Ferrari: in Ungheria Vettel cerca conferme, Leclerc il riscatto

Reduce dal secondo posto a Hockenheim, il tedesco vuole dare seguito a questo momento con un altro buon risultato. Leclerc deve e vuole farsi perdonare per l'errore in Germania.

Ferrari: in Ungheria Vettel cerca conferme, Leclerc il riscatto

Sebastian Vettel ha impiegato poco più di un'ora e mezza per ricordare a tutti di quale pasta sia fatto. Al Gran Premio di Germania svolto lo scorso fine settimana a Hockenheim è riuscito a risalire dal 20esimo posto e chiudere secondo, alle spalle del solo Max Verstappen.

Ora per lui e per la Ferrari arriva il Gran Premio d'Ungheria, appuntamento in cui nel 2018 centrò il secondo posto alle spalle di un imprendibile Lewis Hamilton e davanti all'allora compagno di squadra Kimi Raikkonen.

"Se c’è una pista che mette alla prova il pilota nella Formula 1 moderna, questa è l’Hungaroring", ha dichiarato Vettel, già proiettato con la mente al prossimo appuntamento di F1 previsto per questo fine settimana proprio in Ungheria.

"Su questo tracciato dal ritmo incalzante non ci sono rettilinei lunghi quindi ci si trova sostanzialmente sempre a dover lavorare con il volante. Il clima poi, dato il periodo in cui si viene a gareggiare qui, è spesso torrido, il che di certo non aiuta".

L'Hungaroring è un tracciato difficile, non a caso Vettel ha proseguito a elencarne le insidie: "Se l’asfalto è asciutto è sempre molto impolverato e non è detto che migliori nel corso del weekend perché vento e uscite di pista riportano dentro la sabbia che le vetture girando naturalmente tendono a eliminare. Proprio per questo l’aderenza fuori dalla traiettoria ideale è minima e ogni errore rischia di essere pagato caro in termini di tempo".

"Le curve più significative sono la 1 e la 14. Alla prima staccata, prendendoti qualche rischio, è possibile tentare un sorpasso, anche se il rettilineo da cui si arriva non è certo lungo. Anche alla curva 14 non è affatto semplice completare la manovra con successo".

Chi invece cercherà di imitare Vettel e andare in cerca di redenzione sul tracciato ungherese è il compagno di squadra del 4 volte iridato tedesco, Charles Leclerc, autore di una splendida gara in Germania fino all'errore commesso nelle ultime curve, che lo ha portato a sbattere contro le barriere gettando così al vento una grande opportunità per portare a casa la prima vittoria della carriera in F1 e la prima per la Ferrari in questa stagione così complicata.

"La pista dell’Hungaroring è di sicuro una delle più tecniche presenti nel calendario. Per certi aspetti mi ricorda un tracciato di kart: una curva è seguita da un’altra quasi senza interruzione e al pilota spesso non rimane nemmeno il tempo di pensare. Su questa pista si può dire che non esistano parti nelle quali ci si può rilassare, tanto è frenetica".

"A me personalmente piace, perché essere competitivi qui non è mai facile. In qualifica, in particolare, avere un giro perfetto è sempre molto complesso perché bisogna spingere, ma ricordarsi anche di prendersi cura delle gomme così da poterle sfruttare anche nella parte finale".

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio
1/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/25

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio
3/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, perde il controllo della sua monoposto

Charles Leclerc, Ferrari SF90, perde il controllo della sua monoposto
4/25

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, lascia la sua monoposto, dopo l'incidente

Charles Leclerc, Ferrari, lascia la sua monoposto, dopo l'incidente
5/25

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, si congratula con Max Verstappen, Red Bull Racing, 1° classificato, nel parco chiuso

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, si congratula con Max Verstappen, Red Bull Racing, 1° classificato, nel parco chiuso
6/25

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, e Daniil Kvyat, Toro Rosso, 3° classificato, festeggiano nel parco chiuso

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, e Daniil Kvyat, Toro Rosso, 3° classificato, festeggiano nel parco chiuso
7/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, spruzza lo Champagne, sul podio
8/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, e Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, e Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, ed Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, ed Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
10/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, Guillaume Rocquelin, Head of Race Engineering, Red Bull Racing, Max Verstappen, Red Bull Racing, 1° classificato, e Daniil Kvyat, Toro Rosso, 3° classificato

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, Guillaume Rocquelin, Head of Race Engineering, Red Bull Racing, Max Verstappen, Red Bull Racing, 1° classificato, e Daniil Kvyat, Toro Rosso, 3° classificato
11/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, con il suo trofeo

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, con il suo trofeo
12/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, va a sbattere e si ritira dalla gara

Charles Leclerc, Ferrari SF90, va a sbattere e si ritira dalla gara
13/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, lascia la sua monoposto, dopo l'incidente

Charles Leclerc, Ferrari, lascia la sua monoposto, dopo l'incidente
14/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, sul podio, con il suo trofeo

Sebastian Vettel, Ferrari, 2° classificato, sul podio, con il suo trofeo
15/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
16/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia nel parco chiuso con il suo team

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia nel parco chiuso con il suo team
17/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia sul podio, con il trofeo

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia sul podio, con il trofeo
18/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
19/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
20/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop
21/25

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, durante la drivers parade

Sebastian Vettel, Ferrari, durante la drivers parade
22/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
23/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, durante la drivers parade

Sebastian Vettel, durante la drivers parade
24/25

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Il secondo classificato Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia con il suo team

Il secondo classificato Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia con il suo team
25/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "In Ungheria cerchiamo conferme con qualche novità"

Articolo precedente

Binotto: "In Ungheria cerchiamo conferme con qualche novità"

Prossimo Articolo

Kubica: un... punto di vista alternativo di questa F1!

Kubica: un... punto di vista alternativo di questa F1!
Carica commenti
Ceccarelli: “Un meccanico al pit stop arriva a 165 battiti cardiaci” Prime

Ceccarelli: “Un meccanico al pit stop arriva a 165 battiti cardiaci”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina con Motorsport.com. In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano della necessità di avere un ingegnere di pista capace di leggere, oltre ai numeri, anche le situazioni di gara e la psicologia del pilota

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1 Prime

F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1

Il suo simbolo era un simpatico orsetto giallo, con tanto di casco. Rolls Royce, aerei privati, yacht, banchetti con aragoste e champagne: questo, e molto altro, era la Hesketh Racing. Ripercorriamo insieme la storia, e la prima vittoria, del team più stravagante e glamour della Formula 1.

Formula 1
22 giu 2021
La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica Prime

La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica

In questa nostra consueta animazione grafica, mettiamo in luce gli aspetti chiave del Gran premio di Francia di Formula 1. Oltre ovviamente alla prepotente vittoria di Verstappen, va evidenziato come le due Ferrari di sainz e Leclerc, con il passar del tempo, sprofondavano sempre più in classifica

Formula 1
21 giu 2021
Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi” Prime

Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi”

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio di Francia di Formula 1 corso sul tracciato del Paul Ricard. Ovviamente, sempre in compagnia di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
21 giu 2021
Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari" Prime

Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari"

Andiamo ad analizzare insieme a Matteo Bobbi e Marco Congiu il Gran Premio di Francia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. Lewis Hamilton e Max Verstappen ci hanno regalato una gara intensa, dove a farla da protagonista è stata la gestione delle gomme. Chi ha pagato più di tutti sotto questo punto di vista è stata la Ferrari: ecco perché...

Formula 1
21 giu 2021
Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari" Prime

Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari"

In questa puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano i fatti salienti del Gran Premio di Francia. Buon ascolto!

Formula 1
20 giu 2021
Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia Prime

Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia

Andiamo a scoprire la griglia di partenza del Gran Premio di Francia 2021: Max Verstappen parte dalla prima casella, precedendo le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Formula 1
20 giu 2021