Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Leclerc nono, Vettel undicesimo: la Ferrari esce con le ossa rotte dalla qualifica del GP di Spagna, mettendo in risalto i difetti cronici della SF1000. Su un tracciato reso difficile dal caldo ammorbante, la Scuderia si è persa. E risalire la china in gara come è successo a Silverstone non sarà facile perché sono molti gli avversari che sono riusciti a mettersi davanti alla Rossa nel giro secco. Vettel potrà beneficiare di partire con la gomma media.

Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Per gli addetti ai lavori il circuito di Catalunya è una pista che dice la verità sulla bontà di una monoposto, e per la Ferrari è una verità amara.

Anche al netto delle due Mercedes, che viaggiano in un mondo a parte, per le due ‘Rosse’ oggi a Barcellona la lista degli avversari inattaccabili ha compreso anche la presenza anche di Max Verstappen, Sergio Perez e Lance Stroll. Il massimo a cui avrebbe potuto ambire oggi Charles Leclerc è la sesta posizione, un piazzamento alla sua portata visto che sarebbe stato sufficiente ripetere in Q3 il tempo ottenuto in Q2.

Impresa mancata per un soffio, 58 millesimi, con il monegasco si è ritrovato da potenziale sesto a nono, ma lo stesso Leclerc ha sottolineato come il sottosterzo della sua monoposto sia aumentato nel corso della sessione.

Un margine impercettibile che ha comportato una differenza enorme, soprattutto in vista della gara di domani, corsa in cui Leclerc dovrà partire con le soft montate per passare la sessione Q2.

Sempre per questione di millesimi (due…) Sebastian Vettel ha mancato l’ingresso in Q3, uno smacco per il tedesco, che ha concluso in anticipo le sue qualifiche con l’espressione della delusione stampata sul volto.

A voler cercare qualcosa di positivo nel sabato di Seb (impresa non facile) c’è solo la possibilità di poter scegliere la mescola di pneumatici con cui prenderà il via domani, e non è un vantaggio da poco.

Vettel ha ridimensionato questo ‘plus’, ma se la SF1000 confermerà sulla distanza un passo migliore rispetto al giro secco, per Seb sarà comunque un aiuto.

Si preannuncia, invece, molto dura la domenica di Leclerc, che può sperare solo in una partenza molto felice per poter difendersi dalla strategia di chi passerà alle sue spalle. Il monegasco è apparso deluso a fine sessione, dalla quale si atteneva un verdetto bene diverso.

Con il senno di poi sarebbe stato paradossalmente meglio ritrovarsi nella posizione di Vettel, ma quando il monegasco ha passato il taglio della Q2 le ambizioni erano tutt’altre. La SF1000 ha perso guidabilità giro dopo giro, con un sottosterzo cresciuto progressivamente fino a mettere in crisi la guida del monegasco, apparso con più di un dubbio a fine sessione.

Si preannuncia una domenica di sofferenza per il box del Cavallino, che in questa occasione non è riuscito a piazzare l’exploit giocando sui setup come a Silverstone. La gara di domani potrebbe riservare qualche opportunità, vista l’incertezza che regna ancora sulla gestione delle gomme, ma l’esame Barcellona, sempre molto duro per le monoposto, ha espresso chiaramente il suo verdetto.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
2/12

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
3/12

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari and Alex Albon, Red Bull Racing
Charles Leclerc, Ferrari and Alex Albon, Red Bull Racing
4/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, e la sua ragazza Charlotte Sine arrivano in pista
Charles Leclerc, Ferrari, e la sua ragazza Charlotte Sine arrivano in pista
5/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
10/12

Foto di: Giorgio Piola

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
11/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Hamilton: "Brutto ultimo giro. Ho lavorato tanto per la gara"

Articolo precedente

Hamilton: "Brutto ultimo giro. Ho lavorato tanto per la gara"

Prossimo Articolo

Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?

Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021