Ferrari: la verità di Vettel e il silenzio di Maranello

Dopo un lungo silenzio durato mesi Sebastian torna a parlare e racconta come ha vissuto lo strappo da Maranello: il tedesco spiega di essere stato messo fuori dalla squadra da una telefonata di Binotto. La Scuderia preferisce tacere.

Ferrari: la verità di Vettel e il silenzio di Maranello

Lo scorso 12 maggio la Ferrari aveva comunicato ufficialmente la conclusione (al termine della stagione 2020) del rapporto di collaborazione con Sebastian Vettel. “Abbiamo preso questa decisione insieme a Sebastian – aveva commentato Mattia Binotto - riteniamo che sia la miglior soluzione per entrambe le parti. Non è stato un passo facile da compiere, considerato il valore di Sebastian, come pilota e come persona. Non c’è stato un motivo specifico che ha determinato questa decisione bensì la comune e amichevole constatazione che è arrivato il momento di proseguire il nostro cammino su strade diverse per inseguire i nostri rispettivi obiettivi”.

Divorzio consensuale, come tanti altri nella storia della Formula 1. Vettel non ha più parlato dal 12 maggio scorso, e la prima occasione per commentare l’addio al Cavallino è arrivata oggi sul Red Bull Ring, nella tradizionale conferenza stampa del giovedì.

A sorpresa Seb ha raccontato una versione differente, dipingendo il quadro di una separazione voluta da una delle due parti, una situazione in cui è stato colto di sorpresa da una telefonata.

“Non c’è stato un punto critico – ha spiegato Vettel - non siamo mai entrati in discussioni. Ed è stata ovviamente una sorpresa per me ricevere una telefonata da Mattia nella quale mi ha comunicato che la squadra non aveva intenzione di continuare. Non essendoci mai stata un’offerta sul tavolo, non c’è stato alcun punto critico”.

Questa la versione di Seb, che descrive un divorzio più giudiziale che congiunto. Quale sarà la verità? È difficile immaginare che Vettel e Binotto non abbiano affrontato gli argomenti più piccanti sul fronte rinnovo (durata e ingaggio), più credibile che la Ferrari abbia preso una decisione prima di proporre una bozza di contratto.

Nel weekend del Gran Premio mancato di Melbourne, Vettel era sembrato molto sicuro in merito al suo futuro, parlando in un’intervista con motorsport.com:
“Il mio obiettivo è sempre il medesimo, perché non lo abbiamo ancora raggiunto. Mercedes ci ha battuto negli ultimi anni, dunque la missione rimane sempre la stessa. Abbiamo disputato tante gare, credo che ci siano stati grandi momenti così come delle giornate meno buone, ma come ho detto l'obiettivo resta lo stesso, è ancora lì, il mio obiettivo è vincere con la Ferrari”.

Tutto sembrava indicare la via del rinnovo, poi qualcosa si è inceppato. Nel paddock le ipotesi sono tante, dalla risposta negativa del tedesco alla proposta del rinnovo annuale, a quella (altrettanto negativa) di rinunciare ad una parte dell’ingaggio concordato per il 2020, una posizione sposata da molti piloti tra cui Leclerc.

L’unico aspetto certo, e la certezza è stata confermata oggi a Spielberg, è che Seb non lascerà Maranello con il sorriso, e probabilmente il Mondiale 2020 non sarà vissuto nel box della Ferrari con un’atmosfera proprio distesa, anche se le parole di Vettel (in merito al suo rapporto con Leclerc) non sono state molto diverse da quelle di dodici mesi fa:
“Non sappiamo quanto saremo competitivi, ma di sicuro se la situazione si dovesse presentare e se dovesse essere sensato ci si aspetta che entrambi i piloti si aiutino a vicenda. Questo non ha nulla a che vedere con il fatto che il mio contratto è in scadenza e che lascerò il team".

"Ma allo stesso tempo si corre per sé stessi e quindi non cercherò di rendere la vita semplice a Charles. Non lo lascerò passare in pista in maniera semplice. Abbiamo lottato in pista in passato e continueremo a farlo anche quest'anno”.

Questione di orgoglio, anche perché nell’arco della sua carriera Vettel non ha mai subito una scelta, decidendo il suo futuro in prima persona. Questione anche di amore, quello per la Ferrari, di un sogno raggiunto che si è poi dimostrato meno idilliaco rispetto alla fantasia.

Il Seb che ha parlato a Spielberg ha trasmesso in poche parole un po' tutto, e da amante tradito potrebbe anche aver raccontato la sua visione delle cose che non necessariamente è una fotografia impeccabile della realtà.

Oggi sarà Mattia Binotto ad avere l’occasione di replicare nella conferenza stampa che terranno a Spielberg i team principal, ma non è detto che il team principal del Cavallino deciderà di replicare alle dichiarazioni di Seb.

In ogni caso anche se siamo davanti ad una storia finita, si continuerà a parlarne, fino ad Abu Dhabi e forse oltre. Insieme alle vicende della pista e ai tormentoni di mercato la separazione Vettel-Ferrari continuerà a tenere banco, con lo stesso clamore e sotto gli stessi riflettori che avevano caratterizzato sei anni fa l’inizio di una storia che entrambe le parti avevano immaginato diversa, sia nel suo percorso che nel suo epilogo.

Meccanici con la macchina di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Meccanici con la macchina di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari durante la conferenza stampa
Sebastian Vettel, Ferrari durante la conferenza stampa
2/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari durante la conferenza stampa
Sebastian Vettel, Ferrari durante la conferenza stampa
3/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
4/13

Foto di: Ferrari

Seabstian Vettel, Ferrari
Seabstian Vettel, Ferrari
5/13

Foto di: Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
6/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
7/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
Sebastian Vettel, Ferrari cammina lungo il tracciato
8/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
9/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
10/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Roberto Chinchero, Motorsport.com ITA con Sebastian Vettel, Ferrari
Roberto Chinchero, Motorsport.com ITA con Sebastian Vettel, Ferrari
11/13

Foto di: Ferrari

Lo scarico Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Lo scarico Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli del brake duct di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Dettagli del brake duct di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen: "Meno GP? L'approccio sarà sempre fare il massimo"
Articolo precedente

Verstappen: "Meno GP? L'approccio sarà sempre fare il massimo"

Prossimo Articolo

F1: Lewis Hamilton col nero anche sul nuovo casco

F1: Lewis Hamilton col nero anche sul nuovo casco
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021