Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

Ferrari: la pole può essere alla portata, la gara sarà dettata dalle gomme

condivisioni
commenti
Ferrari: la pole può essere alla portata, la gara sarà dettata dalle gomme
Di:
7 giu 2019, 20:39

L'imprevisto calore di Montreal, con 49 gradi di asfalto, ha fatto saltare tutte le previsioni delle squadre che avevano scelto gli pneumatici per il Canada in marzo. La Ferrari non può provare le Hard che potrebbero essere le gomme della gara perché ha un solo treno disponibile...

Consiglio: prendete i riscontri emersi oggi da Montreal con le pinze. Quanto visto in pista è ovviamente reale, ma mancano all’appello Lewis Hamilton e Max Verstappen, che hanno assaggiato i muri di Montreal (Lewis in modo più… deciso) compromettendo il lavoro nella sessione FP2.

Il quadro finale emerso dal venerdì canadese vede le due Ferrari davanti a tutti con un 1-2 stampato nella simulazione di qualifica, contesto in cui l’unica Mercedes in pista, quella di Bottas, ha faticato più del previsto nel passaggio dalle medie alle soft.

Valtteri ha provato più giri lanciati, ma ha solo avvicinato le due Ferrari, restando a 0”134 da Leclerc e 0”060 da Vettel. I due ferraristi hanno fatto la differenza nel terzo settore (circa due i decimi guadagnati in quel tratto sulla Mercedes n.77), ma non è ovviamente un margine che consente di poter prenotare la prima fila.

Fin qui nulla di sorprendente, considerando le aspettative della vigilia. Tutt’altra storia è stata la simulazione di gara, che ha fornito verdetti a sorpresa come non si vedeva da tempo. La scelta dei set da portare in Canada i team l’hanno effettuata lo scorso mese di marzo, e probabilmente nessuno poteva immaginare che sul circuito Gilles Villeneuve ci sarebbe stato un asfalto con una temperatura di 50 gradi.

Quando sono iniziati i long-run con gomme soft i tempi sul giro sono drasticamente saliti dopo poche tornate, con i piloti che via radio hanno comunicato ai rispettivi ingegneri lo stesso messaggio: over-heating, ovvero surriscaldamento. Nessuno è stato immune, neanche Bottas e Vettel, scesi in pista con la mescola rossa.

Q2 con le soft? Scelta quasi obbligata per i top-team

Con la Media la situazione si è confermata migliore, e a dare il termometro della resa di questa mescola è stato Leclerc, che ha confermato in diciannove giri un ritmo molto costante sul ritmo del minuto e diciassette secondi. Ma la svolta è poi arrivata quando Bottas ha messo da parte le soft (dopo soli otto giri) per passare alle Hard, e questo compound si è confermato decisamente il migliore in assoluto nel compromesso tra costanza e performance.

Il paradosso è che questa mescola è stata portata in Canada quasi fosse un peso indesiderato, e tra Ferrari, Mercedes e Red Bull, solo Bottas e Verstappen sono arrivati a Montreal con due set di hard a disposizione, diventato poi uno dopo i long-run di oggi.

La Ferrari non ha potuto così utilizzare la mescola bianca, ma non è una mancanza che può compromettere la corsa. Già in altre occasioni abbiamo visto piloti montare nel secondo stint di gara mescole mai provate nel corso del weekend, e non si sono evidenziati grandi problemi.

I riscontri dei long-run rischiano però di influenzare le scelte che saranno fatte domani in qualifica, con i top-team che valuteranno con molta attenzione la possibilità di passare il taglio della Q2 con gomme Medie.

Oggi il margine tra soft e medie è stato molto elevato, circa un secondo e mezzo, ma la pista si sta gommando progressivamente sessione dopo sessione, e se il gap rientrerà nelle previsioni della Pirelli (tra i 7 e gli 8 decimi) per i top-team non ci dovrebbero essere problemi ad entrare in top-ten con la mescola gialla.

Una sorta di assicurazione in vista della gara di domenica, corsa in cui scattare al via con gomme soft non garantirebbe la possibilità di completare i settanta giri in programma con un solo pit-stop.

Scorrimento
Lista

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
1/17

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
3/17

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore
5/17

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari firma un autografo ad un fan

Sebastian Vettel, Ferrari firma un autografo ad un fan
6/17

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Un immagine di Charles Leclerc, Ferrari, su un cartellone

Un immagine di Charles Leclerc, Ferrari, su un cartellone
7/17

Foto di: Rubio / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
8/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
9/17

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari arriva nel paddock su una bicicletta

Sebastian Vettel, Ferrari arriva nel paddock su una bicicletta
10/17

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Dettaglio della sospensione anteriore della Ferrari SF90

Dettaglio della sospensione anteriore della Ferrari SF90
11/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore
12/17

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari alla Shell House

Charles Leclerc, Ferrari alla Shell House
13/17

Foto di: Minas Panagiotakis / Getty Images

Charles Leclerc, Ferrari, esamina un'ala frontale

Charles Leclerc, Ferrari, esamina un'ala frontale
14/17

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Ala frontale della Ferrari SF90

Ala frontale della Ferrari SF90
15/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Laurent Mekies, Direttore sportivo, Ferrari, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, al muretto box

Laurent Mekies, Direttore sportivo, Ferrari, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, al muretto box
16/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore

Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore
17/17

Foto di: Giorgio Piola

Prossimo Articolo
Verstappen firma il "muro dei campioni", ma vede una Red Bull competitiva

Articolo precedente

Verstappen firma il "muro dei campioni", ma vede una Red Bull competitiva

Prossimo Articolo

Il GP del Canada inizia in salita per Giovinazzi, a muro alla curva 9

Il GP del Canada inizia in salita per Giovinazzi, a muro alla curva 9
Carica commenti