Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
105 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
148 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
162 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
176 giorni

Ferrari: la simulazione di gara in Supersoft con molta benzina

condivisioni
commenti
Ferrari: la simulazione di gara in Supersoft con molta benzina
Di:
24 mar 2017, 10:47

Il mezzo secondo che la SF70H di Vettel ha rimediato nelle libere australiane evidenzia che la Mercedes resta davanti, ma a Maranello sono convinti di ridurre il gap domani, perché la Rossa aveva il setup sbagliato. E nel long run...

Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari with Stefania Bocchi, Ferrari Press Officer
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H

Non è stato il venerdì ideale quello vissuto nel box Ferrari, ma l’impressione è che non ci siano cali di fiducia. Due gli inconvenienti accaduti a Sebastian Vettel (un problema al DRS e un problema elettrico alla MGU-K, entrambi nella FP1), ma a complicare la vita agli ingegneri della Rossa è stato soprattutto un assetto che non si è sposato bene con la configurazione e le condizioni del tracciato di Albert Park.

Sul setup ci sono stati dei passi avanti nella sessione FP2, ma resta ancora del lavoro da fare in vista di domani. Il mezzo secondo di distacco che Vettel ha rimediato da Hamilton è un divario importante, ma dagli uomini di Maranello trapela la possibilità di recuperare almeno una parte del gap.

Il lavoro svolto nel pomeriggio da Sebastian Vettel non è di facile interpretazione. Il tedesco è sceso in pista per la simulazione di gara con gomme SuperSoft, ma dando l’impressione di avere imbarcato una notevole quantità di carburante.

I riscontri cronometrici (rispetto a Mercedes a parità di mescola) non sono stati eccezionali, ma sorge il dubbio che sia stata simulata la possibilità di provare a superare la qualifica Q2 con la supersoft, o che in alternativa possa essere stata ipotizzata una strategia a due soste, con un primo pit-stop molto anticipato. Da qui la necessità di valutare il comportamento della vettura con molto carburante e gomma “rossa”.

Prossimo Articolo
Isola: "Migliorati i tempi di cinque secondi rispetto allo scorso anno!"

Articolo precedente

Isola: "Migliorati i tempi di cinque secondi rispetto allo scorso anno!"

Prossimo Articolo

Fotogallery: le prove libere del venerdì australiano della Ferrari

Fotogallery: le prove libere del venerdì australiano della Ferrari
Carica commenti