Ferrari: il motore 3 è salvo e ha risparmiato la vita di un GP!

65,916 viste

Le verifiche dei tecnici del Cavallino hanno confermato che il propulsore di Vettel che ha preso una "scaldata" al via del GP di Singapore dopo il crash con Raikkonen non ha riportato danni, per cui ha risparmiato la vita di un GP.

Non tutto il male viene per nuocere. Può sembrare un paradosso, ma è la cruda verità: la power unit di Sebastian Vettel non ha riportato seri guai. A dirlo sono stati i controlli che i tecnici del Cavallino hanno effettuato sulla SF70H seriamente danneggiata dopo il crash del pilota tedesco al via del GP di Singapore.

Non sono scattati allarmi per il propulsore dopo la “scaldata” che ha preso quando Kimi Raikkonen ha sfondato la fiancata della SF70H con il muso la pancia sinistra, proprio in prossimità dei radiatori acqua e olio che sulla Rossa sono disposti nell’inusuale posizione a V.

La squadra del Cavallino non si può più permettere altri passi falsi da qui alla fine della stagione e l’idea di disporre del motore 3 che ha “risparmiato” la vita di un Gran Premio dovrebbe permettere alla Ferrari di arrivare in fondo alla stagione 2017 senza dover incorrere in penalità sulla griglia di partenza.,

Il motore 4, infatti, dovrebbe fare il suo debutto a Sepang, ma non avrà il compito di coprire i restanti sei appuntamenti iridati, per cui il 6 cilindri di Singapore sarà molto prezioso per assicurare le giuste rotazioni e per tenere la Rossa del tedesco al riparo da sorprese.

Aggiungiamo anche che l’ultimo 062 che sarà omologato dovrà sottostare al limite di consumo dell’olio che per la FIA è scattato a partire dal GP d’Italia: da Monza i nuovi propulsori non devono superare un consumo di 0,9 litri per 100 km, mentre le unità precedenti possono “bruciare” fino a 1,2 kg per 100 km, con un indiscutibile vantaggio nelle prestazioni, visto che il lubrificante è additivato con sostanze antidetonanti che consentono un importante aumento di potenza in quei picchi in cui è necessario.

Vale la pena ricordare, infatti, che la Mercedes non dovrà sottostare a questi vincoli avendo omologato il motore 4 a Spa Francorchamps (sebbene il team di Brackley sostenga di attenersi ai limiti di consumo varati dalla FIA a Monza già dal GP d’inizio stagione in Australia).

I motoristi diretti da Andy Cowell, però, in qualifica a Singapore sembra che abbiano rinunciato a sfruttare tutto il potenziale del “bottone magico”, per salvaguardare la vita del motore 3 di Lewis, dal momento che il 4 ha già due GP sulle spalle e non può reggere i restanti sei appuntamenti in calendario (ogni power unit dovrebbe disputare una media 5 GP per non incorrere in penalità).

Il motore 3 della Mercedes, che ha debuttato a Silverstone e che poi ha corso in Ungheria e Singapore, dovrà allungare la sua esistenza per evitare che la freccia d’argento di Hamilton debba pagare un dazio sullo schieramento di una delle gare conclusive della stagione.

Non è affatto peregrino, quindi, pensare che la partita iridata sia tutt’altro che chiusa per Sebastian Vettel. Ha detto bene Maurizio Arrivabene dopo la delusione di Marina Bay che la sfida mondiale sarà più difficile del previsto, ma non è ancora conclusa…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Singapore
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Singapore Street Circuit
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie