Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Leclerc nono, Vettel undicesimo: la Ferrari esce con le ossa rotte dalla qualifica del GP di Spagna, mettendo in risalto i difetti cronici della SF1000. Su un tracciato reso difficile dal caldo ammorbante, la Scuderia si è persa. E risalire la china in gara come è successo a Silverstone non sarà facile perché sono molti gli avversari che sono riusciti a mettersi davanti alla Rossa nel giro secco. Vettel potrà beneficiare di partire con la gomma media.

Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Per gli addetti ai lavori il circuito di Catalunya è una pista che dice la verità sulla bontà di una monoposto, e per la Ferrari è una verità amara.

Anche al netto delle due Mercedes, che viaggiano in un mondo a parte, per le due ‘Rosse’ oggi a Barcellona la lista degli avversari inattaccabili ha compreso anche la presenza anche di Max Verstappen, Sergio Perez e Lance Stroll. Il massimo a cui avrebbe potuto ambire oggi Charles Leclerc è la sesta posizione, un piazzamento alla sua portata visto che sarebbe stato sufficiente ripetere in Q3 il tempo ottenuto in Q2.

Impresa mancata per un soffio, 58 millesimi, con il monegasco si è ritrovato da potenziale sesto a nono, ma lo stesso Leclerc ha sottolineato come il sottosterzo della sua monoposto sia aumentato nel corso della sessione.

Un margine impercettibile che ha comportato una differenza enorme, soprattutto in vista della gara di domani, corsa in cui Leclerc dovrà partire con le soft montate per passare la sessione Q2.

Sempre per questione di millesimi (due…) Sebastian Vettel ha mancato l’ingresso in Q3, uno smacco per il tedesco, che ha concluso in anticipo le sue qualifiche con l’espressione della delusione stampata sul volto.

A voler cercare qualcosa di positivo nel sabato di Seb (impresa non facile) c’è solo la possibilità di poter scegliere la mescola di pneumatici con cui prenderà il via domani, e non è un vantaggio da poco.

Vettel ha ridimensionato questo ‘plus’, ma se la SF1000 confermerà sulla distanza un passo migliore rispetto al giro secco, per Seb sarà comunque un aiuto.

Si preannuncia, invece, molto dura la domenica di Leclerc, che può sperare solo in una partenza molto felice per poter difendersi dalla strategia di chi passerà alle sue spalle. Il monegasco è apparso deluso a fine sessione, dalla quale si atteneva un verdetto bene diverso.

Con il senno di poi sarebbe stato paradossalmente meglio ritrovarsi nella posizione di Vettel, ma quando il monegasco ha passato il taglio della Q2 le ambizioni erano tutt’altre. La SF1000 ha perso guidabilità giro dopo giro, con un sottosterzo cresciuto progressivamente fino a mettere in crisi la guida del monegasco, apparso con più di un dubbio a fine sessione.

Si preannuncia una domenica di sofferenza per il box del Cavallino, che in questa occasione non è riuscito a piazzare l’exploit giocando sui setup come a Silverstone. La gara di domani potrebbe riservare qualche opportunità, vista l’incertezza che regna ancora sulla gestione delle gomme, ma l’esame Barcellona, sempre molto duro per le monoposto, ha espresso chiaramente il suo verdetto.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
2/12

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
3/12

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari and Alex Albon, Red Bull Racing
Charles Leclerc, Ferrari and Alex Albon, Red Bull Racing
4/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, e la sua ragazza Charlotte Sine arrivano in pista
Charles Leclerc, Ferrari, e la sua ragazza Charlotte Sine arrivano in pista
5/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
10/12

Foto di: Giorgio Piola

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
11/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Hamilton: "Brutto ultimo giro. Ho lavorato tanto per la gara"
Articolo precedente

Hamilton: "Brutto ultimo giro. Ho lavorato tanto per la gara"

Prossimo Articolo

Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?

Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021