Ferrari: il debutto di Sainz potrebbe essere sulla SF71-H

Il primo test di Carlos Sainz con la Ferrari potrebbe essere al volante di una Formula 1 2018, con l'intento di iniziare ad inserirlo nei meccanismi della squadra.

Ferrari: il debutto di Sainz potrebbe essere sulla SF71-H

Con il programma di test pre-campionato del prossimo anno ridotto a sole tre giornate, sono state espresse diverse preoccupazioni riguardo al fatto che i piloti non avranno abbastanza tempo per prendere le misure ad un nuovo ambiente se dovessero cambiare squadra.

Le restrizioni ai test di F1 significano che non è possibile utilizzare una vettura attuale o del 2019 al di fuori dei test dell'anno prossimo. E questo limita le possibilità per i piloti come Sainz che cambieranno squadra.

Tuttavia, le squadre sono libere di utilizzare come vogliono le vetture 2018, che si basano ancora sulle stesse regole aerodinamiche.

Con Fernando Alonso che ha ritenuto che la possibilità migliore di abituarsi alla sua nuova squadra, la Renault, forsse quella di effettuare regolarmente dei test su una monoposto 2018, anche Sainz ha ammesso che discuterà con la Ferrari durante l'inverno se adottare un programma simile anche lui.

Leggi anche:

"Vedremo", ha detto Sainz. "Questa è la mia risposta al momento. Una volta che lascerò la McLaren per diventare un pilota Ferrari, ci saranno molte riflessioni dietro le quinte per essere sicuro di arrivare alla prima gara il più preparato possibile".

"Ovviamente questa potrebbe essere un'opzione, ma rimango fedele alla McLaren e non voglio essere troppo distratto da ciò che potrebbero portare gennaio, febbraio e marzo".

Con i test pre-campionato limitati ad una sola vettura, Sainz ritiene che il fatto che i piloti avranno solo un giorno e mezzo ciascuno prima dell'inizio della stagione sia troppo limitante.

"Posso già dirvi che un giorno e mezzo su una vettura di Formula 1, queste complesse vetture di Formula 1, non è sufficiente per preparare una stagione di F1", ha spiegato.

"Non si arriva a conoscere i trucchi della vettura, o del volante, anche se provi al simulatore. Bisogna conoscere anche la squadra, quindi un giorno e mezzo è molto, molto poco e probabilmente non basta".

"Ma è quello che è. Dovremo adattarci e dovremo trovare un modo per il più preparati possibile entro i limiti del regolamento".

condivisioni
commenti
Ferrari: la SF1000 in Bahrain ha "fame" di aria?

Articolo precedente

Ferrari: la SF1000 in Bahrain ha "fame" di aria?

Prossimo Articolo

Leclerc: "Obiettivo terzo posto: fattibile, ma difficile"

Leclerc: "Obiettivo terzo posto: fattibile, ma difficile"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021