Ferrari: la SF71H manca di bilanciamento aerodinamico per vincere?

condivisioni
commenti
Ferrari: la SF71H manca di bilanciamento aerodinamico per vincere?
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
17 mar 2018, 08:29

La Rossa si presenta a Melbourne che non è ancora al meglio della preparazione perché con il passo lungo i tecnici devono ancora trovare gli stessi dati che si vedono in galleria. Le soluzioni non sono sbagliate ma hanno bisogno di messa a punto.

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Ferrari SF70H, dettaglio del fondo
Ferrari SF70H, diffusore del GP di AbuDhabi
Ferrari SF71H, fondo
Ferrari SF71H, uscita aggiuntiva del diffusore
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

Per il team Mercedes è la Red Bull la vera minaccia per Melbourne: secondo Lewis Hamilton la RB14 dovrebbe portare un pacchetto di novità aerodinamiche che dovrebbero valere due o tre decimi al giro, consentendo un sorpasso sulla Ferrari che è stata, invece, la monoposto più veloce alla conclusione dei test invernali disputati a Barcellona.

Il record della pista conseguito da Sebastian Vettel con le gomme Hypersoft non è bastato a scaldare gli animi dei tifosi del Cavallino. Ma qual è il clima che si respira a Maranello in vista del debutto stagionale nel GP d’Australia in programma nel prossimo weekend?

Nel Reparto Corse stanno lavorando sodo per sfidare la Mercedes nella lotta iridata, ben consapevoli che della partita farà parte anche la Red Bull.

Nella Gestione Sportiva c’è la consapevolezza che rispetto allo scorso si siano invertiti i ruoli: nel 2017 la Rossa era parsa subito ultra-competitiva, mentre la W08 aveva fatto fatica a trovare la giusta messa a punto, dopo la rivoluzione del passo lungo che aveva dato grandi benefici in materia di carico e efficienza aerodinamica, ma aveva portato la freccia d’argento ad essere decisamente sopra al peso minimo, mettendo in crisi le gomme se utilizzate fuori da una certa finestra.

La musica è radicalmente cambiata in quest’inverno, perché la Mercedes, avendo ormai acquisito il concetto della macchina “lunga” è riuscita a cancellare i difetti della W08, proponendo una monoposto che nei collaudi spagnoli ha solo cercato il migliore sfruttamento delle gomme Pirelli, visto che la Casa milanese propone delle mescole decisamente più morbide.

L’evidente blistering apparso sugli pneumatici posteriori della freccia d’argento è stato “corretto” con il passare dei giorni e alla fine Lewis Hamilton e Valtteri Bottas se ne sono tornati a casa nella consapevolezza di aver completato la migliore simulazione di GP con le gomme Medium, mentre la Ferrari è parsa più staccata sul passo gara, ma ha fatto un significativo passo avanti nel giro secco.

La RB14, invece, ha chiuso l’inverno dietro alla Rossa (sia nella “qualifica”, mai tentata a serbatoio vuoto se non dalla McLaren, sia nei run più lunghi): la vettura vista a Barcellona si è avvicinata alle due top, ma molti danno credito alle voci di Milton Keynes che Adrian Newey si giocherà un… asso a Melbourne e potrebbe essere temibile con Max Verstappen e Daniel Ricciardo.

Collocare la SF71H come terza forza è non credere alla Rossa, ma è indubbio il fatto che la Ferrari non arriva al debutto della prima gara in grado di mostrare tutto il potenziale della macchina. La monoposto è totalmente diversa rispetto a quella che ha vinto cinque GP nel 2017.

E non deve sorprendere, quindi, che giunga a Melbourne con il fiato un po’ corto: la prima settimana di test, condizionata dal maltempo e anche dalla neve, non ha permesso di fare tutti quei chilometri di cui la macchina avrebbe avuto bisogno.

Se da un punto di vista dell’affidabilità la Rossa ha iniziato a marciare come un orologio da subito (pare che la squadra del Cavallino abbia completato la “temporada” spagnola con una sola power unit 062 Evo, come del resto anche i team clienti), abbiamo inteso che la SF71H non ha ancora trovato il giusto bilanciamento aerodinamico.

Nel retrotreno non si sarebbero trovati gli stessi valori che si sono visti in galleria del vento (per un effetto scala?) e, quindi, si è dovuto scaricare un po’ anche l’avantreno per rendere la Rossa facilmente guidabile dai piloti a Montmelò, rinunciando a un po’ di potenziale.

Questo non vuole dire che la nuova Ferrari sia una macchina sbagliata. Assolutamente no. E’ più corretto dire che l’aspettativa sulla SF71H è molto alta (certamente superiore a quello della SF70H), ma il top non è stato ancora raggiunto perché c’è ancora molto da lavorare per far funzionare nel modo migliore una monoposto che deve ritrovare i giusti valori di partenza.

Gli uomini di Binotto sapevano che allungando il passo in modo significativo, rischiavano di finire nei guai che avevano reso difficile la genesi della Mercedes dello scorso anno. Ma consapevoli dei problemi che hanno avuto a Brackley, Simone Resta, Enrico Cardile e David Sanchez stanno cercando di accorciare i tempi della comprensione della macchina con un intensissimo lavoro indoor che comprende tanto il simulatore quanto i banchi dinamici.

Non aspettatevi, però, una Ferrari che giochi in difesa: a Melbourne Sebastian Vettel cercherà di esaltare le caratteristiche positive della SF71H cercando di nascondere quei comportamenti un po’ instabili che hanno penalizzato in particolare la simulazione di gara di Kimi Raikkonen.

In fondo al rettilineo principale di Barcellona, per esempio, anche con una power unit alla quale non è stato tirato il… collo, la Rossa è arrivata a toccare i 331 km/h, giungendo ad appena 3 km dal limite che è stato raggiunto dalle Mercedes che hanno registrato un picco di 334 km/h.

L’incremento rispetto allo scorso anno è stato significativo segno che l’obiettivo della riduzione della resistenza all’avanzamento è stato raggiunto grazie ad una migliore efficienza aerodinamica…

Prossimo articolo Formula 1
Ericsson: "Alfa Sauber da metà griglia, a Melbourne vincerà Ricciardo!"

Previous article

Ericsson: "Alfa Sauber da metà griglia, a Melbourne vincerà Ricciardo!"

Next article

McLaren: un brand di infradito metterà il proprio logo sull'halo

McLaren: un brand di infradito metterà il proprio logo sull'halo