Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni

Ferrari: la SF1000 avrà una versione Evo dai GP europei?

condivisioni
commenti
Ferrari: la SF1000 avrà una versione Evo dai GP europei?
Di:
25 feb 2020, 14:56

Simone Resta sarebbe stato incaricato di lanciare uno sviluppo della Rossa per contrastare il passo di Mercedes e Red Bull. Il debutto potrebbe avvenire in Olanda o in Spagna. Avrà soluzioni più spinte all'anteriore per sfruttare il motore più potente?

Mattia Binotto come Dottor Jeckyll e Mister Hyde. Il team principal della Ferrari ha mostrato una grande compostezza nel commentare la prima sessione di test collettivi svolti a Barcellona.

L’ingegnere reggiano non ha nascosto il fatto che la Rossa sia a inseguire la Mercedes, ma ha lasciato intendere che non è dato sapere quale sia l’effettivo gap da chiudere dalla W11 che ha strabiliato nella prima uscita in pista.

L’atteggiamento conciliante con i giornalisti non ha trovato uguale riscontro nei meeting interni alla Scuderia, durante i quali ha fatto sentire la sua voce perché l'aspettativa è di una Rossa competitiva. Da domani vedremo un'altra Ferrari, certamente più ficcante di quella della scorsa settimana, ma basterà per tenere testa alle W11?

Sarebbe stata lanciato lo studio di una versione evoluta della SF1000 che potrebbe fare il suo debutto magari alla prima gara europea, vale a dire il GP d’Olanda in programma a Zandvoort il 3 maggio o al più tardi proprio in Spagna.

Simone Resta, l’ingegnere rientrato al Reparto Corse dall’Alfa Romeo, pare abbia avuto l’incarico di curare la Rossa che avrà il compito di rilanciare le sorti della Ferrari in un mondiale 2020 che la vedrà partire in leggero ritardo sulla migliore concorrenza (Mercedes).

La filosofia con la quale la SF1000 è stata pensata è stata forse troppo conservativa, mentre gli avversari si sono avventurati in soluzioni molto più estreme in materia di muso stretto e sospensioni rialzate frutto di un’ala anteriore di concezione diversa.

La Ferrari ha lavorato molto sul retrotreno con la miniaturizzazione del cambio, ma poco sull’anteriore che è rimasto simile a quello della SF90. Resta, quindi, avrà il compito di agire in modo piuttosto drastico su una macchina che sembra nata con dei limiti di sviluppo.

La squadra del Cavallino ho volutamente fatto della pretattica nei primi tre giorni di test, ma agli uomini del team e ai piloti le difficoltà oggettive non sono certo sfuggite.

Certo la power unit non è mai stata portata al limite per non scatenare le stesse polemiche che hanno alimentato la seconda parte della stagione 2019, ma la SF1000 non sembra avere lo smalto atteso dai vertici del Cavallino.

E così, a dispetto di quanto è accaduto l’anno scorso, a Maranello pare non abbiano voluto perdere tempo e avrebbero varato l’idea di un progetto evoluzione nel quale introdurre concetti moderni se non innovativi. L’attenzione, quindi, non sarebbe volta al DAS della Mercedes. Ora ci sarebbero priorità più importanti.

Il fatto che il GP della Cina sia uscito dal calendario e quello del Vietnam sia quanto meno in dubbio, gioca a favore della Ferrari che dovrà fare i conti con meno gare in calendario proprio nella fase in cui dovrà giocare in difesa. Qualora dovessero essere “congelate” le due gare asiatiche, il debutto della SF1000 EVO potrebbe anche avvenire in Spagna, dando tempo al team tecnico di preparare un’adeguata riscossa.

Se così fosse, vorrebbe dire che la Ferrari non ha alcuna intenzione di passare attraverso un anno di transizione, ma anzi ha tutta l’intenzione di attaccare la supremazia Mercedes nell’ultima stagione di un regolamento che sta per andare in pensione prima dell’avvento delle monoposto a effetto suolo.

Binotto non si è lasciato condizionare dal gadget DAS (che darà sicuramente il suo contributo alle prestazione della freccia d’argento), ma confida di poter spremere il migliore motore della F1. Ma senza un telaio adeguato non si va troppo lontano...

Scorrimento
Lista

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
1/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Volante della Ferrari SF1000

Volante della Ferrari SF1000
2/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pneumatico della Ferrari SF1000

Pneumatico della Ferrari SF1000
3/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Il casco di Sebastian Vettel, Ferrari

Il casco di Sebastian Vettel, Ferrari
5/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
8/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
11/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Dettaglio del freno posteriore della Ferrari SF1000

Dettaglio del freno posteriore della Ferrari SF1000
12/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000

Dettaglio tecnico della Ferrari SF1000
13/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Camera nella T Bar della Ferrari SF1000

Camera nella T Bar della Ferrari SF1000
15/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
16/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Red Bull e Honda non vogliono penalità per le power unit nel 2020

Articolo precedente

Red Bull e Honda non vogliono penalità per le power unit nel 2020

Prossimo Articolo

F1, Test 2 Barcellona: ecco le line up piloti dei 3 giorni

F1, Test 2 Barcellona: ecco le line up piloti dei 3 giorni
Carica commenti