Ferrari: finita l'autarchia di Marchionne a Maranello si pescano nuovi tecnici

L'ex presidente aveva promosso le seconde e terze file del Reparto Corse per rilanciare la Scuderia, mentre Mattia Binotto sta puntando su nuove leve che arrivano da fuori (in particolare Red Bull Racing) per completare un puzzle con tessere che coprano i punti deboli del team.

Ferrari: finita l'autarchia di Marchionne a Maranello si pescano nuovi tecnici

La mancanza di prestazione della SF90 comincia a mietere le sue vittime all’interno del Reparto Corse? Mattia Binotto è abilissimo a fare argine sulle difficoltà oggettive della Rossa perché ci mette puntualmente la faccia nello spiegare che cosa non funziona, ma il team principal sta lavorando sodo per potenziare la struttura tecnica (specie di simulazione) che, evidentemente, ha mostrato più di una lacuna.

Oltre all’uscita di Giacomo Tortora dal reparto simulazione della Ferrari, si registra anche l’addio di Alessandro Cinelli, responsabile del gruppo di valutazione delle performance aerodinamiche, esponente storico del team di Maranello da 17 anni.

La sensazione è che la promozione delle forze interne che era stata voluta da Sergio Marchionne per liberare le idee presenti all’interno della Scuderia sia arrivata al capolinea: il vulcanico ex presidente aveva saputo scovare delle risorse nel Reparto Corse che erano state messe ai margini dalle gestioni degli inglesi Pat Fry e James Allison, direttori tecnici che avevano portato a Maranello le loro persone di fiducia.

L’esempio più eclatante è stato quello di David Sanchez, fantasioso aerodinamico francese che era finito nel dimenticatoio ai margini della Scuderia e che è stato recuperato all’epoca dell’uscita di Dirk De Beer nel 2016.

Affiancato da Enrico Cardile, l’aerodinamico che aveva curato la 488 GTE nel reparto GT di Antonello Coletta, il transalpino ha lanciato una rivoluzionaria filosofia costruttiva con il convogliatore di flusso montato davanti alle pance molto arretrare della SF70H, che ha aperto un filone di sviluppo poi copiato da tutti, Mercedes esclusa.

Con Cardile promosso a “coordinatore” del progetto SF90 nel ruolo lasciato da Simone Resta, Sanchez ha fatto un altro passo avanti e da febbraio è stato nominato capo degli aerodinamici del Cavallino.

E allora si capisce perché adesso la Ferrari ha bisogno di rinforzare gli organici pescando nuovi tecnici dall’esterno. Simone Resta può diventare un cavallo di ritorno, ma il nome del dt Alfa Romeo non ha entusiasmato Binotto quando i giornalisti glielo hanno ricordato segno che non tornerà come chief designer.

A Maranello stanno arrivando ingegneri capaci, ma nessun nome di grido. Si tratta di figure apicali nei propri ambiti, in grado di dare nuovamente una scossa a un ambiente che non può mai sedersi sugli allori. Per esempio parliamo di Marco Adurno, un italiano che si era creato una buona reputazione in Red Bull Technology come capo del gruppo che si occupava di analisi dei dati e simulazione.

Segue Peter Mlinaric arrivato a Maranello quasi un anno fa sempre da Milton Keynes per dare nuovo impulso al reparto CFD e alle nuove tecnologie. Non deve sorprendere che l’attenzione sia stata puntata sulla Red Bull, squadra considerata maestra nella realizzazione di monoposto con un grande carico aerodinamico in grado di sopperire, almeno in parte alla mancanza di potenza dei motori Renault, prima, e Honda, oggi.

La Ferrari, quindi, sta cambiando pelle: in silenzio sta nascendo la Scuderia di Mattia Binotto. Sta mettendo ogni tessera del puzzle al suo posto e chissà che poi la Rossa non inizi a vincere…

Laurent Mekies, ds Ferrari, con Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Laurent Mekies, ds Ferrari, con Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, e Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, al Parc Ferme
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, e Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, al Parc Ferme
2/12

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
3/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Il numero 16 sulla Ferrari di Charles Leclerc, Ferrari SF90
Il numero 16 sulla Ferrari di Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/12

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Close up del danno sul fondo della monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
Close up del danno sul fondo della monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Meccanici seduti nel garage accanto alla monoposto del ritirato Charles Leclerc, Ferrari SF90
Meccanici seduti nel garage accanto alla monoposto del ritirato Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
10/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Alex Cinelli, Ingegnere Aerodinamico Ferrari
Alex Cinelli, Ingegnere Aerodinamico Ferrari
11/12

Foto di: XPB Images

Giacomo Tortora, responsabile sviluppo Scuderia Ferrari
Giacomo Tortora, responsabile sviluppo Scuderia Ferrari
12/12

Foto di: Franco Nugnes

condivisioni
commenti
Red Bull apre il mercato: vuole Hulkenberg se non rinnova la fiducia a Gasly

Articolo precedente

Red Bull apre il mercato: vuole Hulkenberg se non rinnova la fiducia a Gasly

Prossimo Articolo

Hamilton: "Le gomme 2019 hanno una finestra d'utilizzo più piccola e fatico"

Hamilton: "Le gomme 2019 hanno una finestra d'utilizzo più piccola e fatico"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021