Ferrari: la prima ispezione al cambio di Vettel non ha mostrato danni

condivisioni
commenti
Ferrari: la prima ispezione al cambio di Vettel non ha mostrato danni
Di:
3 ott 2017, 06:53

La trasmissione di Vettel è arrivata ieri a Maranello e oggi sarà controllata in modo approfindita, ma sembra che non abbia subito danni nel crash di Vettel nel giro di ritorno: si è rotto il semiasse che non ha fatto da leva sugli ingranaggi.

Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari ringrazia Pascal Wehrlein, Sauber C36 per il passaggio
Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H supera il muretto box Ferrari

E’ arrivato ieri a Maranello il cambio della monoposto di Sebastian Vettel smontato al termine del Gran Premio di Malesia. La trasmissione della Ferrari numero 5 è stata spedita in sede da Sepang, per verificarne l’integrità dopo la collisione avvenuta tra il pilota tedesco e Lance Stroll nel giro d’onore della gara malese.

I tecnici del Cavallino hanno effettuato nella giornata di ieri una prima ispezione visiva non riscontrando nulla di anomalo. Oggi sarà effettuata una verifica più approfondita, ma c’è un cauto ottimismo sulla possibilità di superare i controlli previsti.

La dinamica dell’urto ha comportato il cedimento del semiasse, che non ha così agito da leva con gli ingranaggi all’interno della scatola del cambio.

Se arriverà l’okay dei tecnici di Maranello, la trasmissione sarà spedita a Suzuka, per essere rimontata sulla monoposto di Vettel prima della sessione FP3 in programma sabato mattina.

La trasmissione era stata montata nuova in Malesia, come previsto dal regolamento dopo il ritiro di Singapore, e se supererà con successo le ispezioni dovrà completare le prossime cinque gare in calendario.

Prossimo Articolo
Marchionne: "I guai Ferrari? Squadra giovane e componenti non a livello"

Articolo precedente

Marchionne: "I guai Ferrari? Squadra giovane e componenti non a livello"

Prossimo Articolo

Sauber ultime, ma adesso... capaci "di segnali incoraggianti"

Sauber ultime, ma adesso... capaci "di segnali incoraggianti"
Carica commenti