Ferrari: promosso il motore 2018 che ha la durata dei 7 GP!

Da Maranello arrivano indicazioni positive sulla power unit che al banco avrebbe raggiunto una vita utile a rispettare il vincolo delle 3 power unit nel corso della stagione. Adesso è in arrivo una nuova testata per incrementare le prestazioni.

Ferrari: promosso il motore 2018 che ha la durata dei 7 GP!
Ferrari SF70H: problemi in griglia per Kimi Raikkonen e Sepang
Mattia Binotto, Chief Technical Officer, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Ferrari SF70H, nuovo airbox
Retrotreno Ferrari SF70H
Logo Ferrari sulla SF70H
L'abitacolo della Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H

Alla Ferrari sono molto carichi: il motore che inizierà la stagione 2018 avrebbe raggiunto l’affidabilità per durare 7 GP. Nella Gestione Sportiva il fire up del propulsore montato sulla nuova Rossa è stato accolto con soddisfazione, sebbene le prime due messe in moto siano andate a vuoto. Niente di grave: solo un borbottio prima dell’urlo liberatorio, perché i test di durata al banco hanno dato esiti positivi.

Della macchina 2018 con un passo leggermente più lungo dello scorso anno si dice un gran bene a livello telaistico e aerodinamico, mentre alcuni dubbi riguardavano la durata della power unit.

Se si considera che il V6 Turbo che sarà montato sulla nuova Rossa a partire dai test di Barcellona mantiene una stretta familiarità con l’unità siglata 063 che ha disputato la scorsa stagione, appare evidente che i tecnici diretti da Corrado Iotti abbiano svolto un grosso lavoro per allungare la vita di un propulsore che faceva fatica a completare 5 GP nel 2017.

Chiuso dalla FIA in modo definitivo il capitolo dell’olio “bruciato” che ha caratterizzato l’anno scorso, quando si usavano in modo smodato i lubrificanti per portare in camera di combustione degli additivi vietatissimi nella benzina (si vocifera che ci fosse chi l’anno scorso avesse aggiunto anche il metanolo agli antidetonanti!), ottenendo una “miscela” che permetteva di incrementare sensibilmente la potenza in alcuni giri (si è parlato di circa 60 cavalli).

I motoristi del Cavallino, quindi, avrebbero deciso un passo indietro, prima di farne uno più lungo in avanti. Il propulsore 2018, almeno all’inizio della stagione, sarà in linea con la potenza dello scorso anno, mentre dovrebbe contare su un importante sviluppo nel corso del campionato, quando sarà disponibile una nuova testata che è stata disegnata appositamente per esasperare la camera di pre-combustione e l’imperante concetto del Tji per sfidare le Mercedes anche nel giro secco in qualifica.

Il 6 cilindri turbo, però, non avrà i pistoni in lega di acciaio, come avrebbe dovuto essere alla fine dello scorso campionato sul motore 4. La soluzione che doveva essere uno dei cardini del propulsore di Lorenzo Sassi non è stata adottata, così come il progetto che era siglato 064 e che è stato abortito a inizio estate.

L’apprezzato tecnico toscano, che presto prenderà servizio a Brixworth al Mercedes AMG High Performance Powertrain non appena scadrà il periodo di gardening, aveva adottato soluzioni molto spinte che non avevano dato i risultati di affidabilità che il dt Mattia Binotto si aspettava, per cui il suo 6 cilindri è stato accantonato e il motore 2018 non è nato da un progetto nuovo, ma dalla revisione del propulsore 2017.

Senza gli abusi dell’olio del 2017, toccherà ai petrolieri dare un concreto contributo alla crescita della potenza con benzine ad alto potere calorifico, nonostante i vincoli molto restrittivi che la Federazione Internazionale ha voluto applicare. La Shell dovrà dimostrare di non temere il confronto con la Petronas, fornitore esclusivo della Mercedes, che on questa era ibrida ha sempre rappresentato il punto di riferimento per tutti, Exxon Mobil e BP comprese…

condivisioni
commenti
La Renault punta a colmare il gap sulla Red Bull entro il 2019

Articolo precedente

La Renault punta a colmare il gap sulla Red Bull entro il 2019

Prossimo Articolo

Video Mercedes: la giornata di Bottas a Brackley e un po' di hockey

Video Mercedes: la giornata di Bottas a Brackley e un po' di hockey
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021