Ferrari: Iotti torna al prodotto, Zimmermann a Maranello

condivisioni
commenti
Ferrari: Iotti torna al prodotto, Zimmermann a Maranello
Di:
24 set 2019, 10:53

Binotto sta pianificando il suo Reparto Corse con una riorganizzazione dei ruoli per guardare al futuro in modo competitivo: il capo del reparto motori è Enrico Gualtieri e sotto di lui agiranno il tedesco Zimmermann (motore endotermico), Baritaud (ERS) e Fraboni (pista e sala prove).

La notizia l’ha anticipata Leo Turrini, puntuale nel ricevere le imbeccate da Maranello: la Ferrari sta portando avanti la riorganizzazione del reparto motori con il ritorno di Corrado Iotti al mondo delle Gran Turismo dopo aver contribuito con la sua esperienza a migliorare il modo sostanziale l’affidabilità delle power unit del Cavallino che, indiscutibilmente, hanno superato in potenza il discusso Mercedes Phase 3.

In realtà l’avvicendamento Mattia Binotto lo aveva deciso già da qualche settimana: la responsabilità dei motori rest affidata a Enrico Gualtieri, tecnico di fiducia del team principal, mentre all’area progettazione è stato richiamato Wolf Zimmermann.

Il tedesco, ex AMG, è stato per anni l’uomo di congiunzione fra il Reparto Corse e la AvL, il più grande centro di ricerca sui motori che ha sede a Graz, e che aveva avviato un’importante collaborazione con la Ferrari all’epoca della gestione di Sergio Marchionne, ora rientra alla base.

Zimmermann, al quale era stato affidato lo studio delle soluzioni innovative e del motore 2021, ritorno ad avere un ruolo operativo a Maranello, rompendo, forse, il cordone ombelicale con gli austriaci per potenziare l’attività indoor. Guido Di Paola resta il capo progetto del 6 cilindri e risponderà direttamente al tedesco.

Sotto a Enrico Gualtieri oltre a Wolf Zimmermann ci sono Thierry Baritaud che dirige il gruppo di tecnici che si occupa di turbo e sistemi ibridi, e Luigi Fraboni che è capo di pista, montaggi e sale prova.

Prossimo Articolo
Wolff: "Non sono stati gli aggiornamenti a fare forti le Ferrari"

Articolo precedente

Wolff: "Non sono stati gli aggiornamenti a fare forti le Ferrari"

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: respinto l'appello di Hockenheim

Alfa Romeo: respinto l'appello di Hockenheim
Carica commenti