Specialmente una modifica fatta ai già innovativi specchietti retrovisori al Gran Premio dell'Azerbaijan a Baku. Questo dimostra quanto sia alto il livello d'attenzione nei confronti del lavoro che viene svolto a Maranello.

Ferrari SF71H side pods, Australian GP

Ferrari SF71H side pods, Australian GP

Photo by: Giorgio Piola

Gli specchi della SF71H sono già stati oggetto di discussione nel corso di queste prime gare della stagione per il loro design che consente di indirizzare nella zona delle pance i flussi d'aria che vi passano attraverso.

Tuttavia a Baku il team di Maranello ha apportato alcune piccole modifiche alla copertura degli specchietti per conformarsi pienamente al regolamento dopo alcune richieste di chiarimento fatte da altri team riguardo il rispetto rigoroso del regolamento tecnico da parte dei progettisti di Maranello.

FIA diaram
FIA diaram

Photo by: FIA

Una direttiva contenuta nell'articolo 3.5.5 del regolamento sporivo dice che analizzando una monoposto dall'alto non si deve scorgere l'asfalto nella zona antistante le pance, ossia tra l'inizio del fondo e gli specchietti retrovisori.

I team hanno spesso aggirato questa regola usando un cavillo da un'altra regola (articolo 3.5.2 a) che permette ai team di utilizzare parte della carrozzeria per "nascondere" alcuni elementi della monoposto.

Ferrari SF71H mirror
Ferrari SF71H mirror

Photo by: Giorgio Piola

Alcuni hanno giudicato gli specchietti della Ferrari al di là di quanto consentito dall'articolo 3.5.5, perché, sempre guardando la sezione della vettura dall'alto, questi dovrebbero avere una proiezione sul fondo per impedire la visuale dell'asfalto.

Mercedes e Red Bull hanno una soluzione simile ma grazie all'alloggiamento degli specchietti e del fondo garantiscono la non visibilità dell'asfalto.

Per coprire la parte d'asfalto visibile, per la Ferrari poteva essere un'opzione spostare indietro gli specchietti, ovvero verso la testa del pilota, ma questo avrebbe danneggiato i flussi aerodinamici ricercati dai progettisti di Maranello e anche la visuale del pilota.

Ferraro SF71H mirrors
Ferraro SF71H mirrors

Photo by: Giorgio Piola

Dopo le varie richieste dei team rivali, la Ferrari ha iniziato la stagione con gli specchi utilizzati sino a Shanghai, ma a Baku ha fatto esordire una nuova soluzione per garantire di avere una monoposto senza dubbio entro i limiti del regolamento.

Sono state aggiunti tre dentini alla superficie superiore e nell'angolo esterno degli specchi per schermare l'asfalto qualora la vettura dovesse essere controllata dall'alto.

Ferrari SF71H front wing end plate
Ferrari SF71H front wing end plate

Photo by: Giorgio Piola

Le modifiche alle ali

I cambiamenti agli specchi delle SF71H hanno catturato l'attenzione, ma quasi certamente questa soluzione non ha avuto alcun impatto sulle performance delle monoposto. Ci sono stati invece altri cambiamenti introdotti a Baki che hanno portato un guadagno di velocità alle Rosse.

Dopo aver utilizzato un'ala anteriore dal design nuovo nelle prime gare del 2018, il team ha modificato il profilo posteriore principale, che ora ha un elemento in più rispetto alla versione precedente.

Il primo profilo già presente[1] è attaccato alla paratia verticale ma è più alto e si interseca con il nuovo profilo aggiunto [2], questo è arcuato e modellato per migliorare il passaggio dei flussi verso la parte esterna delle ruote anteriori. Il terzo profilo [3] rimane pressoché nella medesima posizione di prima, ma ha una forma leggermente più scavata e non è più ancorato al profilo verticale, bensì all'ultimo flap orizzontale dell'ala anteriore.

Questi cambiamenti sono stati apportati tutti assieme per fare in modo di migliorare i flussi, indirizzandoli all'esterno delle ruote anteriori.

Nel caso del flap superiore dell'ala anteriore, il suo movimento è governato dal carico aerodinamico che fa ruotare le alette in modo da migliorare la deportanza, ridurre il drag che dipende dalla velocità della monoposto cambiando inoltre l'interazione con la scia delle ruote anteriori.

condivisioni
commenti
Williams fa ricorso sulla penalità ricevuta da Sirotkin in Azerbaijan

Articolo precedente

Williams fa ricorso sulla penalità ricevuta da Sirotkin in Azerbaijan

Prossimo Articolo

Williams: la FIA respinge la richiesta di revisione dei contatti di Baku

Williams: la FIA respinge la richiesta di revisione dei contatti di Baku
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021