Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
95 giorni
G
GP del Vietnam
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
123 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
137 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
144 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
193 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
256 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
277 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
312 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
319 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
333 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
347 giorni

Ferrari in difesa, Red Bull all'attacco, Mercedes mostrusa!

condivisioni
commenti
Ferrari in difesa, Red Bull all'attacco, Mercedes mostrusa!
Di:
1 dic 2019, 19:06

Il mondiale 2019 finisce ad Abu Dhabi proprio come era iniziato a Melbourne: la Scuderia chiude la stagione come terza forza surclassata anche dalla Red Bull. La Mercedes con il dominio di Hamilton getta le basi a un futuro nei GP oltre il 2021, mentre la squadra del Cavallino deve rivedere molte cose per puntare in alto.

La sigla finale del Mondiale 2019, in onda oggi ad Abu Dhabi, assomiglia molto a quella d’apertura dello scorso marzo in Australia.

Quasi che tra le due gare non ci siano stati altri 19 Gran Premi, gare che hanno anche detto molto, ma di fatto hanno cambiato molto poco nelle gerarchie generali.

“A noi questa pista non è mai stata favorevole”, ha sottolineato Mattia Binotto, e statisticamente il team principal della Ferrari ha ragione. Ma il tracciato di Yas Marina sarà in calendario ancora a lungo, ed è meglio correre ai ripari.

Valutando quanto è emerso nelle ultime quattro gare in calendario, la Ferrari ha chiuso la stagione come terza forza, subendo il sorpasso prestazionale da parte di una Red Bull che ha consentito a Max Verstappen di concludere al terzo posto nella classifica piloti.

 

Un risultato che l’olandese ha consolidato nei 55 giri completati oggi a Yas Marina, in una corsa che ha riservato a Charles Leclerc una piccola illusione di poter puntare a qualcosa di più del terzo posto finale.

La zampata messa a segno nel primo giro dal monegasco (che ha superato Verstappen nel rettilineo tra la curva 7 e 8) ha fatto sperare la Ferrari nella possibilità di poter avere la meglio sulla Red Bull, ma Max, subito il soprasso, è rimasto sempre a due secondi da Leclerc.

Quando al giro 10 Verstappen ha portato a ventidue secondi il suo vantaggio su Sainz (margine importante per poter tornare in pista dopo un ipotetico pit-stop senza ritrovarsi nel traffico) la Ferrari ha temuto che la Red Bull potesse tentare un undercut, ed ha richiamato ai box Leclerc, che ha preceduto di poco la sosta di Vettel.

Un pit stop decisamente anticipato, quello di Charles, che ha vanificato il vantaggio di essere partito con gomme medie. La chiamata di Charles non è stata però un errore come può sembrare ad una prima lettura, ma una difesa necessaria nei confronti di una possibile (e probabile) mossa della Red Bull, scelta che ha anche funzionato.

Leggi anche:

Il problema per Leclerc è che oggi a Yas Marina la Red Bull con Verstappen ne aveva di più, visto che nei 14 giri (dopo il pit-stop) in cui il monegasco è stato in pista con gomma hard nuova, Verstappen ha tenuto 17 secondi di vantaggio nonostante gli pneumatici medi ormai al limite.

Una volta effettuata la sua sosta, Max è tornato in pista ha recuperato i 5 secondi che lo separavano da Leclerc e ha passato il monegasco con una staccata molto decisa alla curva 8.

I problemi per Charles non sono finiti lì, perché la poderosa rimonta di Bottas ha messo a rischio anche la terza posizione. Il passo della Mercedes ha consentito al finlandese di ridurre progressivamente il distacco dalla Ferrari numero 16, ma al muretto del Cavallino è scattata una seconda azione difensiva, ovvero un pit-stop per mettere Charles sulla gomma soft.

Un piano riuscito, anche se con un finale tutt’altro che rilassato per il monegasco. Più del terzo posto, oggi, la Ferrari non avrebbe potuto ottenere.

Leggi anche:

La differenza con la Red Bull è stata importante, quella con la Mercedes mostruosa. A titoli Mondiali già in tasca Hamilton e Bottas hanno confermato una superiorità che ha riportato alla mente stagioni passate, quando le frecce d’argento erano di un altro pianeta.

Più che la vittoria di un grande Hamilton, mai in discussione, e la poderosa rimonta di Bottas (da ultimo a quarto), a rendere chiara l’idea della forma tecnica della Mercedes è stato il giro più veloce in gara. Dopo un paio di tentativi falliti, Lewis a due giri dal termine ha stampato un pazzesco crono di 1’39”283, con gomme hard che avevano percorso 28 giri.

Verstappen si è fermato a 1’41”119, mentre Leclerc con gomma soft nuova si è spinto a 1’40”442. Probabilmente il monegasco non ha potuto spingere come avrebbe voluto per non compromettere la durata del pneumatico, ma in ogni caso il crono della Mercedes è stato oggi di una classe a parte.

Davanti ad una nutrita rappresentanza del Consiglio di Amministrazione arrivato da Stoccarda non avrebbe potuto esserci giornata migliore per Toto Wolff e tutto il team Mercedes, completata con la presenza sul podio di Britta Seeger, una delle massime dirigenti del gruppo Daimler.

Leggi anche:

Abu Dhabi ha cancellato la forte delusione subita nella gara di casa ad Hockenheim, e conferma la Mercedes (al di là dei giochi delle parti) della partita ancora a lungo. Una buona notizia per la Formula 1, un grattacapo per gli avversari.

Non c’è traccia di appagamento nel team campione del Mondo, e per batterlo sarà necessario uno sforzo immenso. A chi ci riuscirà, prima o poi, saranno riservati grandi applausi ed una soddisfazione altrettanto immensa.

Un’ultima considerazione la merita un grandissimo Hamilton. Non è più il Lewis che qualche anno fa si concedeva saltuariamente un calo di tensione, oggi non lascia più nulla per strada.

Il podio di Abu Dhabi è stato ad altissimo tasso di talento, e un Hamilton ancora lì al centro affiancato dal meglio della nuova generazione, ci ha regalato una fotografia molto significativa. Lewis, bravissimo ad annusare l’aria, sa bene cosa lo aspetta nelle prossime stagioni, ma è capace di trasformare il timore di essere spodestato in un ulteriore stimolo a migliorarsi, anche laddove pensava di essere già al massimo. Questo campione ha ancora molto da regalarci.

Scorrimento
Lista

Race winner Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Race winner Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
1/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia con lo Champagne

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia con lo Champagne
2/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia sul podio

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia sul podio
3/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando
4/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio
5/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Il delegato Mercedes per il trofeo Costruttori, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Il delegato Mercedes per il trofeo Costruttori, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio
6/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG
7/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, entra nella sua auto

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, entra nella sua auto
8/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, sulla griglia dopo le qualifiche

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, sulla griglia dopo le qualifiche
9/21

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, entra nei box

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, entra nei box
10/21

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
11/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Lando Norris, McLaren MCL34, Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34 e il resto delle auto

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Lando Norris, McLaren MCL34, Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34 e il resto delle auto
12/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

The Charles Leclerc Ferrari SF90 al parc ferme

The Charles Leclerc Ferrari SF90 al parc ferme
13/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari e Max Verstappen, Red Bull Racing

Charles Leclerc, Ferrari e Max Verstappen, Red Bull Racing
14/21

Foto di: Erwin Jaeggi

Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio con il trofeo

Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio con il trofeo
15/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
16/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
17/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
18/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
19/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
20/21

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Piloti del 2019 in posa per una foto di gruppo. Ultima fila S-D: Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, Romain Grosjean, Haas F1, Kevin Magnussen, Haas F1, Robert Kubica, Williams Racing, George Russell, Williams Racing, Sergio Perez, Racing Point, Lance Stroll, Racing Point. Seconda fila, S-D: Nico Hulkenberg, Renault F1 Team, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Lando Norris, McLaren, Pierre Gasly, Toro Rosso, e Daniil Kvyat, Toro Rosso. Prima fila, S-D: Charles Leclerc, Ferrari, Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, Max Verstappen, Red Bull Racing e Alexander Albon, Red Bull Racing

Piloti del 2019 in posa per una foto di gruppo. Ultima fila S-D: Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, Romain Grosjean, Haas F1, Kevin Magnussen, Haas F1, Robert Kubica, Williams Racing, George Russell, Williams Racing, Sergio Perez, Racing Point, Lance Stroll, Racing Point. Seconda fila, S-D: Nico Hulkenberg, Renault F1 Team, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Lando Norris, McLaren, Pierre Gasly, Toro Rosso, e Daniil Kvyat, Toro Rosso. Prima fila, S-D: Charles Leclerc, Ferrari, Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, Max Verstappen, Red Bull Racing e Alexander Albon, Red Bull Racing
21/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Caso benzina Leclerc: Ferrari multata di 50 mila dollari!

Articolo precedente

Caso benzina Leclerc: Ferrari multata di 50 mila dollari!

Prossimo Articolo

Test F1 Abu Dhabi: ecco la line-up completa

Test F1 Abu Dhabi: ecco la line-up completa
Carica commenti