Ferrari: la Rossa nasce corta, ma vuole l'abito lungo?

31,213 viste

La 668 che verrà svelata il 24 febbraio sembra abbia un passo più corto di Mercedes e Red Bull che avrebbero più carico aerodinamico. A Maranello programmano gli sviluppi della Rossa ed è allo studio un'evoluzione nel retrotreno durante il 2017.

La Ferrari ha imboccato una strada diversa da quelle percorse da Mercedes e Red Bull Racing. La Rossa 2017 che per la prima volta si vedrà il 24 febbraio nel filming day programmato dalla Scuderia a Fiorano, pare che abbia un passo meno lungo delle nuove vetture degli altri due top team.

L’interasse della 668 sarà sicuramente maggiore dei 3.494 mm della SF16-H, ma non dovrebbe arrivare ai valori della Mercedes che dovrebbe sfondare il muro dei 3.600 mm. Con le carreggiate più larghe e con l’aumento della capacità del serbatoio di 5 kg non è difficile prevedere un incremento del passo, vale a dire la distanza che separa i due assi.

Giacomo Tortora, responsabile sviluppo Scuderia Ferrari
Giacomo Tortora, responsabile sviluppo Scuderia Ferrari

Photo by: Franco Nugnes

Giacomo Tortora, responsabile dello sviluppo del veicolo della Ferrari, alla celebrazione dei 110 anni della Pirelli nel Motorsport, ha parlato di “…un miglioramento prestazionale che sarà di svariati secondi nel pacchetto globale macchina più gomma: esattamente quanto è impossibile da definire”.

Ognuno sa cosa ha prodotto in casa propria, ma non sa cosa sta succedendo nella factory degli avversari, per cui la consegna del silenzio imposta da Sergio Marchionne, dopo gli avventati proclami dello scorso anno, hanno messo la sordina alle previsioni, alle anticipazioni.

La Williams è la macchina vera?

Williams FW40
Williams FW40

Photo by: Williams

È chiaro a tutti che anche la Williams svelata oggi in un filmato postato su YouTube è ancora una monoposto grezza, molto diversa da quella che vedremo nel primo Gran Premio della stagione 2017, ma non è difficile raccogliere un po’ di agitazione in alcuni uomini del Cavallino, dopo che hanno cominciato a circolare dei dati di simulazione che darebbero la nuova freccia d’argento capace di migliorare le proprie prestazioni di circa 5”3 rispetto ai tempi del 2015, quando il nuovo regolamento è stato lanciato. Con la Red Bull Racing che non sarebbe lontana dalla Mercedes, ma anche lei comunque oltre il fatidico limite dei cinque secondi.

Evidentemente i valori di carico che sono emersi dalla galleria del vento e dal simulatore di Maranello sono diversi, facendo venire qualche dubbio al direttore tecnico Mattia Binotto. Ci si domanderà, allora, come mai la misura del passo possa influenzare le prestazioni: il motivo è relativamente semplice.

Il passo lungo con più superficie e più peso

Il nuovo regolamento ambisce alla crescita delle prestazioni con un maggiore grip meccanico garantito delle gomme larghe della Pirelli e con il sensibile incremento del carico aerodinamico. Avere una macchina più lunga equivale ad avere una maggiore superficie grazie alla quale si può creare downforce con il corpo della vettura, senza ricorrere a troppe ali, alette e flap che andrebbero ad aumentare la resistenza all’avanzamento del veicolo.

Stando alle nostre informazioni, infatti, ci sarà una riduzione nel picco delle velocità massime alla speed trap (qualcuno prevede -19 km/h) a meno che non vengano sfornati motori capaci di un incremento di potenza di circa 50 cavalli.

Mercedes e Red Bull Racing, quindi, sarebbero accreditate di un carico aerodinamico sensibilmente maggiore della Rossa che sta per essere partorita dalla coppia formata da Simone Resta e Rory Byrne. La squadra del Cavallino, insomma, si tirerebbe dietro un difetto endemico che non pare capace di eliminare.

L'evoluzione sarà più lunga?

I modellini per la galleria del vento
I modellini per la galleria del vento

Photo by: Franco Nugnes

Ma è possibile che una macchina nuova a chilometri zero possa essere “rottamata” già prima della presentazione? In galleria si sarebbe visto un modellino dotato di un passo più lungo tra il serbatoio e l’asse posteriore che potrebbe essere la base di una Evoluzione che potrebbe apparire a metà stagione. Vorrebbe dire che a Maranello c’è il panico?

No perché a giudicare dal sorriso che a Torino incorniciava il volto di Giacomo Tortora, non ci dovrebbe essere tutta l’agitazione che viene raccontata fuori dalla Ges, tanto più che i piani di sviluppo prevedono una trasformazione della Rossa continua e costante per tutta la stagione, senza l'esigenza di mettere mano alla scocca. Ecco perché non si parla affatto di vettura B.

La F.1 passo corto è più agile e pesa meno

Anche perché avere una macchina un poco più corta può dare certi vantaggi: meno carrozzeria e, quindi, meno peso, potendo magari sistemare più zavorra dove serve per equilibrare la vettura. Non solo, ma anche il comportamento nell’inserimento in curva dovrebbe essere più facile e preciso, per cui a giovarne potrebbero essere le gomme che verrebbero sottoposte a stress minori e potrebbero durare di più.

C’è l’esempio della F2008

Qualcuno si è ricordato della F2008 che vinse otto Gran Premi nel 2008 e lottò per il mondiale con Felipe Massa fino all’ultimo metro del campionato: era una monoposto “corta” che se l’era cavata alla grande sebbene il regolamento avesse previsto l’abolizione del controllo elettronico della trazione e il launch control automatizzato. Insomma, anche in quel frangente servivano grip e trazione e, quindi, carico aerodinamico, ma la Rossa non sfigurò affatto.

La progettazione della 668 è partita in ritardo rispetto a Mercedes e Red Bull Racing: alla Gestione Sportiva hanno spinto fino alla fine del 2016 nella speranza di centrare almeno una vittoria che desse un senso a una stagione storta, ma inevitabilmente a Maranello non hanno potuto dedicare le stesse risorse umane degli altri alla macchina nuova.

Felipe Massa, Scuderia Ferrari, F2008
Felipe Massa, Scuderia Ferrari, F2008

Photo by: XPB Images

Progetto nato tardi, ma sviluppo rapido

Questo è un aspetto che è giusto mettere in evidenza, perché potrà avere delle ripercussioni specie all’inizio della stagione: nel Reparto Corse sono convinti che se riusciranno a contenere il divario dalla Mercedes in mezzo secondo, i ferraristi avranno buone probabilità di togliersi delle soddisfazioni perché i piani di sviluppo che sono stati varati dalla nuova organizzazione di lavoro voluta da Mattio Binotto dovrebbe velocizzare la messa in macchina delle novità tecniche nel corso del campionato.

E la Ferrari deve mettere in mano a Sebastian Vettel una macchina che lo spinga a continuare l’avventura con il Cavallino: in Germania giurano che il quattro volte campione del mondo sia un po’ disilluso dall’innamoramento per la Rossa e sia molto attratto all’idea che quest’anno non ci sia un pilota tedesco sulla freccia d’argento. Che stia già pensando all’anno prossimo?

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel

Photo by: Race of Champions

 

 

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Analisi
Tag ferrari